Tutti pazzi per il maxi scivolo

Code di 3 ore con costume e salvagente per un tuffo di 200 metri

Uno scivolo azzurro, lungo 200 metri, tra gli edifici e il verde e una fila di centinaia di persone in fila con costume e salvagente (o materassino) per provare l'ebbrezza di «scivolare» sull'acqua lungo i Bastioni di Porta Venezia. Ha avuto successo ieri l'iniziativa «City slide Milano» portata perla prima volta in Italia per far divertire e raccogliere fondi per CasArché, comunità di accoglienza mamma e bambino che vedrà la luce a Quarto Oggiaro nei primi mesi del 2016, su progetto della Fondazione Arché. L'evento, patrocinato dal Comune, è iniziato alle 10 e mezza, con mezz'ora di ritardo a causa di un piccolo problema idrico, e si è concluso intorno alle 20. Tre euro per tre giri di scivolo. «Non ci aspettavamo una partecipazione così alta», dice Paolo Bertolino, organizzatore dell'evento. A cinque ore dall'apertura, circa 1.200 persone avevano già acquistato i «lanci», c'è chi ha dovuto fare tre ore di fila per raggiungere la cima del gonfiabile. Per permettere a più persone di partecipare, nel pomeriggio i giri a testa consentiti si sono ridotti a due, per due euro. Da piazza Oberdan a piazza della Repubblica il traffico è rimasto bloccato fino alle 23, per le operazioni di smontaggio. Un successo che non ha attenuato le polemiche: «É scontato - afferma Riccardo De Corato (Fdi) - che in migliaia abbiano provato lo scivolo, ma il luogo non era adeguato. I Bastioni vanno tutelati, non trasformati in un parco divertimenti».