Curry, spaghetti e sushi Uber serve a domicilio pranzi e cene ai milanesi

Dopo due mesi triplicati i ristoranti partner Nella hit la cucina indiana e quella italiana

Da San Siro al Portello, dalla Maggiolina a Lambrate a Città Studi la cena è servita. Dopo i taxi, arrivano i pony e Uber torna all'attacco consegnando pranzi e cene ai milanesi che chiamano. Si tratta di Uber Eats, il servizio di consegna a domicilio di pasti direttamente dai ristoranti sempre attraverso il sistema delle applicazioni digitali per smartphone. Dopo Londra, dove la società statunitense ha testato sistema e consumatori, le «consegne» sono cominciate anche in Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Svizzera. E da un po' anche Milano. Uber Eats non è più un servizio passeggeri ma di merci, pensato per la consegna a domicilio di cibi, piatti tipici, delizie prelevate e consegnate direttamente dalle cucine dei ristornti della città. Nel Regno Unito ha spopolato con oltre 100mila persone che hanno scaricato la applicazione per lo smartphone in pochi mesi. Funziona anche a Milano tant'è che a due mesi dal lancio già si pensa di espanderlo ed ora i corrieri partner di Uber sono pronti a consegnare il cibo dei migliori ristoranti e locali milanesi oltre l'area della Circolare Esterna.

«Nata nel 2014 a Los Angeles come progetto sperimentale di Uber- spiegano i responsabili- l'app di UberEats cresce e non solo in termini di espansione geografica. Dal lancio il numero dei ristoranti partner si è ormai triplicato, andando così ad ampliare la scelta di gusto per tutti i food lovers che desiderano ordinare, con un clic, piatti sfiziosi e consumarli nel comfort del proprio salotto o comodamente in ufficio, tra una riunione e l'altra».

Aprendo la App (disponibile sia per Android che per iOS) o cliccando su www.ubereats.com ci si lascia guidare dall'ispirazione culinaria. Una vera e propria mappa delle cucine più ordinate quartiere per quartiere e la lista delle cucine più trend degli ultimi trenta giorni a Milano. Guida la classifica delle ordinazioni la cucina indiana, seguita dalla classica cucina italiana e da quella asiatica. Restano un classico le ordinazioni di cibo veloce come i sandwich e lo street food, seguite al sesto posto dai piatti americani e da quelli tex-mex. Chiudono la top ten gli hamburger e la cucina vegana.

«La missione di Uber- spiegano in azienda- è rendere il trasporto disponibile come l'acqua corrente ovunque e per chiunque. Abbiamo iniziato nel 2009 risolvendo un problema: come spostarsi premendo semplicemente un pulsante? Sei anni e oltre due miliardi di corse dopo, stiamo iniziando ad affrontare una sfida ancora più importante: ridurre il traffico e l'inquinamento nelle nostre città mettendo sempre più persone in meno macchine».