Dal record del Dna più lungo al caffè col nanotecnologo Ecco la Notte dei ricercatori

Una giornata con un programma fittissimo. Dai tentativi di battere record mondiali agli incontri dedicati ai più piccoli. Torna domani la notte dei ricercatori, «MeetMeTonight», un appuntamento che coinvolge cittadini e giovani scienziati di tutta l'Europa. Nella metropoli meneghina le iniziative sono centinaia e partono ai giardini Indro Montanelli: alle 14 si comincia ai giardini Indro Montanelli con due incontri per i bambini, uno dedicato a inventare nuovi abiti per la Barbie e uno per spiegare ai più giovani come costruire un impianto solare termico e cosa si nasconde dietro alla progettazione dei videogiochi. Calato il sole, parte la sfida per battere il record del modello più lungo di doppia elica di DNA, attualmente lo detengono i cinesi. E il tentativo vuole coinvolgere quante più persone possibili che armate di tubi e palline di plastica cercheranno di costruire la doppia elica più lunga del mondo. «Abbiamo deciso di tentare questo record tutti insieme, scienziati, ricercatori, cittadini, perché il DNA appartiene a tutti - spiegano Maurizio Casiraghi e Massimo Labra, fondatori del laboratorio ZooPlantLab – ognuno di noi, assemblando un pezzo, condividerà con l'altro importanza della doppia elica di cui è costituito ciascun essere vivente, vorremmo infatti far comprendere a tutti i visitatori che conoscere e studiare il DNA degli organismi viventi è fondamentale per proteggere la biodiversità del pianeta e per scoprire gli organismi più rari e più piccoli». In piazza Lombardia invece è prevista una sfida con le squadre di pallavolo e calcio allestite dai camici bianchi. Ma è tutta la città ad ospitare la serata in cui il mondo della ricerca si apre alla gente comune per cercare di mostrare i volti e il lavoro di chi si cela dietro i muri dei laboratori. Dalla cornice dei parchi e delle piazze, a quella dei musei e dei teatri, gli scienziati e aspiranti tali aspettano i cittadini: alla manifestazione partecipano con le loro attività anche il Museo della Scienza e della Tecnologia, dove tra le quaranta previste c'è anche la visita al sottomarino Toti o l'ascolto di un autentico violino Stradivari con l'ausilio dei mezzi tecnici per scoprirne i segreti, il Museo Archeologico di corso Magenta con le visite ai suoi antichi vasi greci e la Galleria d'Arte Moderna che esplora i segreti della calligrafia cinese. Un evento a tutto tondo che coinvolge anche i teatri e le università: il Parenti e lo Strelher con i loro spettacoli e la Statale e la Cattolica con mostre e dibattiti si ritrovano legati tutti dal tema centrale di questo appuntamento, la scienza. E alla giornata non mancano nemmeno le iniziative dell'Orto botanico di Cascina rosa a Lambrate e quelle dell'Acquario Civico, come quelle della Fondazione Enrico Mattei e dello spazio Oberdan. Una giornata con una vasta gamma di scelte dunque: dalla possibilità di giocare con i fluidi non newtoniani, quelli che in certi casi assumono una solidità che permette di camminarci sopra come se fossero solidi, a quella di godersi film, spettacoli teatrali e dibattiti in una delle istituzioni cittadine.