Assolombarda, 50 progetti per Milano

Hanno aspettato tanto un'azione decisa della politica, ora gli imprenditori lombardi hanno deciso di prendere in mano la questione città metropolitana. Assolombarda ha presentato ieri 50 progetti, partendo dall'economia. Decine di iniziative per guardare al futuro: «Vogliamo provare a fare di Milano un esempio per l'Italia in questo momento così delicato - ha dichiarato Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda - la politica non è riuscita a pensare in grande finora». E il sistema è affrontare i nodi centrali per cambiare passo e «evitare che Milano non giochi più in serie A: in questo momento rischiamo di retrocedere non si può più pensare come se avessimo l'elettroencefalogramma piatto». Eccesso di burocrazia, tasse e incertezza normativa sono alcuni dei punti su cui si concentra metà dei progetti avviati dall'associazione. E diversamente dai tanti tavoli voluti dalla politica, per queste 50 iniziative sono previsti aggiornamenti pubblici con cadenza trimestrale o semestrale. «Sono i mattoni con cui costruire la città metropolitana - ha commentato Rocca - e saranno anche il metro del nostro avanzamento in quella direzione». Un esempio è il modello di pagamento tra privati: si tratta di importare il sistema anglosassone e, per le aziende che aderiranno al protocollo già preparato da Assolombarda, le banche hanno assicurato un rating di favore. Un altro è quello di fare di Milano una start-up town: «Abbiamo una densità di produzione scientifica più alta di quella tedesca - ha sottolineato Rocca - ma produciamo un quarto dei brevetti: in Germania sono più bravi a trasformare le idee in imprese, fatto che gli invidiano anche negli Usa, e in questo dobbiamo imparare per competere con loro». Un altro ancora è usare Expo per promuovere contratti di lavoro senza articolo 18, per favorire le assunzioni. Soprattutto di giovani. Expo Jobs, questo il nome, è una sperimentazione basata sul modello tedesco «per dare ai giovani l'opportunità di entrare in azienda», ha spiegato Rocca. Ma la lista degli interventi è lunga. Assolombarda vuole riuscire dove la politica ha fallito. E a proposito di un suo impegno politico, Rocca dice: «Non pensiamo subito alla seconda puntata, per noi è un dovere morale occuparsi di Milano e dell'Italia visto che la storia della nostra famiglia è legata a questa città, prima concludiamo questo incarico al meglio poi penseremo al resto».