Reclutati due padiglioni di Expo

Due dei padiglioni del sito di Expo saranno riaperti e allestiti per ospitare il gruppo di mostre «City After the City» della XXI Triennale di Milano. Il presidente Claudio De Albertis: «Le aree non devono perdere valore»

Due dei padiglioni del sito di Expo saranno riaperti e allestiti per ospitare il gruppo di mostre City After the City della XXI Triennale di Milano. Il presidente Claudio De Albertis lo ha confermato a margine della presentazione del programma della manifestazione che si svolgerà dal 2 aprile al 12 settembre 2016.

Un calendario ambizioso e una mappa di punti della città coinvolti in varie e diverse attività.«Il progetto è pronto ma è molto probabile che l'apertura della mostra slitti al primo maggio, a causa di problemi logistici legati alla messa in sicurezza del sito, interessato dalle operazioni di smantellamento per poi proseguire fino a fine dell'anno». Interpellato in merito alla mancata firma dell'accordo con Expo per la realizzazione della mostra, Claudio De Albertis ha risposto: «Il contratto non ancora firmato è soltanto una formalità burocratica, abbiamo avuto tutte le rassicurazioni che l'esposizione si farà».

I padiglioni interessati dalle attività della Triennale saranno quelli che ospitavano il Future Food District e l'Auditorium, dove saranno allestite sei rassegne. Tra i due sarà collocato un orto planetario con più di cento aiuole sopraelevate. L'orto occuperà una superficie di circa 4mila mq, mentre l'area totale occupata dalla Triennale sarà di circa 17mila metri quadrati. L'ingresso da cui accederanno i visitatori sarà quello della passerella di Cascina Merlata. Prevista l'apertura di tre ristoranti e il coinvolgimento di Cascina Triulza. «È probabile che anche l'area del Cardo sarà animata, ma queste attività non dipenderanno dalla Triennale. Il grande problema che all'estero viene affrontato ma da noi è spesso trascurato - spiega De Albertis - è quello del periodo di transizione. Le aree altrimenti perdono di valore. Il nostro obiettivo è evitare che ciò accada e lo avevo giá annunciato mesi fa».

Commenti

CarloDei

Dom, 31/01/2016 - 18:17

Non capisco perché, visto che non sappiamo dove metterli, non adattiamo i padiglioni EXPO a campo profughi. Semplice e geniale nessuno ci ha pensato

evuggio

Dom, 31/01/2016 - 21:07

risposta a CarloDei: solo un GENIO può concepire un idea così GENIALE! SUBITO IN AMERICA!!!