Milano, rapinatore sale sul taxi e punta coltello alla tassista: lei lo disarma

La donna, aggredita su viale Certosa, ha convinto il malvivente ha farsi consegnare l'arma. Poi ha diffuso un messaggio a tutti i suoi colleghi per avvertirli dell'eventuale pericolo: "Non fatelo salire. Non è cattivo, ma non è a posto..."

Quando ha fatto salire il cliente sulla sua macchina, in piena notte, probabilmente non pensava che questo potesse estrarre dalla tasca un coltello e minacciarla per farsi consegnare il suo incasso. Ma in realtà è successo proprio questo. È accaduto in viale Certosa, zona Musocco, a Milano, proprio in queste ore. E anche se, per fortuna, la tassista in questione non è stata ferita, né è stata costretta a consegnare il denaro richiesto, perché è riuscita a fare calmare il malvivente seduto sui sedili posteriori della sua auto, gli attimi di paura per lei devono essere sembrati interminabili.

Il messaggio ai colleghi

Secondo quanto riportato da Il Giorno, la tassista del radiotaxi 8585, dopo l'aggressione ha deciso di avvertire subito tutti i suoi colleghi, diffondendo un messaggio in cui dava indicazione di non far salire passeggeri nel luogo dove era stata aggredita. Con questo avviso li ha voluti mettere tutti in guardia dal rapinatore, che una volta dentro l'auto le avrebbe chiesto di portarlo alla prima banca. Lo ha descritto come un uomo sui 60 anni, che alle 5.36 è salito sulla sua macchina e all'improvviso ha tirato fuori una lama. Indossava una giacca a vento verde e in poco tempo le avrebbe puntato contro il coltello.

Il coraggio della tassista

Secondo le prime ricostruzioni, la vittima sarebbe però riuscita a fermare il rapinatore, convincendolo a consegnare l'arma. "L'ho fatto calmare, il coltello l'ha dato a me, ho anche fatto partire l'allarme, ma mi sa che non mi funziona. Adesso è su viale Certosa che cammina in direzione Musocco: se lo vedete nel controviale non prendetelo, non prendetelo. Non è cattivo, ma non è a posto, il coltello l'ha lasciato a me...", ha continuato la tassista.

La sequenza ripresa dalla telecamera di sorveglianza

Le immagini dell'aggresione sono state riprese dalla telecamera di videosorveglianza installata a bordo dell'auto dell'auto bianca e puntata all'interno dell'abitacolo. Grazie alla sequenza, infatti, si vede l'uomo che estrae l'arma con la mano destra e la punta alla conducente, la quale, però, inizia a parlare con lui. Dopo poco, infatti, il malvivente le lascia il coltello in mano.

Gli altri casi

Quella di ieri notte non è stata la prima tentata rapina ai danni dei conducenti. Soltanto qualche ora prima, gli agenti del commissariato Porta Genova avevano arrestato due rapinatori per due blitz ai danni di altri autisti tra via Arena e via Scaldasole (con almeno un altro caso sospetto in piazza Axum e altri da approfondire). Non è ancora stato chiarito se l'episodio capitato alla donna sia stato segnalto o meno alle forze dell'ordine. L'uomo, quindi, potrebbe tentare un'altra rapina. "Invito i colleghi a denunciare sempre rapine e tentativi di rapina. Ancora una volta, il blitz è stato ripreso in diretta da una telecamera: tutti i colleghi dovrebbero dotarsi dell'occhio elettronico in macchina", ha spiegato Silla Mattiazzi, il delegato di Uiltrasporti.