Uccide la moglie a martellate e la veglia per due giorni

È il secondo caso di aggressione con un martello in pochi giorni. Sabato, in provincia di Pavia, un uomo di 73 anni sofferente di depressione, ha colpito la moglie con diverse martellate mentre lei, una 58enne che di professione fa l'infermiera, dormiva: la donna non è morta ma le ferite ricevute sono molto gravi e resta in ospedale.
Ieri, purtroppo, a Pioltello, è stata trovata cadavere nel suo letto, una donna di 78 anni uccisa con le stesse modalità, cioè a martellate, dal marito 81enne che, coricato accanto a lei, si era ferito a sua volta e vaneggiava. L'uomo, che ora è ricoverato all'ospedale di Melzo, non corre però pericolo di vita.
Intorno alle 14.30 nell'appartamento al terzo piano di viale Lombardia 24 dove la coppia abitava sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Cassano d'Adda dopo che erano già arrivati i pompieri e i vigili urbani. I militari erano stati allertati dai vicini che non vedevano i due pensionati - una coppia senza figli, Lucia Moraci e Mario Zorzolo, ex benzinaio - da un paio di giorni. E poiché moglie e marito litigavano spesso, nello stabile in molti si chiedevano le ragioni di quel silenzio. Sfondata la porta le forze dell'ordine si sono trovate davanti una scena raccapricciante: la donna a letto, colpita da almeno 5-6 martellate ed evidentemente morta da almeno 48 ore (con esattezza poi lo stabilirà l'autopsia); coricato accanto a lei il marito in stato confusionale che farfugliava parole prive di senso. Il martello che aveva usato per ferire anche se stesso, sempre al capo, era sul pavimento della stanza. I carabinieri hanno interrogato i conoscenti della coppia che hanno parlato di problemi psichici e crisi depressivi degli anziani sopraggiunti con l'invecchiamento. «Zorzolo potrebbe aver vegliato la moglie uccisa per due giorni» spiegano gli inquirenti.

Commenti
Ritratto di Laura64

Laura64

Mar, 06/05/2014 - 14:57

Che tristezza.

Ritratto di Laura64

Laura64

Mar, 06/05/2014 - 14:59

Che tristezza.