«Il mio bagaglio di amministratrice per portare concretezza in Europa»

Isabella Tovaglieri, 32 anni, fa politica per la Lega da quando ne ha 23. Da consigliere comunale tre anni fa è diventata vicesindaco e assessore all'Urbanistica di Busto Arsizio, il 26 maggio con 32mila preferenze si è aggiudicata un seggio all'Europarlamento. È la più giovane parlamentare? «No, o meglio sicuramente sono la più giovane eurodeputata della Lega, ma non credo nel parlamento europeo in assoluto». Dice di essere molto emozionata, ma di sentire anche un forte senso di responsabilità: «A differenza della scorsa tornata elettorale come Lega questa volta possiamo certamente incidere. Siamo 28 e siamo in un gruppo che è il più numeroso nel centrodestra dopo il Ppe, quindi abbiamo davvero il potenziale per incidere in Europa». Il viaggio da sola da Busto a Lione alla vigilia della prima seduta a Strasburgo non le ha fatto perdere la vis polemica: «È veramente assurdo che per Strasburgo non ci sia un collegamento diretto, per pochi minuti di volo bisogna comunque fare scalo. Al di là del fatto che la doppia sede non ha senso». Per quanto riguarda la giornata di oggi, l'aspettativa è «poter conoscere a quale commissione è stata assegnata»: potendo indicare tre preferenze, due dovrebbero venire soddisfatte. Tovaglieri ha scelto la Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO) e la Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia (ITRE) «commissioni molto tecniche, nevralgiche per il territorio». Infine FEMM, la commissione sui diritti femminili, «su cui ho lavorato molto in campagna elettorale. Il rischio infatti è che le periferie delle nostre metropoli diventino come Molenbeek».

Da vicesindaco di una cittadina come Busto Arsizio all'europarlamento è un bel salto...«So di aver maturato un bagaglio importante: con la mia esperienza di amministratrice ho imparato la concretezza. Sto pensando a uno sportello che aiuti i comuni ad avere un'interlocuzione diretta con l' Europa, per esempio per capire come accedere ai bandi e ai finanziamenti, linfa vitale per i territori».

MBr