Milano, violenta lite tra mendicanti per il posto migliore

Colpita a suon di pugni, la 32enne è finita in ospedale. Tutte volevano il posto vicino alle macchinette per chiedere la carità

Violenta lite nella Stazione Centrale di Milano per riuscire ad aggiudicarsi il posto migliore per fare accattonaggio. Tanto da prendersi a pugni e mandare una 32enne in ospedale. Secondo quanto riportato da milanotoday, l’aggressione sarebbe avvenuta nel pomeriggio di domenica 13 ottobre davanti alle macchinette per l’acquisto dei biglietti, all’interno della stazione. Il posto, forse ritenuto il migliore e il più remunerativo per chiedere i soldi ai passanti, è stato il motivo di un acceso diverbio finito poi a botte.

Ad avere la peggio una ragazza bosniaca di etnia rom che, inseguita da altre quattro donne, si è rifugiata in un bar in via Vitruvio. Qui è stata soccorsa dal proprietario che ha chiamato il 112. La donna avrebbe raccontato agli agenti di essere stata aggredita da alune sue connazionali. Secondo quanto ricostruito dalla Questura, il pestaggio sarebbe nato proprio perché il luogo in questione è ritenuto dagli addetti ai lavori il migliore.

La vittima è stata soccorsa dal personale del 118 e accompagnata in codice verde all’ospedale Fatebenefratelli per essere medicata. Le assalitrici si sono dileguate facendo perdere le loro tracce. La Polizia sta eseguendo le indagini per individuare le responsabili dell'aggressione. Si tratterebbe di quattro o cinque donne, anche loro di etnia rom come la vittima.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Lun, 14/10/2019 - 18:39

Preziose risorse che ci pagano la pensione.x me litogio causa per chi affermava di versare più contributi inps

seccatissimo

Lun, 14/10/2019 - 18:47

Debbo ammettere che questa storia mi lascia del tutto indifferente e non provo alcuna commiserazione per la zingara rimata pestata dalle altre zingare sue connazionali ! Tornino lei e le altre zingare al loro Paese, sapendo che ci renderebbero contenti per questo e che certamente non le rimpiangeremmo.