"Pacchi di alimenti gettati nei bidoni davanti al centro di accoglienza"

Nava (Fi): "Solidarietà nel cassonetto? Modello da ripensare"

Via Agordat e parco della Martesana, un caso noto di integrazione difficile, a due passi da via Padova, un quartiere polveriera per le vecchie e nuove tensioni sociali. Adesso si aggiungono altre proteste e un piccolo giallo, denunciato dal vicepresidente del Municipio 2 Marzio Nava (Forza Italia), sulla base anche delle ripetute segnalazioni dei residenti: interi pacchi di generi alimentati finirebbero nei cassonetti, senza spiegazioni plausibili.

La struttura di via Agordat, gestita da Fondazione Progetto Arca, ha una storia particolare. Nasce come residenza per anziane gestita da suore. Nel momento in cui le religiose si sono trasferite, progetto Arca ha preso in carico le anziane che erano rimaste dentro, e ha destinato la restante parte della struttura a giovani donne richiedenti asilo in difficoltà. La coabitazione nella struttura può anche essere raccontata come un modello positivo. Fuori, però, i problemi sono quelli che si segnalano in tutte le periferie di Milano. Il quartiere viene descritto come una polveriera sociale dagli esponenti del centrodestra, che da 2 anni guida il Municipio. Anche da Nava: «Al parco Martesana - dice - ci sono molti problemi di convivenza soprattutto il fine settimana quando viene invaso da cittadini sudamericani, che molto spesso, incuranti del rispetto del regolamento comunale del verde e del vivere civile contribuiscono al degrado del parco, con fuochi accesi in libertà e con la circolazione di fiumi di alcol». Nelle residenze limitrofe al parco, soprattutto nei mesi estivi, non si riesce a chiudere occhio. Nava raccoglie le lamentele dei residenti anche a proposito di strani movimenti che coinvolgono le ragazze del centro. «Secondo decine di testimonianze si concederebbero in pieno giorno, non solo a conoscenti, sembra configurarsi un rapporto di prostituzione». Il vicepresidente della Zona parla poi del «costante e dilagante spaccio di droga nell'area antistante a via Zanardini».

«A tutto questo - attacca - si aggiunge, come è avvenuto lunedì, che siano stati gettati al macero interi vassoi e pacchi di alimentari (carne, latticini e altro) - ritrovati nei cassonetti davanti. Tutto ciò costituisce un grave affronto al decoro e al buon senso visto che gettare il cibo non può essere considerato un gesto di rispetto nei confronti della collettività». «È chiaro - aggiunge - che qualcuno si debba interrogare se questo modello di solidarietà sia rispettoso di tutti e soddisfi efficacemente il bisogno senza instaurare disparità e conflitti tra persone che francamente si potrebbero evitare e di cui ne potremmo fare a meno». «L'accoglienza concepita in questo modo - prosegue Nava - non porta da nessuna parte se non ad esacerbare gli animi ed alimentare ingiustificati sentimenti di intolleranza. Ciò che abbiamo visto è un oltraggio al bisogno, alla buona e autentica solidarietà, al buon gusto e al rispetto di tutti e qualcuno dovrebbe spiegarci come si possa concepire e tollerare ancora tutto questo in una città dal cor in man come Milano. Tutto ciò lascia sbigottiti e mette a dura prova la pazienza già oggi a livello di guardia».

Commenti

27Adriano

Mer, 27/06/2018 - 09:41

Il cibo nei cassonetti? Darlo ai poveri italiani è troppo? Maledetti coloro che buttano cibo rubando risorse agli Italiani.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 27/06/2018 - 09:47

la vera FAME è una brutta cosa,ma ottimo condimento, quello che succede a Milano, il gettare nei rifiuti cibo e bevande in quanto non gradite da questa massa di parassiti MUSULMANI, è cosa gravissima,quello che successe alcuni anni fà a LAMPEDUSA,dove sbarcarono migliaia di questi parassiti ,clandestini,trovammo all' interno di cassamatte della 2°guerra grandi quantità di questo cibo, donato, in quanto non di loro gradimento, mentre sparirono molti cani e gatti.....grazie al buonismo dei comunisti, complici e carnefici di questa gentaglia

Giorgio5819

Mer, 27/06/2018 - 09:51

Bellisssimo ! Chi ha costruito questo schifo ?...congratulazioni ai comunisti, a pisapia, a sala, a tutti i minorati che li votano! Questo è il progetto culturale e sociale della sinistra : DEGRADO .

