Ok della Regione alla "pace fiscale" Pressing della Lega anche sul sindaco

Via le more alle ingiunzioni per il bollo auto Il Comune «nicchia» su multe, Tari e Cosap

La giunta Sala sta valutando, si esprimerà a giorni ma è sempre stata tendenzialmente contraria alla rottamazione di vecchie multe e tasse comunali. Non depone bene. La Regione invece ha già approvato ieri il pagamento agevolato delle ingiunzioni per il bollo auto per il 2013 e 2014 o comunque notificate entro il 31 dicembre 2017. Sarà possibile pagare i vecchi tributi regionali risparmiando le sanzioni di mora che equivalgono a circa il 30% della tassa dovuta dopo anni. Le cartelle fino a mille euro notificate entro il 2010 sono già state cancellate da AdEr, l'ex Equitalia, e su quelle che riguardano i due anni successivi è già in corso il pagamento agevolato. Per quelle non pagate tra 2013 e 2014 invece gli interessati riceveranno entro il prossimo 31 luglio un sollecito di pagamento (da Regione o da Publiservizi srl) con un riepilogo del debito e le istruzioni per aderire entro il 15 settembre all'agevolazione fiscale. Passaggio successivo: entro il 31 ottobre sarà inviato a casa l'importo dovuto al netto delle sanzioni e il pagamento in un'unica soluzione dovrà essere effettuato entro il 30 novembre. Chi ha presentato un ricorso deve rinunciare al contenzioso. Sarà possibile chiedere la rateizzazione (rata minima 50 euro da versare entro l'ultimo giorno del mese dal prossimo 30 novembre al 30 settembre 2021) con un interesse annuo pari al 2%. Per importi oltre i 50mila euro invece bisognerà presentare una fidejussione. L'assessore al Bilancio Davide Caparini ricorda che è «sempre possibile versare il bollo auto con domiciliazione bancaria, risparmiando il 10% dell'importo ed evitando il rischio di sanzioni».

La «pace fiscale» per le tasse comunali e regionali non versate nei tempi e quindi oggetto di ingiunzione è una possibilità offerta dal «Decreto crescita» del governo in vigore dallo scorso primo maggio, ma spetta agli enti aderire entro e non oltre il primo luglio con una delibera di giunta. Il Pirellone l'ha approvata ieri, la Lega ha depositato invece una mozione urgente in consiglio comunale e lo farà nei nove Municipi per sollecitare il sindaco Sala. «L'adesione al piano - fanno presente il capogruppo comunale e deputato del Carroccio Alessandro Morelli e i capigruppo nel Municipio 1 Simone De Gennaro e nel Municipio 5 Flavio Berri - consentirebbe ai cittadini di beneficiare di sgravi fiscali per le cartelle accumulate tra il 2000 e il 2017, si va dall'Imu alla Cosap, Tari, sanzioni automobilistiche, vecchia Ici». Sottolineano che «sarebbe un'opportunità per incassare sanzioni e tasse notificate entro il 31 dicembre 2017 ma che possono risalire addirittura ai primi anni Duemila, quindi di dubbia esigibilità. E i cittadini verserebbero la multa, gli interessi ma non le more, risparmiando circa il 30%. Chiediamo di votare e applicare la pace fiscale nel più breve tempo possibile, dando la possibilità di dilazionare il pagamento fino a 24 rate». Dal Comune fanno sapere che è in corso una valutazione tecnica, senza pregiudizi.