Assistenza a domicilio e Case di accoglienza

E per la ricerca finanzia «Ginema»: 150 centri di ematologia sparsi sul territorio nazionale

Sono numerose le patologie ematologiche che colpiscono sia adulti, sia bambini; la più conosciuta è la leucemia, anche se di questa malattia ne esistono differenti forme e manifestazioni; poi ancora linfomi, mielomi, aplasie midollari, giusto per citarne solo poche altre.

L'Ail, l'Associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma ( nella foto un gruppo di volontari ) che da 45 anni opera sul territorio nazionale attraverso le autonomie delle 81 sezioni provinciali, investe le sue risorse nell'intento di offrire al malato un supporto adeguato. Infatti, ponendo al centro di tutta l'attività la dignità e il rispetto della persona, Ail con la sua équipe di medici e operatori accompagna i pazienti lungo il difficile percorso della malattia. Con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita dei malati - ma anche dei familiari, spesso in difficoltà nella gestione di queste situazioni - la Onlus organizza il Servizio di Assistenza Domiciliare, evitando così il ricovero in ospedale e realizza «Case di Accoglienza» che ospitano pazienti e congiunti che vivono lontano dai centri di cura.

Ail, tuttavia, non trascura la ricerca, attività fondamentale per per debellare le malattie ematiche; ogni anno, infatti, finanzia «Ginema» che, composto da oltre 150 Centri di Ematologia sul territorio nazionale, opera per identificare e divulgare i migliori standard diagnostici e terapeutici delle malattie del sangue.

 Ecco perché il 5 x 1000 che Ail chiede ai contribuenti è una risorsa importante per realizzare la mission di una Onlus nata per aiutare coloro che stanno affrontando delle malattie purtroppo sempre più diffuse.

Di segutio il codice fiscale Ail da trascrivere: 80102390582.

Per info: Ail: www.ail.it