Sgambetto della Balzani «Non votate Majorino» La vicesindaco: non disperdiamo consensi E una lista pro-Sala imbarazza la sinistra

(...) Majorino ricambia con la stessa moneta: «Ha ragione Francesca, per vincere non solo le primarie ma le Comunali votate me, che questa città non la sto conoscendo solo in campagna». Nuove polemiche (da sinistra) su Beppe Sala per una lista di supporter promossa da Umberto Ambrosoli e Piero Bassetti. Tra le firme ci sono (ad esempio) Giampiero Borghini, ex sindaco del Psi poi assessore nella giunta Formigoni ed ex dg della Moratti, l'ex assessore Fi della giunta Albertini Sergio Scalpelli, l'ex leghista Giancarlo Pagliarini. «I miglioristi - attacca Luca Gibillini di Sel - furono una corrente interna del Pci, molto solida e agguerrita, che soprattutto a Milano fu investita da tangentopoli. Si divisero tra chi approdò nel centrodestra, chi andò nel futuro Pd e chi si ritirò a comoda vita privata, tra ricorsi contro la riduzione dei vitalizi, presidenze di fondazioni culturali o società di affari. La cosa più eclatante è che oggi si sono riuniti sotto l'egida di Sala e firmano tutti insieme lettere a sostegno, da Scalpelli (ex Fi) a Cervetti (presidente Orchestra Verdi), da Luigi Corbani a Borghini». Tra i nomi potenti, quello del presidente della Fondazione Corriere della Sera, Piergaetano Marchetti.Sel aveva dichiarato che il partito non si sarebbe schierato, gli iscritti si sono divisi tra vicesindacoo e assessore. Ma ieri Nichi Vendola è sceso in campo in maniera furbetta per la Balzani, scrivendo una lettera a Pisapia: «Io e te - dice - sappiamo che le primarie più belle sono quelle senza rete e in cui si sovverte un finale già scritto. Hai fatto bene a impegnarti con generosità e coraggio a sostegno della candidatura di Francesca per tante ragioni, tra cui ribadire con forza che non c'è spazio a Milano per il Partito della Nazione. Sono con te e con chi vuole proseguire l'anomalia milanese di questi anni e, perchè no, aiutarci a renderla protagonista anche nel Paese». Balzani incassa anche il voto del Codacons: l'associazione dei consumatori ha scelto dopo aver confrontato i programmi dei 4 sfidanti (oltre ai big c'è Antonio Iannetta).Domani e dopo si vota, stasera è tempo di festeggiare la chiusura della campagna. «Sala da ballo» è la serata organizzata da mr Expo all'Arizona 2000, balera da 1.200 posti in via Battaglia, zona Loreto. Sul palco di saranno Linus, Gino e Michele e Bertolino e le assessore della giunta Pisapia ( Benelli, Rozza, Tajani, Bisconti e l'ex vice De Cesaris). Majorino ha optato per la Fabbrica dell'esperienza in via Brioschi (dalle 21). La Balzani ha prenotato dalle 22 alle 24 il teatro Parenti, atteso il sindaco Pisapia.La sinistra radicale - Rifondazione, Comunisti Italiani, «Possibile» di Civati - ma anche socialisti, Verdi radicali, si preparano invece a fare la «festa» a Sala se vincerà. Lanceranno una «lista civica di sinistra, laica e ambientalista» e il segretario Prc Matteo Prencipe crede che «anche ex arancioni e parte di Sel sosterrà il nostro candidato anti-Pd».Chiara Campo

Commenti
Ritratto di Fr3di

Fr3di

Ven, 05/02/2016 - 10:31

speriamo che finisca al più presto questa pagliacciata e che facci facciano sapere chi sarà il nuovo sindaco di milano, di centro destra ovviamente. tutti hanno capito che no è il sindaco a comandare ma la coalizione.