Suoni, aperitivi ed eventi aprono le dimore storiche

Il Fai per quattro settimane organizza appuntamenti di arte e musica, da Villa Necchi a Villa Balbianello

Lucia Galli

Musica per gli occhi e arte per le orecchie. Si mescolano i sensi con le notti bianchi del Fai, Fondo per l'ambiente italiano, che propone anche per l'estate una serie di appuntamenti in alcune dei suoi beni più prestigiosi e suggestivi. Il menù della seconda edizione di «Sere Fai d'estate», con il sostegno di Ferrarelle, Pirelli e Radio Capital, include arte e musica, con un piatto forte fatto di concerti e aperture straordinarie di parchi e giardini. Le soirée firmate Fai abbracciano i prossimi quattro fine settimana con oltre 60 appuntamenti che toccheranno, fino al 2 luglio, sedici fra ville di delizia, monumenti e «trademark» del paesaggio lombardo. Tra questi la palazzina Appiani nel parco Sempione e villa Necchi Campiglio a Milano, villa e Collezione Panza, villa Della Porta Bozzolo a Casalzuigno e il monastero di Torba a Gornate Olona, a Varese e provincia, villa del Balbianello a Tremezzina e villa Fogazzaro Roi a Oria di Valsolda, a Como. La colonna sonora di queste serate è affidata grande news di quest'anno - a concerti e performance musicali a cura degli studenti di undici Conservatori italiani grazie alla coordinazione artistica del maestro Pasquale De Rosa. Stasera, per esempio si può scegliere fra il «sacro» di un monastero e il «profano» di una villa. A Torba oggi e domani, e poi nei prossimi venerdì e sabato sera fino al 1° luglio, dalle 19.30 alle 23 il monastero si trasforma in un grande «refettorio» moderno con aperitivi a cura del ristorante La Cucina del Sole. Nessuna lettura dell'uffizio né compieta, ma visite a tema accompagneranno l'evento per far scoprire la misteriosa simbologia dei colori diffusa nel Medioevo. Sabato 17 e 24 giugno, invece, gli allievi del Conservatorio di Milano intratterranno gli ospiti con un quartetto di sax e viola da gamba. Tutt'altra musica, sempre stasera, a villa Della Porta Bozzolo: qui ogni venerdì e sabato fino al 1° luglio saranno cinque le serate aperitivo con visite guidate dedicate alla moda nel Settecento, allietati dalle performance degli studenti del Conservatorio di Como, alle prese con sassofoni e clarinetti. I ragazzi del Conservatorio di Como saranno protagonisti stasera, con bis il 17 giugno, anche a Valsolda, a Villa Fogazzaro con un concerto di clarinetti, chitarre e flauti mentre, dalle 19 alle 23, visite guidate, degustazioni di vini a lume di candela e un piccolo aperitivo sul piazzale della Chiesa di S. Sebastiano completeranno la magia. Settimana prossima tutti in città: domenica 18 tocca alla palazzina Appiani, in concessione dal Comune di Milano, svelare i suoi segreti con un aperitivo a lume di candela ed incursioni della brass band degli studenti del Conservatorio di Milano. Trombe, ottoni e percussioni condurranno gli ospiti in un percorso musicale alla scoperta dei luoghi amati da tanto da Napoleone quanto da Joan Baez.

Il 30 giugno l'aperitivo si prende a Varese, a Villa Panza, dove sono in programma visite libere nella dimora e performance musicali, in collaborazione con il dipartimento jazz del Conservatorio di Milano. A chiudere queste notti di inizio estate c'è, domenica 2 luglio, uno dei luoghi più romantici della Lombardia. Sotto la loggia Durini di villa del Balbianello, a Tremezzina, il Lario è protagonista con performance musicali (tre esecuzioni dalle 20 alle 22) al pianoforte, curate dal Conservatorio di Como, con brani di Mozart, Liszt, Chopin, Brahms e Beethoven.