rossini

Mer, 27/06/2018 - 10:07

Questi, che dicono fuggano dalla fame, la vera fame non l'hanno mai conosciuta. Ricordo che mio zio, che nella II Guerra Mondiale era stato prigioniero due anni dei Tedeschi, e che la fame l'aveva provata sulla sua pelle, alla fine del pranzo raccoglieva religiosamente tutte le mollichine di pane dalla tovaglia e mi rimproverava se lasciavo un pezzetto di pane nel piatto.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 27/06/2018 - 10:21

Il detto "Milan con el cor in man" valeva per quei meneghini eredi delle eroiche "4 giornate di Milano", delle guerre risorgimentali, del Piave e della Resistenza. Ai giorni nostri ai predetti non resta che scansarsi in fretta per non avere una mano aliena nel sedere.

CidCampeador

Mer, 27/06/2018 - 10:23

che vadano a guadagnarselo il cibo e a casa loro

Ritratto di Mike0

Mike0

Mer, 27/06/2018 - 10:24

Quando finirà questo schifo? Con tanti italiani bisognosi sperperiamo denaro così! Ed è solo la punta dell'iceberg!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 27/06/2018 - 10:44

Gli ospiti pigmentati, giunti in Italia, sviluppano un palato esigentissimo. Fame e carestie, a quanto pare, affinano il gusto.

Rossana Rossi

Mer, 27/06/2018 - 10:53

Siamo il paese dei mantenuti immeritevoli, gentaglia che viene qui ad oziare col telefonino e le cuffie hi-fi , campare a sbafo buttando cibo offerto mentre ci sono italiani che non hanno da mangiare. Che bel paese di imbecilli che siamo...........

Giorgio5819

Mer, 27/06/2018 - 11:05

In Italia il morbo da sconfiggere é il comunismo, il resto andrebbe a posto da solo in un mese !

Giorgio5819

Mer, 27/06/2018 - 11:06

Gli alimenti trovati nei bidoni vanno recapitati al sindachello sala e al nuovo genio della sinistra majorino...per le loro schifose tavolate al parco...

01Claude45

Mer, 27/06/2018 - 11:06

Fornire ai richiedenti, clandestini o meno, 1 pasto al giorno. Vedrete che il cibo verrà utilizzato.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/06/2018 - 11:15

@Rossana Rossi - giusta riflessione.

VittorioMar

Mer, 27/06/2018 - 11:17

..gli Italiani alla FAME e questi sprecano...BASTA RACCOLTA ALIMENTARE !!!

timoty martin

Mer, 27/06/2018 - 11:30

Grazie al PD e ai sinstroidi favorevoli all'accoglienza ad oltranza e senza controlli, ecco dove finiscono i soldi dei lavoratori Italiani: nei cassonetti !! Ai "poveri" immigrati i nostri pasti non piaciono, segno che nel loro paese erano trattati meglio >> se ne tornino in Africa, a noi non mancheranno.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 27/06/2018 - 11:32

Pensare che mangio a volte cibo scaduto e bevo acqua del rubinetto, loro si fanno servire bene sempre birra da quel che vedo e il cibo scaduto subito nel bidone.....emagari anche non scaduto. Ed io pago le tasse per mantenere loro. Alla faccia della vera povertà. Scappano perchè a parere mio molti sono viziosi ed hanno voglia di fare un tubo su questa terra.

gneo58

Mer, 27/06/2018 - 11:52

scappano dalle guerre e dalla fame........maledetti loro e chi li accoglie !

Reip

Mer, 27/06/2018 - 11:54

Fino a che in Italia darete da mangiare prima agli africani piuttosto che agli italiani non avete speranze!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 27/06/2018 - 11:55

Non sono un «laudator temporis acti». Dal passato, però, tengo memoria per non ripeterne errori e per valutare il presente. Mio padre è morto che non avevo ancora 10 anni. Niente pensione. Si viveva con il lavoro a maglia di mia madre. Non c’era cibo da buttare. Per me e mio fratello, per non parlare di mia madre, non esisteva, a tavola, il «non mi piace». Il pane, anche un pezzettino, era sacro. A casa mia è ancora così. Se, i nostri non invitati ospiti, il cibo lo gettano, vuol dire che non sono venuti, con prepotenza, perché fuggivano dalla fame. Il sinistrume si spartisce i lauti profitti dell’industria dell’accoglienza e finge di farlo per pietà verso i «disperati». Una pietà pelosa, pagata a caro prezzo anche da molti nostri pensionati che vanno a, CERCARE CIBO, rovistando tra gli scarti della verdura dei mercati.

