Governo snobba Milano: "In tre settimane neanche una chiamata"

Il sindaco sfida Salvini su Islam e immigrati E sul bis confessa: deciderò nell'estate 2020

«Sono tre settimane c'è un governo e in tre settimane non ho sentito né il premier Giuseppe Conte né uno solo dei ministri. Va benissimo, hanno un'agenda complicatissima. Ma forse se fossi dall'altra parte penserei che se c'è un modello di successo da usare per dare credibilità al Paese, quel modello oggi è Milano». Il sindaco Beppe Sala confessa che il governo Lega-M5S snobba la città e, durante l'intervista in diretta Facebook promossa ieri dall'associazione Cronisti in Comune per fare un bilancio dei primi due anni del mandato (nella foto), entra in rotta di collisione con il consiglio dei ministri gialloverde. Si attende un «riconoscimento del ruolo di Milano, del suo rilancio beneficia il Paese» e garanzia sui fondi per allungare la metro a Monza e Baggio: «Mi aspetto che il ministro M5S ai Trasporti Danilo Toninelli sia della partita, se il Comune o un concessionario finanziassero integralmente la M1 a Monza il biglietto certamente non aumenterebbe solo a 2 euro». E «nella sua carriera politica Salvini si è presentato come paladino del nord ma non l'ho ancora sentito dire una cosa in difesa».

Dall'impegno a realizzare moschee entro fine mandato al freno a mano sulla chiusura dei campi rom fino alla questione sgomberi, il sindaco traccia gli obiettivi della seconda metà del mandato. E sui temi dell'immigrazione marca continuamente le distanze dal ministro dell'Interno. «Via rom e abusivi dalle case popolari di via Gola e San Siro, pronto a parlarne con Sala» ha dichiarato due giorni fa il leader della Lega. «Si può fare certamente di più, ma Milano con 1.138 alloggi Mm occupati su 30mila non è certo in una fascia delicata rispetto ad altre città - premette Sala -. Noi non siamo da proclami ma da azioni, Salvin si riferisce tra l'altro a palazzi che fanno capo alla Regione, se ritiene siamo pronti a fornire tutele a bambini e persone in difficoltà. Gli chiedo di confrontarsi tecnicamente sulle questioni, a proclami non si va da nessuna parte». Secondo round sui campi rom. «Anche l'Ue ci dice che non dovremmo averne ma da lì a dire cancelliamoli non è facile - afferma Sala -. Nel tempo vanno azzerati ma non ho la soluzione immediata, iniziamo da quelli abusivi e che danno molto fastidio alla popolazione». E sul piano moschee si definisce «deciso, zero ambiguo», nella Costituzione «c'è il diritto alla propaganda religiosa e lavorerò fino all'ultimo giorno di mandato affinchè 70mila musulmani che vivono in città abbiano un luogo per pregare. Da questo mi differenzio da Salvini che agita il rosario, mostra il Vangelo e poi assume atteggiamenti lontanissimi dai dettami. Io sono credente, rispetto quello che c'è scritto sul Vangelo e sulla Costituzione, sennò evito di ricercare consenso usando strumenti che poi mi mettono in contraddizione». Difende infine le iniziative pro migranti come la tavolata multietnica prevista sabato al Sempione. «Nascono anche da me, non scarico solo sull'assessore dem Majorino» precisa anche se sa che «il giorno dopo è possibilissimo che se facessimo un sondaggio il consenso scenderebbe. Ma non mi appartiene cercare consenso facile, e vista l'aria che tira mi sento ancora più in dovere di difendere un certo tipo di idee». L'aria che tira? «Vivo a Milano da molto tempo e non ricordo sentimenti così negativi verso gli immigrati. Non ci siamo mai preoccupati quando arrivavano dall'Est o dalle Filippine, pongo una domanda non provocatoria: è l'uomo nero che spaventa? Vorrei che si affrontasse il tema immigrazione in maniera lucida, e che non fosse un tema di puro scontro elettorale perché questo fa veramente molto male». Tra i prossimi obiettivi: regolarizzazione del Leoncavallo («spero di chiudere in fretta l'accordo sullo scambio di aree con i Cabassi poi faremo un bando»), lascia «un mese al governo per dirci come procedere sull'iscrizione di figli con due papà o decideremo noi, il mio orientamento è positivo», sull'innalzamento della soglia di esenzione Irpef promessa in campagna rinvia a un generico «entro fine mandato» e sul piano periferie non è «contentissimo della velocità che abbiamo tenuto, dopo l'estate andremo nei 40 quartieri a presentare progetti sintetizzati in un libretto». Un tour a recuperare consensi visto che nelle periferie il Pd è crollato alle ultime elezioni? «Non è questo il motivo» dice. Apre al «quarto anello» di San Siro ma viste le «altre difficoltà di Milan e Inter in questo momento» non «spingo più di tanto perchè trovino subito un accordo sul futuro dello stadio». Mentre ribadisce la volontà di candidare Milano a ospitare le Olimpiadi invernali del 2026, i contatti con il sottosegretario Giorgetti sono aperti ma anche Torino fa pressing. Sull'apertura del Palalido non si sbilancia più, «fine 2018 o inizio 2019». Nè si sbilancia troppo sul secondo mandato. «La mia decisione ad oggi sarebbe di andare avanti ma è una vita molto faticosa, vengo da 5 anni di Expo molto faticosi, intorno alle vacanze del 2020 mi guarderò a fondo, vedrò le condizioni psico-fisiche, parlerò con le persone a me vicine e deciderò cosa fare».

