Croazia, in 24 ore quasi 6mila arrivi. Migranti sfondano il cordone

Con la frontiera serbo-ungherese chiusa, i migranti cambiano rotta. Ma Orban è chiaro: "Barriera anche alla frontiera con Zagabria"

Rifugiati salgono su un bus a Dugo Selo, a est di Zagabria
Bimbi profughi al posto di confine di Horgos, tra Serbia e Ungheria

Se si parla della disponibilità ad accogliere i migranti in arrivo, a Zagabria di problemi non ne hanno. Il governo croato ha già annunciato che lo farà, ma deve confrontarsi con una realtà mutata, in cui nel giro di poco più di ventiquattro ore sono arrivati almeno 5.650 migranti, segnale di una tendenza con cui le autorità non hanno i mezzi per confrontarsi.

Il numero di arrivi è legato alla nuova rotta europea, la risposta alla chiusura della frontiera tra Serbia e Ungheria, dove ieri si sono verificati scontri tra un gruppo di migranti e le forze dell'ordine, mentre i profughi provavano a superare la barriera. Sarebbero circa 300, secondi testimonianze raccolte sul posto dalle agenzie, i feriti.

Con la via serba ormai chiusa, i profughi si sono spostati verso ovest, verso la Croazia. "Migliaia di persone sono entrate nel Paese" soltanto ieri, ha detto un portavoce della Croce rossa locale, mentre il ministro dell'Interno Ranko Ostojic spiegava che al momento hanno "il pieno controllo dei confini, ma se i migranti continueranno ad arrivare in grandi quantità dalla Serbia dovremo pensare a un altro modo di gestire la situazione".

Nel pomeriggio al confine si è alzata la tensione, con i migranti che hanno sfondato il cordone di sicurezza alla stazione di Tovarnik e il ministero dell'Interno costretto ad annunciare che il Paese "non è in grado di accogliere più persone", aggiungendo che sarà fornito un passaggio fino ai centri d'accoglienza a Zagabria, ma che i non richiedenti asilo saranno considerati degli "illegali".

Sulla rotta dei migranti che deviano in Serbia si pone inoltre un problema aggiuntivo, la presenza di campi minati rimasti dai tempi della guerra di Yugoslavia. Le autorità locali si sono già mosse, ha spiegato ieri una fonte alla Reuters, inviando squadre di sminatori nelle zone a rischio.

"I muri sono soluzioni temporanee, e in più dirottano i flussi e accrescono la tensione - ha commentato preoccupato il commissario Ue Dimitris Avramopoulos, oggi a Budapest -. Lavoreremo collettivamente per proteggere i confini".

Intanto la Bulgaria ha inviato 50 soldati al confine turco e si appresta ad aumentare il contigente, che potrebbe raggiungere i mille militari, mentre la Slovenia ha deciso di ripristinare per una decina di giorni i controlli al confine.

Commenti

giovanni951

Gio, 17/09/2015 - 11:04

e che fará la slovenia? li fará passare? e passano arrivano qui

Tuthankamon

Gio, 17/09/2015 - 11:47

Mi sa che non ce li leva nessuno come al solito!

l'occidentale

Gio, 17/09/2015 - 11:52

Ci pensa la Serracchiani.....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 17/09/2015 - 12:26

la Croazia è furba, li prende per strada e li porta direttamente alla frontiera opposta, i migranti sono contenti, i croati pure...e vissero tutti felici e contenti. Speriamo che non si fermino in Italia visto il benessere per l'assistenza che troveranno.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 17/09/2015 - 12:27

non facciamo pietismi con le foto dei bambini!

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Gio, 17/09/2015 - 13:37

una foto con tre bambini , ma dietro si si nascondono trentamila maschi 20-35enni occhio alla fregatura.

elpaso21

Gio, 17/09/2015 - 13:40

Quindi la via è chiara: dalla Croazia alla Slovenia, e di qui in Austria (e Germania), dove li festeggeranno.

rainbow1964

Gio, 17/09/2015 - 14:35

IO NE METTEREI 100 DI BARRIERE !!!! E DATEMI PURE DELLA RAZZISTA A STO PUNTO CHE ME FREGA !!! ANCHE SE MANTENGO DUE (NON UNA) FAMIGLIE IN AFRICA PERCHE' E' IN LOCO CHE DOBBIAMO DARE I NS CONTRIBUTI O VOGLIAMO LASCIARE CHE QUESTA GENTE CONTINUI A SCAPPARE LASCIANDO IN MANO I LORO PAESI A CHI SE NE VUOLE SOLO APPROFITTARE ???? SE UN CERVELLO LO ABBIAMO USIAMO OGNI TANTO CHE MALE NON CI FA

emmea

Gio, 17/09/2015 - 14:38

Questo casino lo hanno creato gli americani, ma nessuno lo dice. Hanno destabilizzato prima l’Afganistan con la scusa di Bin Laden, a seguire l’Iraq con la scusa delle armi proibite. “Esportare la democrazia” dicevano, ben sapendo che quella forma di governo non è compatibile con l’Islam. Poi, col “we can” del nero si sono spinti oltre e col pretesto delle primavere arabe hanno destabilizzato nord africa e medio oriente: prima la Tunisia, poi l’Egitto, poi la Libia e infine la Siria, dove non potendo fare i loro comodi per la ferma e minacciosa reazione di Putin hanno creato l’ISIS (che fanno finta di combattere) per abbattere Assad. Poi come se non bastasse hanno messo le mani pure sull’Ucraina. Data la progressiva degenerazione degli USA dopo la fine dell’URSS un giorno scopriremo anche la vera storia dell’attentato alle torri gemelle? Detto questo i profughi dovrebbero prenderseli tutti loro negli USA altro che distribuirli in Europa.