Una-mattina-mi-...

Mer, 27/06/2018 - 12:06

SIAMO DIVENTATI UNA CLOACA

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Mer, 27/06/2018 - 12:15

Non dategli più cibo gratis! Anche chi chiede asilo, pure se ne ha diritto, deve lavorare per mantenersi.

effecal

Mer, 27/06/2018 - 12:18

altro splendido lavoro degli strafighetti buonisti di sinistra autentici fenomeni

Ritratto di Akula1955

Akula1955

Mer, 27/06/2018 - 12:18

Ricordo che da ragazzino passavo le vacanze estive dai nonni in campagna. Un giorno, a pranzo, mi diedero spaghetti al pomodoro. Dissi ai nonni che non mi piacevano e rimasi senza pranzo. Alla sera trovai in tavola gli stessi spaghetti. Tornai a dire che non mi piacevano. Mio nonno si alzò e li buttò dalla finestra e a letto senza cena. Alla mattina per colazione...spaghetti sporchi di erba. Bè tolsi l'erba e me li mangiai tutti facendo pure la scarpetta. Da bravo stupido dissi a mio nonno che mi sarei ricordato dello sgarbo, lui si tolse la cintura e dopo una bella cinghiata mi disse di ricordarmi anche quella. Fu un'ottima lezione. Direi di usare lo stesso metodo, toglierli dai rifiuti e dare gli stessi alimenti...non li vogliono? un pò di sano digiuno e poi a calci nel sedere fino a casa loro. Maledetti.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 27/06/2018 - 12:47

@Akula1955 – A me e capitato con i fagiolini verdi. Ma non resistetti fino all’indomani. Non li volli a pranzo; nemmeno a cena. Mia madre li ripose nel tegame. Verso mezzanotte mi alzai e li mangiai. E com’erano buoni!!!

kayak65

Mer, 27/06/2018 - 12:51

e poi si domandono (loro) perche' il pd ha perso...Milano ha scelto la sinistra e questi sono I risultati!

Ritratto di makko55

makko55

Mer, 27/06/2018 - 13:02

@Akula1955, stessa età anagrafica e uguale educazione, iniziato a lavorare a 13 anni la frase non mi piace mi è sconosciuta. Cordialità.

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 27/06/2018 - 13:08

Se non è cibo halal è normale che lo buttino. Idoti volete integrarli?? Allora procurategli cibo che il corano non vieti di mangiare, e rispettate i loro usi. vietate la vendita di alcol e maiale. Altresi vietate di passeggiare in modo scollacciato. Sia punito chi veste mostrando parti del corpo scoperte capelli compresi. Itarabia è sempre più vicina. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mer, 27/06/2018 - 13:17

Amate i vostri prima di far finta di amare gli stranieri. In Norvegia se fanno così li spediamo ai loro paesi con il primo volo cargo disponibile. Questo squallore non vi fa onore, sputate sui vostri eroi e sui vostri connazionali in difficoltà. Date a chi conoscete e non a chi abusa del vostro buon cuore con lucida irriconoscenza. Italiani dove siete????

ciruzzu

Mer, 27/06/2018 - 13:23

Buttare via il mangiare a questo modo da parte di questi clandestini, in un paese che ha 5 milioni di poveri Italiani che fanno i salti per mangiare è una azione criminale.Ci vogliono seri provvedimenti contro chi non ha bisogno di assistenza come in questo caso Interrompere di mandare pacchi subito.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 27/06/2018 - 13:47

Secondo me il giornalista Giannoni avrebbe dovuto chiedere spiegazioni al centro invece di fare un elenco di supposizioni vaghe. Dalla foto è evidente che le scatole sono state buttate in massa, mi sembra strano che siano stati gli ospiti che uno per uno hanno gettato, impilando bene, il loro vassoio. Oppure provare ad indicare se si trattava di alimenti scaduti o altro. Più che un articolo mi sembrano solo righe a caso fatte per seminare zizzania.

Malacappa

Mer, 27/06/2018 - 13:54

Lasciatelo li pero' non dategli niente vedrete che 2 giorni di fame vera e lo riscatteranno

cgf

Mer, 27/06/2018 - 14:08

Verrebbe da pensare che si siano fatti mandare più vivande di quanti sono in realtà gl'ospiti al fine di avere più soldi dal ministero.