Chiara Campo

Commenti

cgf

Mer, 20/06/2018 - 09:34

qualcosa non quadra... sarebbe come se un vescovo si lamentasse che il Papa non lo chiama. Qualcuno si è montato la testa.

cgf

Mer, 20/06/2018 - 09:35

qualcosa non quadra... sarebbe come se un vescovo si lamentasse che il Papa non lo chiama. Qualcuno si è montato la testa, ha voluto + immigrati, nuove moschee e si lamenta? mi pare troppo.

steacanessa

Mer, 20/06/2018 - 10:43

Cosa volete che dicano a questa salacca (aringa affumicata in genovese)? Che è un belinone che sta riducendo Milano a un campo di clandestini spacciatori.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Mer, 20/06/2018 - 11:06

non hanno tempo da perdere, semplice no?

frabelli1

Mer, 20/06/2018 - 11:17

Chiamare Sala per cosa. Ogni giorno che passa la vittoria per il peggior sindaco degli ultimi Vent’anni tra Pisapia e Sala si fa sempre più serrata.

Duka

Mer, 20/06/2018 - 11:23

Sarà che la tessera è andata in disuso.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 20/06/2018 - 11:40

Forse vuole l'estrema unzione,si faccia uno sciampo antiforfora che è lo stasso,non aspetti,nessuno lo chiamera'.

osco-

Mer, 20/06/2018 - 11:54

sono stato ultimamente a Milano ed ho veramente temuto per la mia incolumità uscendo dalla stazione ferroviaria a tarda notte. Ma che dice 'sto deficiente? ma non doveva stare in galera per la cresta di 800.000 euro per gli alberi piantato all'expo?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 20/06/2018 - 11:57

Milano modello di successo? Ahahahah....personalmente direi che se nessuno ti chiama FA BENISSIMO. State morendo e manco ve ne accorgete,anzi fate le vittime. Patetici.

sibieski

Mer, 20/06/2018 - 12:02

Sala è un bugiardo buono a nulla

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Mer, 20/06/2018 - 15:12

Fa bene il Governo a non farsi sentire, lui è il tipico esempio di chi non vive la città e non sale sui mezzi pubblici. Ieri interpellato sull'immigrazione Sala a risposto: I cittadini si devono chiedere perché ci spaventa così tanto l’immigrazione dall’Africa, non è stato così per gli immigrati provenienti da Filippine, Europa dell’Est, Cina...

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 21/06/2018 - 11:52

e chi sei che ti devono chiamare? vai a roma, con il cappello in mano, e forse sarai ricevuto!