Russiagate, Bannon attacca Trump. Il presidente: "Ha perso la testa"

L'ex consigliere Bannon accusa il figlio del presidente di aver incontrato emissari russi in campagna elettorale. Dura la replica di Trump

Volano stracci tra Steve Bannon e Donald Trump. L'ex consigliere del presidente degli Stati Uniti in un libro parla di alcuni presunti incontri tra il tycoon e e un avvocato russo alla Trump Tower. In colloquio con l'autore del volume, Michel Wolff, Bannon avrebbe parlato di incontri "sovversivi" e di discussioni "atipatriottiche" tra il figlio del presidente e alcuni emissari russi. Parole, quelle riportate nel libro, che potrebbero creare non pochi problemi al presidente Usa. E così lo stesso Trump ha deciso di intervenire e di commentare in modo duro le parole di Bannon: "Steve Bannon non ha nulla a che fare con me o con la mia presidenza. Quando è stato licenziato non solo ha perso il lavoro ma anche la ragione. Steve era un membro dello staff che ha lavorato per me dopo che io avevo già vinto la nomination (repubblicana alla presidenziali a maggio del 2016, ndr) sconfiggendo 17 candidati spesso descritti come i più talentuosi mai riuniti dal partito Repubblicano".

Insomma le accuse di Bannon hanno scatenato una vera e propria bufera a Washington. Nel libro "Fire and Fury" Bannon avrebbe raccontato che al vertice con emissari russi avrebbero partecipato Donald Trump Jr, Paul Manafort (all'epoca presidente della campagna), Jared Kushner e il legale russo Natalia Veselnitskaya. Non è la prima volta che lo stesso Bannon attacca i Trump. Solo qualche settimana fa aveva messo nel mirino Ivanka, la figlia del presidente.

Commenti

gianrico45

Mer, 03/01/2018 - 20:21

Stanno d'accordo fanno finta di litigare su c.... che servono solo ad imbrogliare l'opinione pubblica.Vorrei sapere cosa li fa litigare,quanto in politica estera, quella che interessa di più agli oligarchi, non è cambiato nulla, anzi ci sono delle accelerazioni che non erano mai viste prima.

autorotisserie@...

Mer, 03/01/2018 - 20:27

DALLA FACCIA MI SEMBRA UN ALCOLIZZATO.....

venco

Mer, 03/01/2018 - 20:28

In America sono russofobi, chissa perché?

michettone

Mer, 03/01/2018 - 20:30

A parte la considerazione, su quanto si possa dare credito, a persone eliminate dall'entourage del Presidente, perchè, quanto meno inadeguati, domando e mi domando, perché mai dovremmo dare credito a confessioni sicuramente opportunistiche e dettate dal risentimento per essere stati scartati.....??? Chiacchiere da cortile e niente altro, dove i giornali ci sguazzano, soltanto per alimentare quelle polemiche, altrimenti impossibili da pubblicare.....

ILpiciul

Mer, 03/01/2018 - 20:45

Credo che, per vincere anche nel 2020, questa guerruccia finirà a tarallucci e vino, una pacca sulla spalla e via nuovamente uniti e.......vincenti.

Luigi Fassone

Mer, 03/01/2018 - 21:27

E' la solita manfrina dei bastoni tra le ruote...E lasciatelo governare,perbaccolina ! Dopo un certo periodo (non solo a un anno dal suo insefiamento) si valuti quel che avrà fatto,e pace...! NO ?

Dordolio

Mer, 03/01/2018 - 21:42

Non riesco a capire (o forse capisco benissimo...) mentre la Killary dovrebbe essere arrestata subito visto quel che hanno trovato con certezza a suo carico, non si parla d'altro che dei colloqui di Trump (che ha parlato col mondo intero, da Briatore in poi...). E' un bluff pazzesco. Ma come diceva Titta Di Girolamo nel film di Sorrentino si deve bluffare fino in fondo, esponendosi anche al ridicolo se è necessario.

Ritratto di perigo

perigo

Mer, 03/01/2018 - 22:08

Il copione è conosciuto a tutti gli italiani che illo tempore, con voto democratico, portarono Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. L'elezione di Trump ha causato un ciclone che ancora non placa i suoi venti impetuosi. Troppi altarini imbanditi saltati, troppe meline scoperte, troppi interessi intaccati, l'establishment finanziario e politico americano, fatto di precari equilibri e di smaccati compromessi in nome della spartizione delle risorse che il potere mette a disposizione, e che passano sulla testa dei cittadini comuni, cerca di reagire e vuole espellere il "virus Trump". Stessa identica cosa accadde con Berlusconi. Il fatto è che lo fanno in una maniera ridicolmente parossistica e pacchiana da causare enormi sospetti sulle reali motivazioni.

