Nei capannoni Ansaldo è nata una Base per i creativi di domani

Stasera si inaugura lo spazio di seimila metri dedicato alle nuove start-up e al «co-working»

Mimmo di MarzioEx Ansaldo anno zero. Una grande festa aperta a tutta la città apre questa sera ufficialmente BASE, il nuovo punto di riferimento per industrie creative, giovani talenti e start-up culturali innovative che avrà appunto sede su 6000 metri quadri all'interno delle ex acciaierie di via Bergognone. Dopo un anno di sperimentazione di OCA (Officine Creative Ansaldo), stavolta si fa sul serio, nel senso che gli spazi riqualificati dal Comune di Milano e le associazioni Arci Milano, Avanzi, esterni, H+, Make a Cube³, vincitori del bando pubblico, si presentano come una piattaforma di livello europeo dedicato alla creatività e alle nuove realtà produttive. Più o meno ciò che - i più vecchi se lo ricordano - avrebbe dovuto essere la Fabbrica del Vapore nell'idea di Sergio Scalpelli. E non è stato. Stavolta, invece, grazie anche al sostegno di Fondazione Cariplo, il progetto BASE si presenta come un vero e proprio laboratorio a cielo aperto dove associazioni e giovani start-up potranno usufruire di spazi dove condividere e realizzare le proprie idee. «Qui i giovani creativi troveranno terreno fertile per costruire relazioni che possano favorire da un lato lo sviluppo artistico ed economico della città e dall'altro nuove opportunità lavorative», ha promesso l'Assessore alle Politiche del lavoro, Sviluppo economico, Università e ricerca Cristina Tajani. La piattaforma, nella sua prima fase, prevede uno spazio co-working (prima fase di attivazione a maggio con l'ingresso, tra gli altri, di Wikimedia Italia), una caffetteria e un'area lounge sempre aperte, la nuova foresteria-residenza d'artista casabase (attiva da giugno), aree per mostre, workshop ed eventi temporanei, laboratori, un fitto calendario di appuntamenti. L'inaugurazione di stasera (a partire dalle 19 apre una mostra-laboratorio Visual Making sul tema della sperimentazione grafica tra digital fabrication e stampa artistica artigianale, più musica e aperitivo con Dj SteveDub) dà il via a una serie di eventi che durante tutta la primavera faranno da corollario alle attività di BASE. Venerdì 1 aprile aprirà Book Pride, la fiera degli editori indipendenti promossa da Odei (1- 3 aprile). A seguire, la XXI Triennale «21st Century. Design After Design» (2 aprile 12 settembre), che fa il suo grande ritorno a Milano dopo vent'anni con cinque mesi di mostre ed eventi diffusi. Il 9 aprile, in occasione di MiArt, BASE Miano festeggerà i 10 anni di «Le Dictateur», tra i più dinamici protagonisti della nuova scena indipendente dell'arte italiana fondato nel 2006 da Federico Pepe e Pierpaolo Ferrari, con la presentazione in anteprima della nuova edizione speciale Le Dictateur N.5 a cura di Maurizio Cattelan e Myriam Ben Salah e, a seguire, una grande festa che riunirà la «visual community» di grandi artisti della scena internazionale e nomi emergenti che ne hanno fatto parte. E ancora, in occasione del Fuorisalone milanese, dal 12 al 17 aprile BASE si trasformerà nel Design Center della Tortona Design Week ospitando una serie di progetti internazionali.