Egitto: Copti trucidati perché "hanno rifiutato l'Islam"

Padre Antonio Gabriel, parroco della chiesa copta di San Mina a Roma, ripercorre la dinamica della strage di Minya: "Uccisi perchè hanno rifiutato l'Islam"

Non hanno abiurato, né rinnegato la loro fede, e per questo sono stati massacrati. A Minya, ieri, si è consumato un vero e proprio martirio. A svelare cosa è successo ai cristiani copti che affollavano il convoglio di autobus assaltato da un commando islamista è Padre Antonio Gabriel, parroco della chiesa copta di San Mina a Roma.

Il sacerdote, nel corso si un’intervista rilasciata al Tg2000, ha ripercorso la dinamica dell’ennesima aggressione alla comunità copta d’Egitto. Gli assalitori, prima di scaricare i kalashnikov contro i passeggeri dei due autobus che viaggiavano in direzione del monastero di San Samuele, “gli hanno rubato soldi e oro” e “hanno anche chiesto loro di rinunciare a Cristo e di diventare musulmani”.

Ma, alla richiesta d’abiura, i cristiano-copti avrebbero risposto negativamente. Il rifiuto della conversione all’Islam avrebbe scatenato la furia omicida dei terroristi che “hanno messo la pistola sulla testa e sul collo” dei pellegrini “per ucciderli in modo diretto”. “Se avessero accettato – ha puntualizzato Padre Gabriel – li avrebbero salvati”.

“Abbiamo saputo della notizia – ha aggiunto il parroco copto – solo un’ora dopo perché quella zona non è ben coperta dal segnale telefonico”. A dare l’allarme, secondo la ricostruzione del sacerdote, sarebbero stati i passeggeri di un terzo pullman, sopraggiunto sul luogo della strage. Il bilancio delle vittime dell’attentato, rivendicato oggi dal sedicente Stato islamico, è di trentacinque morti, di cui molti bambini, e “sono ancora tante – ha concluso Padre Gabriel – le persone in pericolo di vita che si trovano in ospedale”.

Alessandro Monteduro, direttore “Aiuto alla Chiesa che soffre-Italia” (Acs), ha ricordato i pellegrini trucidati a Minya con le stesse parole pronunciate da Papa Francesco a proposito dei ventuno copti catturati a Sirte e sgozzati dalle bandiere nere a febbraio 2015: “Non erano probabilmente dottori in teologia, ma certamente dottori in coerenza cristiana”.