Viaggio "noir" tra film e letteratura

Proiezioni a Villa Olmo e allo Iulm. Incontri con gli scrittori star

Assaggio di Natale in Noir. Le festività che introducono il periodo più tenero dell'anno portano con loro un pizzico di ambigua cattiveria. Insomma, come dire, ci sono ancora ombre minacciose di delitti. Psicologie allo specchio. Inquietanti gang di motociclisti nel nulla del Nordest brasiliano. E poi gialli di carta in una settimana che porta a Milano e sulle rive del lago di Como le suggestioni di tanti misteri e gli incubi dell'emarginazione, perché anche questo è il noir che sfila tra cinema e letteratura nella lariana Villa Olmo e allo Iulm. Ingressi gratuiti a tutti gli appuntamenti fino a esaurimento posti.

Cinque i film in concorso, si è cominciato con Intrigo: Dear Agnes di Daniel Alfredson con una giovane vedova che, al funerale del marito, incontra una sua vecchia conoscenza dalla quale si sente proporre di uccidere il suo coniuge. Quale misterioso legame unisca le due protagoniste lo si scoprirà domenica alle 21 all'auditorium Iulm 6 che ospita anche le altre proiezioni. Il remake coreano del film francese 36 Quai des Orfevres con il titolo The beast (lunedì 9 alle 15) in cui due detective si contendono la risoluzione di un caso di omicidio. Il sudamericano Araña (sempre il 9 dicembre alle 20) è un caso politico in cui due studenti dell'estrema destra cilena con il loro gruppo nazionalista tentano di rovesciare il governo Allende. Il furto è invece il tema dominante di 4X4 (martedì 10 alle 15) dell'argentino Mariano Cohn in cui un lussuoso fuoristrada viene razziato da un ladro che, una volta entrato nell'auto, non riesce più a uscirne. Bacurau (il 10 alle 19,30), presentato a Locarno la scorsa estate, è un avvincente western del terzo millennio in una zona sconosciuta del Brasile, teatro di efferati delitti. Chiude Il lago delle oche selvatiche (mercoledì 11 alle 18) su un gangster in fuga soccorso da una prostituta. Questo film cinese, rivelazione all'ultimo festival di Cannes, non chiude però il programma cinematografico che comprende cinque eventi speciali, riproponendo Il terzo uomo di Carol Reed, un classico recentemente restaurato. Marco Bellocchio, che riceverà una laurea honoris causa, porterà Il traditore che ha rappresentato l'Italia sulla Croisette e ora è in lizza per la candidatura italiana agli Oscar nella categoria delle opere straniere. A questi si aggiungono i due capitoli della trilogia Intrigo, di cui l'ultimo è in gara e Stockholm requiem. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno a Villa Olmo, tranne Il traditore, in programma domenica alle 23 allo Iulm. Non solo film.

Alla letteratura è riservato ampio spazio e tra gli ospiti di rilievo spicca Jonathan Lethem, autore del romanzo Motherless Brooklyn dal quale è stato tratto il film di Edward Norton in queste settimane in sala. Lo scrittore americano riceverà il premio Chandler la sera di sabato a Como e domenica alle 18 incontrerà il suo pubblico alla Feltrinelli Duomo, a Milano. E ancora. Da non perdere il giallista svedese Hakan Nesser, che parlerà a Villa Olmo venerdì alle 19 e il dibattito di martedì 10 alla Feltrinelli di Milano dove Gianrico Carofiglio e Antonio Moresco - entrambi presenti con i loro libri freschi di stampa, rispettivamente La misura del tempo e Canto di D'Arco - «viaggeranno» fra i generi letterari. Tra gli ospiti, atteso anche Donato Carrisi (lunedì 9 alle 18.30 alla Feltrinelli Duomo). Il programma dettagliato è pubblicato su: www.noirfest.com, sito ufficiale del «Noir in festival».