Ritratto di computerinside

computerinside

Gio, 17/09/2015 - 14:48

muro anche in italia w i fratelli europei ungheresi !

Ritratto di Valance

Valance

Gio, 17/09/2015 - 15:14

La Croazia è confusa e non ha la minima idea cosa fare. Quando si decideranno a fare qual cosa sarà tropo tardi. I Croati sono una sorta di Italiani Balcanici. Parlano, parlano….

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 17/09/2015 - 15:40

Avanti così. Sino alla guerra civile.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Gio, 17/09/2015 - 16:04

Battuta facile: li avete voluti, teneteveli. Triste realtà: se non si fa qualcosa di drastico, va tutto a scatafascio, da loro come da noi.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 17/09/2015 - 16:20

Egregio elpaso21, lei è un inguaribile ottimista. Se provano ad oltrepassare il Brennero (od il Resia, o qualsiasi altro confine), li rispediscono in Alto Adige, dai loro fratelli sud tirolesi...

berserker2

Gio, 17/09/2015 - 16:48

Croati......la soluzione è facile.....invece di mettervi a pecora, costruite un muro pure voi.....e così è risolto.

Blueray

Gio, 17/09/2015 - 17:16

Tra Croazia e Slovenia non è mai corso buon sangue. Mi rifiuto di credere che la Slovenia prenderà in carico migranti recapitatigli dalla Croazia. Temo che quest'ultima possa diventare un vero cul de sac per costoro. Anche perché se la Slovenia li accettasse e li recapitasse in Austria (meta più probabile) si vedrebbe opporre un netto rifiuto. Potrebbe tentare di scaricarli all'imbelle Italia ma questi migranti pare non ne vogliano sapere. Siamo ad una svolta drammatica, anche perché questi clandestini sono più determinati e violenti degli africani.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 17/09/2015 - 18:11

io non ho mai visto da testimonianze televisive, che i profughi fossero più feroci di quelli che li avrebbero potuto ospitare. Nemmeno gli istriani, ebbero il coraggio di aggredire i comunisti italiani dopo che furono lasciati senza cibo, perchè gettato a terra senza preoccuparsi dei bambini. Aggià erano figli di chi non la pensava come loro, dopo tutto quello che hanno passato dai comunisti titini. Se questa continua ad essere una aggressione allora si dovrà ricorrere alle armi, in fondo è una violazione di territorio. Provate a sfondare il confine svizzero, se non vi sparano.

glasnost

Gio, 17/09/2015 - 18:16

Io penso che la Serracchiani sarà ben contenta di accoglierli e non solo a parole. Per averli basta far sapere che una volta in Italia avranno 37euro al giorno (al lordo della tassa delle coop e della caritas)

carpa1

Gio, 17/09/2015 - 18:22

Dopo tutto quel che è successo e sta succedendo, ci sono ancora troppi co.....ni che continuano a non capire che il problema va risolto alla radice, vale a dire respingimenti per TUTTI onde non creare false illusioni che sono quelle che, i nostri emeriti idioti che ci governano, hanno creato andando a prendere i clandestini fino in Libia, consentendo così ai baxtardi profittatori e mercanti di uomini di lucrare guadagnando fior di quattrini con cui acquistare armi. Ed ora che la situazione è diveuta ingovernabile, questi ixdioti non sanno più come fare ad uscire dal cul de sac in cui ci hanno cacciato; continuano pure a sparare caxxate a go go su accoglienza quant'altro. Ed ora sono pronti ad imbarcarne altri milioni dalle frontiere dell'est europa.

berserker2

Gio, 17/09/2015 - 19:09

Muro di qui, muro di la, può essere che è la volta buona che i clandestini, ma anche i siriani richiedenti asilo provino ad andare nei ricchi paesi arabi del golfo invece di rompere sempre le pal.le al cattivo ed egoista occidente. Intanto come avete potuto vedere non è vero che l'immigrazione non si può fermare....tutte ca.zzate, l'Ungheria ci è riuscita benissimo con appena un pò di rete metallica e senza sparare a nessuno. Imparate ad usare l'intelligenza senza farvi abbindolare dalle stro.nzate che vi propinano i politici e gli euroburocrati catto/sinistrati che ci mangiano sopra.

paco51

Gio, 17/09/2015 - 19:15

In un paese serio, nessuno da vivo sfonda niente! Il sistema per fermarli c'è, basta volerlo! io sono meglio di Orban!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 17/09/2015 - 19:40

Per ora sono stati tutti colti di sorpresa. Ma presto prenderanno iniziative concrete e organizzate, creando corridoi di flusso veloci ma invalicabili, e riversando tutta l'Africa e l'Asia musulmana nell'unico paese che non può respingerli perché si arrabbierebbero i cooperanti, i mediatori culturali, i sindacalisti e gli attivisti dei centri sociali. Categorie da tenere buone nell'ottica del "nessun nemico a sinistra". Prepariamo letti e brande.

Holmert

Gio, 17/09/2015 - 20:23

Dico una cosa sola:VIVA ORBAN!

jojo54

Gio, 17/09/2015 - 21:11

penso che tra non molto o ci sarà un'altra guerra santa ma stavolta qui in europa oppure vacciamo le valigie e partiamo noi

jojo54

Gio, 17/09/2015 - 21:14

non pensavo ci fossero così tanti bambini addirittura tre