Milano, pusher accoltella un cliente in metro: il video lo incastra

Un giallo risolto dopo un mese. È stato arrestato l'uomo che il 21 agosto scorso dentro la fermata metro Pasteur di Milano aveva accoltellato un italiano di 41 anni. Si trattava di un pusher gambiano di 25 anni

Un giallo risolto dopo un mese. Il 21 agosto scorso dentro la fermata metro Pasteur di Milano un uomo armato di un coltello di 20 cm ha scavalcato il tornello e si è avventato su un uomo che è entrato da quello stesso tornello.

Un’aggressione durata davvero pochissimi secondi dal momento che i due escono quasi subito dall’inquadratura. Ma i nastri delle telecamere di videosorveglianza, fortunatamente hanno immortalato anche la scena dell’accoltellamento. Poi le immagini mostrano l’aggressore che scappa via passando da dov'era arrivato mentre un'altra inquadratura mostra la sua vittima che si accascia a terra. Il resto è testimoniato da una foto scattata da alcuni passanti e rilanciata su Facebook dalla pagina Tranvieri di Milano. La vittima è un italiano di 41 anni con precedenti per droga mentre l’aggressore è un gambiano di 25 anni che è stato arrestato a Verona con l’accusa di tentato omicidio. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che dietro all’episodio di violenza ci sia un desiderio di vendetta da parte del gambiano, presunto pusher contro un cliente che non aveva pagato la sua dose di cocaina. Sarebbe questo il motivo per cui sarebbe stato ferito con una lama in diversi punti e sottoposto ad un intervento chirurgico con una prognosi di 45 giorni. Il gambiano, scrive Milanotoday, stava aspettando il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari che aveva ottenuto nel 2016. Rinnovo che gli era stato negato a causa della sua condotta criminale dal momento che era stato arrestato per droga il 13 luglio e l'8 agosto.