Atlantico

Mer, 03/01/2018 - 22:28

La colpa è del Deep State ! Chiedetelo a Giampaolo Rossi, se non ci credete !

lawless

Mer, 03/01/2018 - 22:39

gli americani so sono italianizzati, sono diventati rancorosi e autolesionisti. Battibeccano di continuo perché chi ha perso la poltrona non accetta di lasciare lo scettro e così come succede da noi distruggono il paese.

Euge

Mer, 03/01/2018 - 22:46

mado' che faccia da tso !! Bannon, se è quello della foto, sta proprio messo male male

Arch_Stanton

Mer, 03/01/2018 - 22:47

Bannon per vendetta può riportare qualsiasi sua opinione, per altro per fatti senza nessuna importanza legale, ma come fa a sapere degli incontri ? Ha portato prove delle sue accuse o è come per le accuse di molestie che vanno tanto di moda adesso ?

maricap

Gio, 04/01/2018 - 00:02

Fategli l'alcool test......

Arch_Stanton

Gio, 04/01/2018 - 00:11

1)Bannon agisce così per vendicarsi del suo licenziamento e in odio all'ebreo Kushner, come ha detto Kissinger. 2)Il rapporto Steele poi si è saputo che era totalmente falso e voluto dai democratici per screditare Trump, e questa è una verità assodata. 3)Il russiagate sta finendo nel nulla. 4)Tutte queste accuse sono solo pettegolezzi e opinioni per vendere un libro, ma in un anno di indagini non è uscita un solo indizio di collusione tra Trump e i russi. 5)Dopo i successi di Trump sulle tasse, ecco un nuovo attacco mediante falsità, come quando i media montarono un caso attribuendo parole a Flynn che erano false. Quel giornalista è stato sospeso. 6)Non avendo prove contro Trump, ci si concentra sul figlio, la figlia, il marito della figlia. E’ tipico della macchina del fango. 7)Opinioni, congetture, pettegolezzi. Tutto ciò che serve a rivitalizzare il russiagate che si era ritorto contro l'FBI per la faziosità dei suoi agenti filo-dem.

Controcampo

Gio, 04/01/2018 - 01:47

Visto che nel mese di agosto 2017 perse il suo posto come consigliere e capo stratega alla Casa Bianca, ora cerca di vendicarsi come meglio può sfruttando qualsiasi mezzo a suo favore.

GimmeSong

Gio, 04/01/2018 - 01:47

Attento alla testa!

alox

Gio, 04/01/2018 - 03:45

Dimmi con chi vai e ti diro' chi sei...

Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 04/01/2018 - 07:16

Un altro volta esaltato da questo foglio e da molti commentatori, Bannon sembra ora ,ero popolare. In verità i due sono le facce di una stessa medaglia e se fossi l’FBI farei bene a controllare se ci sono prove perché un rischio per sicurezza nazionale americana c’è eccome in questa storia.

ILpiciul

Gio, 04/01/2018 - 08:07

Naturalmente ognuno ha diritto di avere le proprie idee, anche verso Bannon ma, suggerisco, prima di considerarlo alcolizzato, fuor di testa o simile, di studiarlo un momentino. Qua è là si può trovare una mole di informazioni su di lui. Notizie su di lui potrebbero interessare a molti lettori (di cui apprezzo ciò che scrivono) che leggo in queste pagine. A mio parere è un cervello fino, forse troppo per essere immediatamente recepito.

apostata

Gio, 04/01/2018 - 08:59

Questi attacchi a scoppio ritardato a trump per il russian gate somigliano a quelli delle vergini violate ai registi

Michele Calò

Gio, 04/01/2018 - 09:51

Ma come gli rode per essere stato licenziato e buttato fuori dalla giostra del potere! Come diceva Andreotti, il potere logora chi non ce l'ha. E figuriamoci chi l'ha perso!

Atlantico

Gio, 04/01/2018 - 11:36

Molti acuti osservatori qui sopra avanzano l'ipotesi che si tratti di una vendetta di Bannon per essere stato allontanato ( come decine e decine di altri, Trump è uno sterminatore della stessa fatta di Hitler con i generali negli ultimi due anni di guerra ... ). Se queste ipotesi hanno fondamento, Trump querelerà Bannon e l'estensore del libro e vincerà facilmente. Ma dal momento che potete essere sicuri che Trump non querelerà nessuno, allora la cosa darà fastidio, e molto, a Trump, anatra sempre più zoppa e ormai vagamente patetica. Trump perderà sia le elezioni di midterm e anche l'eventuale partecipazione alla rielezione: d'altronde cosa si può dire di un presidente degli SU che attacca pubblicamente il presidente cinese accusandolo di parteggiare per il ciccione nordamericano e lo fa su Twitter, proprio su Twitter. Insomma, Trump ha fregato l'idea a Crozza, perché un tale comportamento da una personalità di tale livello poteva inventarselo solo Crozza.