Lucano riceverà la cittadinanza onoraria di Milano?

“Ha dimostrato come le migrazioni gestite nel modo corretto possano essere una risorsa”: il consiglio comunale approva la mozione della sinistra di Milano in Comune e la petizione proposta da “Change.org”

Milano pronta a conferire la cittadinanza onoraria a Mimmo Lucano. È stato proprio il consiglio comunale a chiederlo durante un ordine del giorno dell’assemblea di ieri, seguendo una mozione di Basilio Rizzo, rappresentante della sinistra di Milano in Comune.

La proposta, che ha raccolto anche l’adesione del Partito Democratico, è stata approvata grazie al sostegno unanime di tutta la maggioranza in Consiglio comunale. Ciò significa che il Sindaco Beppe Sala e la giunta potranno prepararsi per presentare tutta la documentazione necessaria a conferire all’ex sindaco di Riace Lucano la cittadinanza onoraria.

La motivazione alla base della decisione è presentata in una nota, riportata da “MilanoToday”. Mimmo Lucano ha infatti “dimostrato come le migrazioni gestite nel modo corretto possano essere una risorsa per il rilancio e la rinascita delle comunità locali”. In calce al documento poi, si afferma la necessità di seguire l’esempio lungimirante dell’ex sindaco di Riace. E quindi “riaffermare la scelta di proseguire e ampliare anche nella nostra città l'impegno politico e amministrativo d'integrazione, in linea con gli obiettivi statutari della città di Milano all'insegna della sua tradizione di accoglienza e solidarietà”.

Ma non solo. Si era addirittura attivata una petizione a livello nazionale sul sito “change.org” per richiedere di insignire l’ex primo cittadino dell’onorificenza ormai prossima. Tutto in seguito alla “emozionante assemblea del 30 ottobre 2018”, un’occasione in cui Lucano era stato accolto da una festante folla di milanesi. La gente aveva “manifestato affetto e vicinanza a Mimmo Lucano e alla sua straordinaria esperienza di accoglienza di Riace”, ecco perché i sostenitori della petizione hanno spinto così tanto per arrivare a questo giorno. La necessità quella di premiare “la solidarietà espressa con un gesto civile di grande importanza: dare la cittadinanza onoraria della città di Milano”.