Milano, inseguimento in strada: rom minorenni fuggono da agenti

I due ragazzi, a bordo di un’auto rubata, non si sono fermati all’alt degli agenti, che volevano effettuare un controllo dopo essersi accorti della giovane età del conducente. Da qui si è originato l’inseguimento, conclusosi con lo schianto della vettura sulla quale viaggiavano i due minorenni, poi denunciati

Folle inseguimento nella nottata di ieri a Milano. Per interminabili minuti, gli agenti di polizia hanno dovuto tallonare una monovolume con a bordo dei minorenni sprezzanti delle regole.

Stando a quanto riferito dagli stessi inquirenti, tutto sarebbe cominciato intorno alle 3:30 del mattino. Una pattuglia della polizia di Stato stava controllando la zona periferica a nord della città meneghina, quando ha deciso di effettuare un controllo nei confronti di una Nissan Micra, probabilmente a causa dell’aspetto fin troppo giovane del conducente.

Quest’ultimo, tuttavia, non si è fermato all’alt imposto dagli agenti, ma ha premuto sull’accelleratore allontanandosi a tutta velocità. Da questo momento ha avuto avvio lo spericolato inseguimento.

La Nissan ha sfrecciato per le strade bruciando i semafori ed attraversando gli incroci senza il minimo controllo. In breve si è scatenato il caos, e in più di un’occasione si è rischiato l’incidente.

I poliziotti si sono visti costretti a contattare la questura di via Fatebenefratelli per chiedere dei rinforzi, ed in poco tempo altre volanti sono accorse per raggiungere la zona segnalata. La trappola tesa dagli agenti è scattata nei pressi di piazzale Libia, dove la Nissan si è trovata letteralmente accerchiata. Nel tentativo di proseguire la fuga, la vettura è andata a schiantarsi contro un muretto, danneggiandosi irrimediabilmente. Due adolescenti sono allora scesi dal mezzo, cercando di fuggire a piedi, ma i poliziotti li hanno presto raggiunti e fermati.

Il controllo dei documenti ha infine confermato i sospetti inziali. I ragazzi erano minorenni: il conducente, nella fattispecie, aveva 16 anni. 14enne, invece, il suo compagno. Entrambi sono poi risultati essere di etnia rom e residenti a Milano.

Dopo una veloce verifica, si è inoltre compreso il motivo della loro disperata fuga. Si trovavano infatti a bordo di un’auto risultata rubata a Como. I due minorenni sono stati perciò denunciati a piede libero per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e furto.

Commenti

nonnoaldo

Mar, 09/10/2018 - 17:22

Buon sangue non mente.

mariod6

Mar, 09/10/2018 - 19:30

Perché a piede libero ?? E i danni al derubato chi li paga ?? L'Opera Nomadi o Majorino o la Boldrini ??? Mai che se ne accoppi qualcuno di questi ladri cresciuti nelle famiglie allargate di delinquenti zingari.