Gli «straordinari» dei vigili valgono 500 euro al mese

Trattativa fiume, interrotta in serata, per un pacchetto che consentirà agli agenti di gestire traffico e sicurezza

Una trattativa di sei ore - interrotta verso le 20,30 riprenderà questo pomeriggio - quella che ieri ha impegnato i rappresentanti dei ghisa e il comando della polizia locale. Sul tavolo il pacchetto Expo, ovvero il premio che gli agenti vedranno in busta paga a fine evento e i turni di straordinari che impegneranno in forma volontaria gli agenti.

Si parla di un bonus di 2800 euro lordi per i sei mesi dell'evento, distribuito sui 1400 agenti che daranno la loro disponibilità sul sito, oltre ai 700 vigili che saranno impegnati per servizi spot sulla città e di una media di 13 euro lordi all'ora di bonus per gli straordinari Expo. Oggetto della contrattazione il pacchetto di straordinari che ricadrà su ogni agente: «turnati» mensili da 7 ore ciascuno distribuiti su festivi, notturni, terzo turno, per un massimo di 2/3 turni per vigile nei sei mesi. Facendo due conti in palio 466 euro al mese di «fisso» più 90 euro lorde al mese di straordinario legato all'evento. In sostanza ogni ghisa che parteciperà al «progetto» porterà a casa circa 500 euro in più al mese per sei mesi. L'impegno prevede anche un tetto massimo di quindici giorni di ferie nel periodo 1 maggio - 31 ottobre, per altro obbligatori per legge.

Per le madri sole o per chi sarà costretto a prender più giorni di vacanza - spiegano dalla Cisl - ma darà la sua disponibilità al progetto, i sindacati ieri erano impegnati a portare a casa un mini bonus di circa 1400 euro complessivi.

Su un organico di meno di 3000 persone, la collaborazione di ogni singolo agente è indispensabile per la buona riuscita dell'evento - dicono dalla Cisl - : oltre ai 1400 agenti sul sito, ci saranno da coprire i 17mila eventi previsti in città. Ma superlavoro è previsto anche per chi dovrà gestire il traffico nei punti di accesso a Milano a partire dall'aeroporto di Linate, la stazione Centrale, le direttrici Milano-Varese per lo scalo di Malpensa e la Milano-Venezia (aeroporto di Orio al Serio). L'invito per tutti è di rinunciare al mezzo privato e spostarsi con i mezzi pubblici, che sono stati appunto potenziati. Così se il sito espositivo chiuderà alle 23, il consiglio che è già stato diffuso tra i tour operator è di cominciare a lasciare Expo verso le 21 per non rischiare di rimanere imbottigliati nel traffico. Saranno presidiati i quattro parcheggi di accesso al sito e gli svincoli autostradali, alcuni dei quali non sono ancora stati completati.

Secondo le simulazioni si prevede che il traffico raddoppierà almeno nei periodi caldi: i primi quindici giorni di maggio, con un picco straordinario il 1 maggio, la fine di luglio e il mese di agosto, quando si attende un passaggio di 15mila persone al giorno dal sito alla città e vice versa. Il bonus è previsto anche per chi dovrà far fronte alla mole extra di lavoro in città, non solo attorno agli eventi satellite, ma anche, per esempio, al maggior flusso di persone che affollerà i luoghi della movida, i luoghi turistici, le vie dello shopping. Nei primi quindici giorni di maggio inoltre saranno chiamati a «sorpresa» per servizi specifici di sicurezza altri agenti che dovranno scortare i capi di stato che arriveranno in città e a Rho Pero. Il modello per le simulazioni - anche se la situazione verrà aggiornata di giorno in giorno - è stato il vertice Eurasiatico di ottobre, quando piombarono su Milano 53 delegazioni straniere e 22 capi di stato.