Si alza il sipario su «Elvira» e torna Slava's Snowshow

Con l'approssimarsi delle festività, viene riproposta la «Card Oro Natale», idea regalo originale ed esclusiva

Viviana Persiani

Tra le produzioni del Piccolo Teatro, il 29 novembre, al Grassi, «Elvira» prenderà vita grazie a Toni Servillo e a Petra Valentini. Rispettivamente nei panni del maestro di teatro Louis Jouvet e di Claudia, l'allieva di maggior talento, i due artisti stanno lavorando sul palcoscenico di un teatro chiuso, alla ricerca della verità dell'interpretazione mentre provano per la messinscena del «Don Giovanni» di Molière. Fino a quando l'attore comprende di essere arrivato al cuore del suo personaggio, di averlo compreso e di poterlo finalmente restituire con autenticità al pubblico. Questo è il percorso dei due interpreti che stanno preparando la seconda scena di «Elvira», il momento in cui l'infelice innamorata del grande seduttore giunge in scena e lo implora di pentirsi, perché solo così avrà salva l'anima.

Dopo l'apertura del sipario sulla programmazione variegata del 2019 del Piccolo Teatro, celebrando il «teatro per tutti», l'appuntamento al 22 gennaio - Teatro Grassi - con un'altra produzione di casa, «Cuore di cane», spettacolo adattato da Stefano Massini e messo in scena da Giorgio Sangati. Saranno Sandro Lombardi e Paolo Pierobon, nei ruoli dello scienziato e della sua creatura, a portare sul palco il lavoro tratto dall'omonimo testo scritto nel 1925 da Michail Bulgakov, che racconta la vicenda del cane randagio Pallino che il professor Preobraénskij sottopone ad un intervento sperimentale, trapiantandogli l'ipofisi di un essere umano e cercando di rieducare l'animale per trasformarlo in un uomo vero e proprio. Frutto di un grande lavoro sul linguaggio e sulle sue potenzialità espressive, la messinscena restituisce al pubblico la grande contemporaneità del lavoro di Bulgakov.

Per la prima volta al Piccolo, Jacopo Gassman, il 22 marzo, metterà in scena «I ragazzi dell'ultimo banco», testo del contemporaneo Juan Mayorga, mentre, dal 14 marzo, Marco Paolini, per la prima volta protagonista di una produzione del Piccolo, porterà in scena «Nel tempo degli dei», storia di un Ulisse contemporaneo. Senza dimenticare uno spettacolo entrato nel cuore di tutti, l'immancabile Arlecchino di Giorgio Strehler.

Tra gli spettacoli internazionali, torna, per la gioia di grandi e piccoli, Slava's Snowshow. Tra i registi da scoprire Milo Rau è uno tra i più apprezzati in Europa e nel mondo: il suo «The Repetition, Histoire du théâtre» affronta il tema della violenza, tra realtà e teatro. Tante, inoltre, le proposte dei teatri italiani ospiti, con alcuni tra i più importanti nomi della scena nazionale: Emma Dante, Gabriele Lavia, Massimo Popolizio, Silvio Orlando, Umberto Orsini, Renato Carpentieri, Franco Branciaroli, Maddalena Crippa e tanti altri. In vista di una stagione così ricca di spettacoli di spessore, il Piccolo Teatro propone, in occasione del Natale, l'idea regalo originale ed esclusiva: la Card Oro Natale, che offre al possessore il diritto ad assistere a due spettacoli tra tutti quelli in abbonamento della stagione 2018-19 al prezzo di 60 euro, oppure ad uno spettacolo da vedere in compagnia, da scegliere nel ricco cartellone del Piccolo.

Acquisti e prenotazioni: Biglietteria Piccolo Teatro Strehler, largo Greppi - M2 Lanza. Telefonica 02.42.411.889 e su www.piccoloteatro.org