Cercate un regalo speciale? Card Oro Natale del Piccolo

Due spettacoli a scelta tra classici, drammaturgia contemporanea, danza e rappresentazioni per ragazzi

Beatrice Coppola

Il Piccolo, da sempre, è una delle case preferite dai milanesi che amano la cultura. Per la sua versatilità, per la qualità delle proposte offerte, per l'importanza delle compagnie teatrali, per l'internazionalità che non tradisce l'amore per l'Italia, il Piccolo è il punto di riferimento degli amanti del teatro. Con la «Card Oro Natale» del Piccolo Teatro, già acquistabile e usufruibile, potrete vedere (o farne regalo gradito) due grandi spettacoli a un prezzo speciale. Con ampia possibilità di scelta tra classici e drammaturgia contemporanea, tra danza e spettacoli per ragazzi. Si potrebbe optare, ad esempio, per il suggestivo «Fine pena: ora» (fino al 22/12): Mauro Avogadro porta in scena la storia (raccontata nella drammaturgia di Paolo Giordano) del rapporto epistolare tra un ergastolano, Salvatore, giudicato colpevole, nel 1985, in un maxiprocesso alla mafia catanese e il giudice che lo condannò. Come interessante è, senza dubbio, «Le avventure di Numero Primo», in calendario, allo Strehler, fino al 10 dicembre. Marco Paolini e il coautore Gianfranco Bettin provano, in questo racconto di formazione, a rispondere a domande come: «Qual è il rapporto di ciascuno di noi con l'evoluzione delle tecnologie»? «Quanto sottile è il confine tra intelligenza biologica e intelligenza artificiale»?

Per chi ama il balletto, da segnare l'appuntamento con gli allievi dell'Accademia Teatro alla Scala che proporranno, al pubblico meneghino, dal 14 al 22 dicembre, un classico come «Lo Schiaccianoci», di Ciajkovskji, considerata la favola natalizia per eccellenza, in una coreografia firmata Frédéric Olivieri.

Anno nuovo, sempre la stessa qualità di proposte. A cominciare da «Freud o l'interpretazione dei sogni», il nuovo testo di Stefano Massini, interpretato dal bravo Fabrizio Gifuni, affiancato da un cast straordinario e diretto da Federico Tiezzi (in scena, dal 23/1 all'11/3 allo Strehler).

Amate De Filippo? Ecco «Il sindaco del Rione Sanità», per la regia di quel Mario Martone che per la prima volta si confronta con un testo di Eduardo, spettacolo in cartellone dal 9 al 28 gennaio 2018. Imperdibile è un altro capolavoro del grande Eduardo, ovvero «Questi fantasmi!» (dal 10 al 22 aprile, allo Strehler), affidato alla regia di Marco Tullio Giordana, che vedrà come protagonista Gianfelice Imparato. Anche gli appassionati di Goldoni saranno soddisfatti: dal 20/2 al 25/3 va in scena «Il teatro comico», una nuova produzione del Piccolo, per la regia di Roberto Latini.

Il 3 aprile, invece, è la volta di «Copenaghen» di Michael Frayn, con Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice. Olanda protagonista con «The year of cancer» (dal 5/4), storia di un amore impossibile raccontata da Luk Perceval.

E per concludere in allegria la stagione ecco «PaGAGnini» (dal 22/5 al 3/6), portato allo Strehler da un quartetto irresistibile di scanzonati musicisti. Spettacoli che faranno vivere la magia del Piccolo Teatro grazie anche alla «Card Oro Natale» che consente di assistere a due spettacoli a scelta tra quelli in abbonamento della Stagione 2017-18 al prezzo di 50 euro.

La «Card» è in vendita in biglietteria (Teatro Strehler - M2 Lanza, tel. 02.42.411.889) oppure su piccoloteatro.org