Emergenza siluri: i pescatori milanesi lanciano l'allarme contro i pesci killer

Uniti contro l'invasione di siluri. Questi pesci sono una delle specie in grado di minacciare la fauna autoctona e ora si stanno diffondendo anche nell'Idroscalo: a denunciarlo il gruppo di pescatori «Anonima cucchiaino» che frequenta lo specchio d'acqua milanese. «Da qualche mese, all'Idroscalo, i pescatori hanno cominciato a portare a riva “pesci gatto americani” più grossi della media - scrivono sul loro sito - in realtà, altro non sono che piccoli, si fa per dire, pesci siluro. Sono per ora catture sporadiche, ma è segno che qualcuno ha immesso anche qui la più infestante delle specie predatrici d'acqua dolce». Soluzioni definitive non ce sono, ma una per limitare l'invasione del «mare dei milanesi» l'associazione lo suggerisce: «I responsabili del settore Pesca della Provincia stanno valutando l'ipotesi di una campagna di pesca selettiva del siluro nell'Idroscalo, prima che sia troppo tardi. Al tempo stesso, noi pescatori dobbiamo fare il nostro dovere. come? rilasciando in salute i predatori che abboccano ai nostri ami ! E' molto diffusa purtroppo all'Idroscalo l'abitudine di trattenere i lucci di taglia». Per questo è partita una campagna per incitare al rilascio dei predatori autoctoni, soprattutto se di grosse dimensioni: «Catch&Release per salvare l'Idroscalo» ha già riscosso molte adesioni, sia da chi pratica la disciplina che da negozi di pesca. Il tema interessa tutti perché per i pescatori, o chi si interessa della salute dei corsi d'acqua lombardi, è ben conosciuto il potenziale distruttivo dei siluri. Questa specie, originaria dell'Europa orientale, è in grado di adattarsi a molti ambienti ed è in grado di riprodursi facilmente. Senza contare le grosse dimensioni a cui arrivano molti esemplari, Un concorrente troppo agguerrito per moltissime specie autoctone.