Centrodestra in rivolta per l'imam che spiega quando pestare le donne

Indignazione per l'ospite dello show islamico. Assessore regionale e deputati incalzano Sala

Sorpresa, indignazione, ma non solo. Il centrodestra chiama anche in causa il sindaco, per chiedergli conto di quali siano i suoi interlocutori sul tema moschee. Non è passato inosservato insomma il caso sollevato dal Giornale sulla "Fiera della speranza", evento organizzato da "Islamic relief" e in programma per il fine settimana di Pasqua in un locale di via Mecenate a Milano. Non è passato inosservato, soprattutto, l'ospite d'onore, l'Imam Jasem Al Mutawa. L'appuntamento è molto ambizioso: previsti spettacoli, concerti, un talent show, ma anche laboratori, conferenze e workshop. E anche il lancio pubblicitario è stato di prim'ordine con tanto di sponsor, concorsi abbinati e pullman per i fan in arrivo da mezza Italia.

Ora sono noti anche gli ospiti dell'«evento più atteso dell'anno» e uno in particolare ha suscitato preoccupata attenzione (ma non a sinistra, a quanto pare). È L'imam Al Mutawa, protagonista di una grottesca performance televisiva: un'intervista in cui discettava di percosse sulle donne. «Si può trovare in rete un video in cui insegna che la moglie non va picchiata con bastoni pesanti, ma con mano leggera, per farle capire chi comanda» ha spiegato interpellato dal Giornale Lorenzo Vidino, fra i massimi esperti di estremismo islamico. Vidino ha spiegato anche che Abdel Mourou - altro ospite - «è il leader spirituale di Al Nahda, sostanzialmente la versione tunisina dei Fratelli Musulmani» e che un terzo, Rajab Zaki è «l'imam della moschea di Finsbury Park, considerato l'epicentro dei Fratelli Musulmani inglesi».

«Basito» si dichiara l'assessore regionale Pietro Foroni. «Per quello che sta succedendo a Milano e per il solito tremendo silenzio». L'assessore - da titolare dell'Urbanistica - sta gestendo per il Pirellone la delicata partita del piano delle attrezzature religiose presentato dal Comune di Milano, che prevede quattro moschee da sanare e una nuova. «Altro che Fiera della speranza, siamo di fronte a un evento dai risvolti inquietanti» dice Foroni, sottolineando anche la presenza del «leader spirituale di un'organizzazione vicina ai Fratelli musulmani». «I soloni che predicano il dialogo e l'accoglienza senza limiti e il sindaco di Milano - aggiunge - dovrebbero pensarci due volte prima di dare spazio a simili personaggi, e spiegare ai milanesi e agli italiani quale tipo di dialogo hanno in mente con individui così ambigui». Foroni chiede se il sindaco Sala e la giunta di Milano « quando prevedono nuove moschee nella strumentazione urbanistica comunale intendano avere come riferimento queste realtà». «Sempre pronti a denunciare presunti pericoli fascisti e razzismi vari - conclude - mi aspetto da loro adeguate prese di posizione».

«Eccoli, i musulmani moderati nella Milano avamposto di civiltà di Sala» ironizza Daniela Santanchè. E in Fdi anche Marco Osnato, deputato milanese, va all'attacco. «Denunciamo da anni una contiguità, forse sarebbe meglio dire complicità, tra associazioni islamiche che si dichiarano dialoganti e aperturiste e i peggiori ambienti dell'integralismo politico, sociale e culturale del mondo musulmano. Tutto questo, purtroppo, avviene sotto l'occhio benevolo di gran parte della sinistra italiana e con appoggi, politici ed economici, delle peggiori teocrazie mediorientali». Di «associazioni che strizzano l'occhio agli integralisti» parla anche il senatore Giovanbattista Fazzolari (Fdi) «Possibile che solo Fratelli d'Italia denunci questo schifo?» chiede.