Fondazione Stelline porta l'Hub Leonardo all'estero: prima tappa New York

Road show internazionale dell'installazione multimediale "Inside The Last Supper" allestita durante Expo. Sarà presentata l'11 ottobre in occasione del Columbus Day assieme allo spettacolo teatrale "Essere Leonardo da Vinci" di Massimiliano Finazzer Flory che lo metterà in scena anche negli Orti di Leonardo il 19 settembre

Il modello culturale Hub Leonardo, lanciato dalla Fondazione Stelline in occasione di Expo 2015 va avanti e diventa internazionale: prima tappa New York. La data: l’11 ottobre, giorno delle celebrazioni del Columbus Day. E sarà una serata speciale con un doppio evento al Brooklyn Red Hook. Andrà infatti in scena lo spettacolo teatrale Essere Leonardo da Vinci, diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory che vestirà i panni di Leonardo e in un’intervista impossibile risponderà a domande sulla propria infanzia, sulle proprie attività in campo civile e militare, sui segreti per diventare bono pittore e sul rapporto tra pittura, scienza, scultura e musica. E sarà presentato il concept con le performance del progetto multimediale Inside The Last Supper ideato e curato da Studio Azzurro, un viaggio di approfondimento e diretto da parte del visitatore all’interno dell’Ultima Cena che si ammira nell’ex refettorio si Santa Maria delle Grazie a Milano, capolavoro riproposto in una visione inedita e libera da vincoli spaziali, coinvolgendo il pubblico in un’emozionante esperienza sull’arte del Rinascimento.

“Sono i due progetti che vogliamo proporre insieme nel tour internazionale per promuovere la contaminazione culturale di cui è simbolo indiscusso il Genio Leonardo e promuovere Milano e la Lombardia - spiega PierCarla Delpiano, presidente della Fondazione Stelline -. Usa, Cina e Corea del Sud sono le prime tappe su cui stiamo lavorando. Un’occasione unica di contaminazione culturale tra Paesi tanto lontani e diversi, ma affascinati dalla stessa icona della genialità e della creatività: Leonardo. Durante Expo Inside The Last Supper, con la sua formula coinvolgente e interattiva che consente di scoprire il Cenacolo ha avuto moltissimi visitatori, in particolare numerose delegazioni estere e ci è stato chiesto di esportare questo modello. Che è partito dal comune di Vigevano, città leonardesca come Milano ed è approdato alle Stelline con una lavoro che visto insieme Regione Lombardia, Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Milano, Comune di Milano, Fondazione Stelline”.

“Regione Lombardia, affiancando e sostenendo il progetto della Fondazione Stelline, ha creduto fin da subito che l'iniziativa Hub Leonardo potesse rappresentare una proposta culturale d'eccellenza nei mesi di Expo 2015, durante i quali il nostro territorio è stato al centro dell'attenzione mondiale - commenta Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia -. Con ancor maggiore convinzione ora ritiene che i progetti di questo road show saranno il miglior biglietto da visita per rappresentare nel mondo la nostra Regione”.

“Siamo felici che un progetto innovativo e, al tempo stesso, profondamente legato alle radici e alla storia di Milano, la città che più a lungo di ogni altra, in Italia e all’estero, ha ospitato il genio di Leonardo da Vinci, varchi i confini europei - dichiara l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno -. Un progetto che si inserisce perfettamente nello spirito del Patto per Leonardo sottoscritto nel luglio scorso da Comune di Milano, Regione Lombardia e Mibact per preparare e coordinare, in rete con tutte le istituzioni milanesi interessate, le celebrazioni che avranno luogo nel 2019 per i 500 anni dalla sua morte”.

“Vigevano ha aperto la strada al percorso leonardesco - ricorda il vicesindaco Andrea Ceffa - che con la multimedialità, il mix di arte e tecnologia ha conquistato il pubblico e ci sentiamo ancora più vicini a Milano grazie a Leonardo e non solo visto cha abbiamo fatto richiesta di entrare a far parte della Città Metropolitana”. E Leonardo Sangiorgi, creativo di Studio Azzurro ricorda che la mostra è stata pensata “in modo flessibile molto teatrale, un set di immagine che porta dentro dipinto il visitatore raccontando quello che c’è dietro all’opera di Leonardo, coinvolgendolo e rendendolo protagonista”.
E Massimiliano Finazzer Flory aggiunge: “Portiamo nel mondo uno spettacolo in cui Leonardo si racconta. Diciamo quello che ci ha chieto di dire…”. Finazzer Flory, che va in scena vestito e truccato come il Maestro e recita in lingua rinascimentale basandosi sui testi leonardeschi in un confronto serrato con un giornalista che lo rispetta ma lo pungola senza timori, ha portato il suo Essere Leonardo da Vinci - Un’intervista impossibile negli Stati Uniti, in Giappone, in Russia e ancora in Francia, Svizzera e Kazakistan oltre che in Italia. Tour che nel 2017 farà tappa a Cracovia e Amboise, dove Leonardo morì, e terminerà nel 2019.

Testimonial del Genio di Vinci che metterà in scena il suo spettacolo anche a Milano per tenere a battesimo il road show internazionale dell’Hub, lunedì 19 settembre alle 18.30. Palcoscenico d’eccezione il Giardino Orti di Leonardo del Palazzo delle Stelline. “Il maestro torna a parlare nei luoghi dove lavorava, discuteva, passeggiava, non nulla di più credibile di questo luogo per farlo rivivere”, dice Massimiliano Finazzer Flory.

Lo spettacolo è a ingresso libero fino a esaurimento posti, si consiglia la prenotazione: tel. +39.02.45462.433, email fondazione@stelline.it)