In arrivo la grande nevicata (e 12mila tonnellate di sale)

I primi fiocchi erano attesi per stanotte. Ma la vera nevicata era annunciata per oggi e domani, nei tradizionali freddissimi giorni della Merla, i più gelidi dell'anno. L'aria aveva già cominciato a ghiacciarsi ieri e il Comune nel pomeriggio ha convocato l'Unità di crisi per non farsi trovare impreparato all'eventuale arrivo della neve. Pronta a partire Amsa, con 850 operatori e 535 automezzi dotati di un apparato di tracciamento veicolare Gps, grazie al quale è possibile eseguire un costante controllo qualitativo delle operazioni. Nei magazzini sono già state stoccate oltre 12mila tonnellate di sale. Il piano neve di Amsa è stato deciso in collaborazione con il Comune di Milano e la Protezione Civile. Se, come previsto, la neve oggi dovesse imbiancare le vie cittadine, la società provvederà allo spargimento del sale sulle vie e nei punti della città dove possono registrarsi le maggiori criticità. Sarà compito di Amsa eseguire anche le operazioni di lamatura meccanizzata delle strade, prevista quando lo strato di neve supera i 5 centimetri per cercare di ridurre al minimo i disagi per gli automobilisti, oltre all'ammasso e alla rimozione della neve. I luoghi più sensibili della città sono presidiati con specifica attenzione: sedi tramviarie dei mezzi pubblici, le fermate Atm e le scalinate di ingresso alle stazioni della metro, le scuole, gli ospedali e gli altri luoghi di maggior passaggio. Per tutti questi servizi sono stati allertati quasi 900 uomini e oltre 500 automezzi dotati di apparecchiature speciali per controllare le operazioni. Al momento nei magazzini di Amsa e delle ditte che hanno in appalto il servizio di spargimento nelle diverse zone della città sono state stoccate 12mila tonnellate di sale ma è stato stipulato un contratto aperto nel caso si rendessero necessari rifornimenti aggiuntivi. In caso di nevicate di particolare intensità Amsa comunica che potrà richiedere l'intervento di personale avventizio. Sono state oltre 8mila persone hanno risposto alla campagna di reclutamento e si sono dichiarate disponibili ad affiancare i lavoratori Amsa nelle operazioni di pulizia delle principali aree pedonali cittadine e dei marciapiedi commissionati dall'Amministrazione Comunale. L'Amsa ricorda che lo sgombero della neve dai marciapiedi antistanti gli stabili privati compete ai proprietari degli stessi immobili, come previsto dall'ordinanza comunale del 10 novembre 1997. È importante, inoltre, non invadere la carreggiata con la neve rimossa dai marciapiedi e non ostruire gli scarichi e i pozzetti stradali. In una giornata come questa raccomandano di ridurre al minimo gli spostamenti con autoveicoli privati, privilegiando invece l'uso dei mezzi di trasporto pubblico. Preallerta neve anche nei 15 centri operativi dislocati a presidio delle Strade di pertinenza della Provincia di Milano. Ogni centro operativo curerà circa 60 km di strade ed è fornito di 5/7 automezzi dotati di lama spazzaneve, di uno o due spargisale e di 15 quintali di sale. L'Assessorato provinciale alle Infrastrutture spiega che «una quindicina di automezzi spargisale interverranno ai primi fiocchi per evitare formazioni di lastre di ghiaccio. Non verrà utilizzata sabbia per motivi di sicurezza. Gli 80 spazzaneve saranno utilizzati solo al raggiungimento di 5 centimetri di spessore della neve per non favorire la formazione di ghiaccio».