Dati Istat impietosi: «A Milano lo smog è peggiorato»L'indagine

Lo stop ad Area C viene accettato senza rimpianti dai milanesi. Già, perché a quanto pare i quasi sette mesi di provvedimento non hanno ripulito granché l'aria. D'accordo, lo scopo del ticket era quello di ridurre il traffico prima che lo smog. Fatto sta che l'Istat rileva un peggioramento della qualità dell'aria in tutto in Nord Italia, centro città compreso. Uno smacco: Milano si colloca al terzo posto nella classifica delle città che hanno contato più giornate con lo smog alle stelle durante l'anno.
Dall'indagine emerge che nel 2011 il numero medio di giorni in cui si è registrato il superamento del valore limite per la protezione della salute umana del Pm10 si è attestato a 54,4 giorni. Il dato segna un aumento rispetto agli ultimi anni, nel corso dei quali i valori erano diminuiti dai 68,9 giorni del 2007 ai 44,6 giorni del 2010.
L'incremento, evidenzia l'Istat, riguarda i capoluoghi del Nord Italia, passati da 55,8 a 75,2 giorni, e in parte dipende dall'andamento dei fattori meteo-climatici nel settentrione e soprattutto nella Pianura Padana. Risultano stabili, invece, i valori dei capoluoghi del Centro (circa 43 giorni) e del Mezzogiorno (circa 35 giorni).
Nel dettaglio, al Nord appena il 17,4% dei capoluoghi che hanno effettuato il monitoraggio per il Pm10 non ha superato la soglia delle 35 giornate, oltre le quali sono obbligatorie per legge misure di contenimento e di prevenzione delle emissioni di polveri sottili, mentre nel 2010 l'analoga quota del Settentrione era pari al 31,1%. Il quadro, sottolinea l'Istat, «disegna una situazione negativa che non si registrava da almeno quattro anni».
I primi dieci comuni per numero di giorni di superamento del Pm10 sono tutti del Nord, con Torino e Milano in prima e terza posizione e l'eccezione di Siracusa in seconda posizione.
Il senatore dell'Idv Gianpiero De Toni lancia un ulteriore appello perché la Regione Lombardia coordini meglio i pianti anti smog dei veri comuni.

Commenti

e.engelmann

Mar, 31/07/2012 - 11:15

Piu' che i dati assoluti, per dimostrare la totale inutilita' dell' Area C dal punto di vista dell' aria, e' piu' indicato il confronto fra i valori di PM10 fra dentro e fuori, prima e dopo la sua attivazione. Il confronto e' presentato qui: http://www.sos-traffico-milano.it/ArticoliDettagliArticolo.aspx?ID=38 , e dimostra come gli effetti dell' Area C siano pari a zero.