Moda e design, sulle passerelle sfila l'assessore Tajani

Pamela Dell'OrtoNon solo moda e non solo modelle. Il mondo del design milanese è pronto per salire in passerella. Ed è in subbuglio perché alcune delle sue protagoniste hanno accettato l'invito della stilista Chicca Lualdi: domenica prossima saranno (non) modelle per un giorno. La prima uscita nel grand foyer di Palazzo Serbelloni sarà quella dell'assessore alla Moda e al Design Cristina Tajani. Una prima volta per «dare un segnale alle donne vere, e lanciare un messaggio contro lo stereotipo delle modelle troppo magre». Finalmente «moda e design, due mondi che rappresentano due eccellenze italiane, riescono a comunicare». E chi poteva farlo se non Chicca Lualdi, che arriva da una famiglia nota nel settore del design e che da sempre si ispira a quel mondo?Accanto all'assessore, ci saranno altri nomi eccellenti del design. Gisella Borioli, fondatrice del Super Studio e ad dell'omonimo gruppo, Cristina Morozzi, grande signora del design e direttore del campus design all'Istituto Marangoni, Orietta Pellizzari, scopritrice di talenti per la Rinascente, l'artista Jo Fabbri e altre ancora. Le sfilate tradizionali? «Superate», dice Lualdi. «Gli abiti che creo devono essere indossati da donne vere». Di qui il progetto, nato da un'idea di Alessia Fattori Franchini e Alessandra Ianzito, convinte che la moda debba essere più vicina al consumatore. Alle donne «normali» (ma colte). E di tutte le età. Tanto che in passerella si vedrà anche una nonna (superchic).