Il miracolo di 42 visioni bibliche

Sono ben 42 i diorami esposti nella Sacrestia di Santa Maria delle Grazie fino al 20 gennaio che raccontano la storia della Bibbia e attraverso di essa il miracolo della religione.
«Diorama», lo ricordiamo, è una parola greca che deriva dal verbo «orao» avvero «vedere» ed è formata da due termini: dia- cioè attraverso e -horama, cioè visione. Si tratta quindi di una visione di una scena biblica attraverso un’apertura simile a una finestra. L’esposizione di questi 42 diorami avviene nella stupenda sacrestia della Basilica che è unanimamente definita il terzo gioiello di Santa Maria delle Grazie (dopo il Cenacolo e la Cupola del Bramante). Sotto il suo stupendo cielo, decorato dai nodi vinciani, e nelle antiche ante degli armadi sono così esposte le scene relative alla vita di Gesù e al suo insegnamento. Segno del passaggio dall’antico al moderno è l’opera della scultrice palermitana Angela Tripi. A fine mostra essi saranno collocati definitivamente presso la Chiesa della Madonna di Fatima a Civate (LC), dove sono raccolti tutti i presepi esposti in Santa Maria delle Grazie negli ultimi anni.
«La storia della nostra salvezza da noi domenicani - sottolinea Padre Stefano Rebacchini - conferma l’importanza del primo centenario dell’Ordine proprio nel convento milanese riaperto dopo la soppressione napoleonica».
L’esposizione offre l’occasione di visitare la Sacrestia che Ludovico il Moro fece costruire nel 1497 in memoria della moglie Beatrice. Quando nel 1500 Ludovico il Moro, il grande mecenate delle Grazie fu fatto prigioniero dai francesi e morì otto anni dopo, i frati non avendo finanziamenti completarono la decorazione con la pittura e le ante degli armadi vennero ulteriormente intarsiati per impreziosirli; questi a forma di finestra sembrano aprirsi su paesaggi esterni.
I diorami si possono ammirare a partire dal lato sinistro terminando su quello destro per i momenti più importanti della storia della Bibbia: dalla Antico Testamento al Nuovo per passare da Adamo ed Eva fino alla vocazione di Saulo. Merita una visita anche il grande presepe storico all’interno della Basilica sulla navata laterale di destra creato con antiche statuine.
L’esposizione dei Diorami è aperta dalle ore 10 alle 12 e il pomeriggio dalle 15,30 alle 19, tutti i giorni.