Cina, per legge un solo cane per famiglia

La città della Cina Quingdao ha promulgato una legge secondo cui ogni famiglia può avere solo un cane in casa e ha stipulato una lista delle razze vietate

Un provvedimento che impone alla popolazione cinese di avere solo un cane per famiglia, non di più, quello promulgato dalla città di Quingdao, nella provincia settentrionale dello Shandong.

Oltre a questo limite, i propietari sono obbligati a vaccinare i propri animali, dotarli di chip e iscriverli a un'anagrafe che riporti i dati e dei loro padroni. Si dovrà inoltre pagare una tassa una sola volta di 400 yuan (cirrca 50 euro). I cittadini credono che la regola sia stata introdotta solo per fare cassa.

Come riporta il Corriere della Sera, inoltre, il comune ha pubblicato un manifesto in cui sono elencate le 40 razze vietate, poiché i cani sono considerati troppo pericolosi.

In questa lista compaiono i cani lupo, i levrieri, il mastino tibetano, i pit-bull e i dobermann. "Troppi cani aggressivi provocano incidenti, inoltre c’è un serio problema di igiene pubblica", riporta il quotidiano Beijing Xinwen (Pechino Notizie). La città di Qingdao, comunque, è l'unica città ad aver posto dei limiti sui cani.

Commenti

manfredog

Ven, 09/06/2017 - 13:38

..mah, io proporrei ai 'maoani' anche di imporre che il cane sia maschio e, quindi, di conseguenza, eliminare tutte le femmine che nascono; dopodiché, ricorrendo alla cultura gender sui cani, fare in modo che essi diventino tutti fluidi e che, per soddisfare le loro voglie sessuali, si accoppino tra maschi, in modo che la crescita di cani venga controllata..!!..buona idea..no..!? mg.

Tergestinus.

Ven, 09/06/2017 - 14:29

Bisognerebbe introdurre questa legge anche qui da noi. Sono nauseato dal vedere sempre più frequentemente coppie di benestanti giovani o di mezza età, rigorosamente senza figli, che vanno in giro con due-tre-quattro anche cinque cani al guinzaglio. Nel tragitto di 20 minuti a piedi per andare da casa al lavoro mi è capitato di incontrare anche 35 cani.