Trasporto disabili Dalla Regione tre milioni di euro per i pulmini

Finalmente arriva una buona notizia per gli alunni disabili. La giunta regionale della Lombardia ha stanziato 3 milioni di euro per finanziare il loro trasporto a scuola. I soldi serviranno per organizzare il servizio dei bus, finora non sufficienti per rispondere a tutte le richieste. Tanto che 4.650 ragazzini, di varie fasce d'età e con vari tipi di disabilità, sono rimasti a piedi.

La regione trasferirà i finanziamenti alle amministrazioni provinciali e alla Città metropolitana in tempi brevi e subito si procederà con l'aumento dei pulmini per gli alunni disabili della scuola secondaria di secondo grado. «L'obiettivo - si legge nel provvedimento della giunta - è quello di potenziare l'inclusione scolastica, migliorare l'assistenza educativa e il trasporto delle persone disabili». Il fondo - puntualizza il presidente regionale Roberto Maroni - ci consente di dare attuazione all'intesa tra Regione Lombardia e l'unione delle province Upl sul finanziamento delle funzioni provinciali».

«Nell'intesa - prosegue Maroni - come Regione ci eravamo impegnati, tra l'altro, a rendere disponibili, per l'anno 2015, 10 milioni di euro per far fronte alle criticità legate al mondo scolastico delle persone disabili (trasporto e assistenza). Di questi 10, sette sono stati già stanziati dalla direzione generale Istruzione e oggi gli altri tre dalla direzione generale Famiglia». Questo significa che durante l'anno potrebbero arrivare altri tipi di sostegno.

Resta aperta la questione insegnanti: gli alunni disabili non sempre possono contare su figure realmente preparate. Mancano 4mila docenti di sostegno e al loro posto sono stati spesso arruolati supplenti generici che non si sono specializzati nell'assistenza alle classi con alunni portatori di handicap.