Uno sportello per le mamme in difficoltà

È stato inaugurato all'ospedale Niguarda lo sportello «Fiocchi in ospedale», un progetto per sostenere neomamme e neopapà in situazioni di disagio psicologico e socio-economico

È stato inaugurato all'ospedale Niguarda lo sportello «Fiocchi in ospedale», un progetto biennale voluto da Save the Children, con il sostegno delle gallerie Auchan, per sostenere neomamme e neopapà in situazioni di disagio psicologico e socio-economico.

Gli operatori, in 4 mesi, hanno sensibilizzato 650 genitori, sia italiani sia stranieri, mentre sono già una quarantina le mamme beneficiarie dirette, coinvolte nelle varie attività. Tra esse sette sono state prese in carico dagli operatori del progetto perché necessitano di un aiuto sistematico o perché particolarmente fragili e sole.

Tra le beneficiarie dirette del progetto Fiocchi in ospedale, numerose le mamme di nazionalità straniera. «La nascita di un figlio è un'esperienza di profondo cambiamento sul piano affettivo, personale, relazionale e sociale ed è a volte connotato dalle difficoltà dei genitori di adeguarsi», ha spiegato Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia, ricordando che in Italia una donna su dieci soffre di disturbi post partum e che l'80% va incontro a forme più o meno gravi di depressione dopo la nascita del bambino.