Il Banco Alimentaresalva gli alimentida dare ai poveri

Nel 2012 il <strong><a href="http://www.bancoalimentare.it/index.php">Banco Alimentare</a></strong> ha recuperato 74.500 tonnellate di cibo, redistribuendole gratuitamente ad associazioni ed enti caritativi. Per far crescere questo circolo virtuoso diminuendo gli sprechi e aiutando i più poveri, dona il <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/web/pdf/banco_alimentare.jpg">5x1000 al Banco Alimentare</a></strong>

Vi siete mai chiesti quanto del cibo che acquistiamo quotidianamente buttiamo via senza neanche accorgercene, insomma quanto cibo sprechiamo? La risposta in una cifra: 74.500 tonnellate. Questo quanto di eccedenze alimentari è stato recuperato nel 2012 dalla Rete Banco Alimentare. Con le sue 21 organizzazioni sul territorio nazionale il Banco Alimentare recupera eccedenze alimentari e le ridistribuisce gratuitamente ad associazioni ed enti caritativi. Grazie al contributo di centinaia di soggetti della filiera agroalimentare che donano le proprie eccedenze, il Banco Alimentare è riuscito a trasformare le eccedenze stesse in risorse per aiutare i più poveri.

Sono le cifre stesse a descrivere bene questo circolo virtuoso reso possibile da un'attiva opera di collaborazione tra diversi soggetti sociali. Quest’anno le eccedenze recuperate ammontano a 74.500 tonnellate, redistribuite dal Banco Alimentare a circa 8.700 strutture caritative che aiutano quotidianamente più di 1,7 milioni di poveri in tutta Italia. Nella sola Lombardia, dove il Banco Alimentare è nato, nel 2011 ha recuperato 12.251 tonnellate di alimenti e li ha ridistribuiti a 1.270 strutture caritative che aiutano quasi 200.000 indigenti mentre nella sola Milano, con l’iniziativa Siticibo, ad oggi sono stati distribuiti più di 1.000.000 di porzioni.

Per far sì che questo circolo virtuoso cresca ulteriormente, riducendo gli sprechi e aiutando che ha davvero bisogno, si può donare il 5x1000 al Banco Alimentare scrivendo nella casella 5x1000 il  seguente C.F. 97190140158

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Mer, 30/05/2012 - 18:33

Finalmente qualcosa di utile per combattere sia gli sprechi alimentari , sia aiutare chi ne ha veramente bisogno . Plaudo all iniziativa, ma sperando che non si intromettono sciacalli che come sempre stanno in agguato.

linoalo1

Gio, 31/05/2012 - 10:04

Questa si che è una bella notizia!Peccato che non venga pubblicizzato il modo per incrementare questa iniziativa.Tutti i Media dovrebbero essere obbligati a publicizzare la notizia e come fare per aiutare il Banco Alimentare.Lino.

matrix2008

Ven, 01/06/2012 - 11:41

Ma siete veramente convinti che andranno ai poveri? forse il 20% della raccolta è bello leggere che vi è ancora gente ingenua e disillusa. Sono zuccherini inventati dal Potere per scaricare le coscienze delle masse e distrarle dalla verità. Un esempio : il valore della merce raccolta equivale alla gestione e manutenzione di un mese delle auto blu a diposizione della Camera e Senato. Con i soldi gettati in un anno per mantenere l'esercito italiano in Libano e Afganistan si potrebbero costruire altre 20 ospedali attrezzatissimi. In Italia servono Ambulanze e pronto soccorso non auto blu e caccia f23. Ma questo non lo vedete pechè siete distratti e sazi dagli zuccherini.

pgbassan

Ven, 01/06/2012 - 17:36

#3 matrix2008: "Sono zuccherini inventati dal Potere". Parli a vanvera. Il Banco Alimentare è stato 'inventato' da un certo don Luigi Giussani con la collaborazione di un imprenditore comasco. Al di fuori di ogni calcolo. "Anche nella società più perfetta ci sarà sempre bisogno della carità" era il suo motto. E sono migliaia i volontari addetti alla raccolta e ridistribuzione del cibo (in primis i ciellini). Per inciso don Giussani è anche il fondatore di CL, Comunione e Liberazione. E tante altre iniziative. Ma si sa che la lente di ingrandimento mediatica e gossìpara va a vedere solo le cose che non vanno bene e non si parla delle tante iniziative buone, oltre a questa del Banco, in ogni settore e ogni tipo di volontariato.

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 14:02

Sarebbe un gran bella notizia, solo che dietro la frase "andranno ai più poveri" si deve leggere "agli sciacalli extracomunitari".

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 14:02

Sarebbe un gran bella notizia, solo che dietro la frase "andranno ai più poveri" si deve leggere "agli sciacalli extracomunitari".

nbsoft

Dom, 03/06/2012 - 14:39

E ai terremotati chi ci pensa? Non il Banco Alimentare, non la Protezione Civile ma i volontari che non possono contare sul cinque per mille...

nbsoft

Dom, 03/06/2012 - 14:39

E ai terremotati chi ci pensa? Non il Banco Alimentare, non la Protezione Civile ma i volontari che non possono contare sul cinque per mille...

lerici

Dom, 03/06/2012 - 23:27

Se non credete che non va sprecato nulla avete un modo: venite anche voi a vedere e già che ci siete date una mano, ne servono tante! fermate la lingua e muovete le mani per gli altri! basta qualche ora! forza vi aspettiamo!

Il_Presidente

Lun, 04/06/2012 - 14:10

andranno ai più poveri... stranieri, ovviamente. Visto che raccattiamo tutti i morti di fame del pianeta ed un bisognoso italiano è un magnate a confronto degli utilissimi importatori di ricchezza e cultura "migranti".

tato_mi

Lun, 04/06/2012 - 15:12

Vorrei invitare Il_Presidente e planaud a recarsi qualche giorno a visitare questi luoghi per verificare se veramente ci sonao solo extracomunitari o anche degli italiani. Scopriranno che, purtroppo, che ci sono si extracomunitari ma anche tanti italiani (sopratutto anziani),che non riescono ad arrivare a fine mese. E' facile parlare senza sapere....

routier

Lun, 04/06/2012 - 22:50

PER plaunad. (commento n° 5) Credo che Lei abbia ragione. Purtroppo .