Seguita sulla "91" e assalita in strada

La giovane palpeggiata da un marocchino ubriaco. L'hanno salvata i passanti

A bordo della 91, di notte, ha individuato la ragazza da seguire. L'ha pedinata e assalita in mezzo alla strada, una volta che lei è scesa dall'autobus. Per fortuna alcuni passanti sono intervenuti e l'uomo, un marocchino di 31 anni, è stato arrestato per violenza sessuale.

La giovane, una moldava di 21 anni, era sola a bordo del mezzo pubblico e stava rientrando a casa. Era da poco passata l'una della notte di venerdì. Sull'autobus c'era anche un altro passeggero, uno straniero che ha cominciato a fissarla. L'ha controllata finché lei non si è avvicinata alla porta per scendere e l'ha seguita in strada, quando la 91 si è fermata in viale Molise. La 21enne si è incamminata verso casa, non accorgendosi di essere pedinata dallo sconosciuto. Poco più avanti, all'altezza di viale Corsica, è scattato l'agguato. L'uomo ha improvvisamente accelerato il passo e si è avventato sulla giovane, molestandola e palpeggiandola da dietro. La vittima non ha fatto in tempo a evitare l'aggressione perché lui l'ha colta di sorpresa.

La 21enne però ha reagito senza paura, ha provato a divincolarsi e ha urlato chiedendo aiuto. A quel punto l'aggressore l'ha buttata a terra e le si è gettato sopra. L'ha sopraffatta e ha provato ad andare oltre il palpeggiamento. Per fortuna alcune persone che passavano di lì hanno sentito le grida e hanno notato la colluttazione. Qualcuno ha chiamato il 112, altri sono intervenuti cercando di far desistere il 31enne. Lui era visibilmente ubriaco e non voleva saperne di lasciare andare la giovane che aveva agguantato. Al primo passante che si è avvicinato per capire bene cosa stesse succedendo ha anche provato a dire che andava tutto bene e che quella sotto di lui era la sua fidanzata. Trascorsi pochi minuti è arrivata una Volante e gli agenti sono riusciti a liberare la vittima e a bloccare il marocchino. L'uomo è stato arrestato, ha precedenti penali. Non è accusato solo di violenza sessuale, ma anche di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Quando è stato portato via infatti ha colpito diverse volte l'auto della polizia. Contro di lui ci sono, oltre alla testimonianza della vittima, quella delle persone che hanno assistito alla scena e le immagini di sorveglianza dell'autobus che probabilmente hanno ripreso i minuti in cui puntava la moldava da assalire.

Commenti

Giorgio5819

Dom, 01/12/2019 - 10:04

Ma tutta questa marmaglia di subumani cosa ci fa in Italia ?....