Gaza, il Consiglio di sicurezza Onu chiede una tregua immediata

La notte è trascorsa senza scontri. Media egiziani: aperto per tre giorni il valico di Rafah

Gaza, uomini al lavoro per ripulire alcune tombe dalle macerie

Alla richiesta fatta ieri da Barack Obama, che al premier israeliano Benjamin Netanyahu ha chiesto "una tregua umanitaria immediata e senza condizioni" si è aggiunta nella notte anche la voce delle Nazioni Unite, che dopo una riunione del Consiglio di Sicurezza hanno ribadito quanto detto dal presidente statunitense.

Un secondo appello è arrivato da Ban Ki-moon, nel pomeriggio. In una nota, il segretario generale delle Nazioni Unite ha rinnovato l'invito a raggiungere un "cessate il fuoco che prepari il terreno per l'avvio dei negoziati".

Ieri sera, in una telefonata tra Washington e Tel Aviv, Obama aveva espresso la sua preoccupazione per "il numero crescente delle vittime civili palestinesi e la perdita di vite israeliane", ma anche "per il peggioramento delle condizioni umanitarie a Gaza", dove dall'inizio del conflitto sono oltre mille le vittime (1.032 secondo gli ultimi numeri resi noti). 34 i soldati israeliani rimasti uccisi nelle operazioni.

La notte è trascorsa senza che si assistesse a nuovi scontri. Da Gaza - ha detto il portavoce dell'esercito israeliano - non sono stati lanciati razzi e l'aviazione non ha condotto raid dopo le 23 di ieri sera.

Un bambino di quattro anni è stato ucciso questa mattina a nord della Striscia da colpi esplosi da un tank. Un secondo palestinese - secondo l'agenzia stampa Maan - è rimasto ucciso non lontano, a Jabalya.

La giornata di ieri era invece stata caratterizzata da una situazione più ambigua. Hamas aveva dichiarato un cessate il fuoco in occasione della festa di Eid al-Fitr, che celebra oggi la conclusione del mese di Ramadan. Il premier Netanyahu aveva però accusato i palestinesi di romperla, continuando con il lancio di razzi dalla Striscia.

I media egiziani hanno dichiarato questa mattina che terranno aperto il valico di Rafah per tre giorni, durante le celebrazioni della fine del Ramadan, così da consentire ai palestinesi di ricevere assistenza umanitaria.

Commenti

paolonardi

Lun, 28/07/2014 - 11:06

Sono arrivati " 'i scenziati". quelli che hanno capito, si fa per dire, tutto. peccato che sono sempre dalla parte sbagliata. Bisognerebbe chiamarsi fuori da questo carrozzone e dall'omolgo europeo. Sarebbe in bel risparmio, meno perdita di tempo, ma, soprattutto, maggior liberta' di agire.

Massimo

Lun, 28/07/2014 - 11:19

In pratica dicono: Israeliani, lasciate chi vi lancino i razzi senza reagire. Vorrei vedere se una qualsiasi nazione lanciasse razzi su Washington, Londra o Parigi ...

Ritratto di Germano44

Germano44

Lun, 28/07/2014 - 11:50

@Massimo - Se i "razzetti" arrivassero su una qualunque delle nazioni citate, sulle cartine non ci sarebbe più scritto "striscia di Gaza" ma solo "Parking".

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 28/07/2014 - 12:58

Sono schifato da come i media ufficiali trattano questa guerra. Radiogiornale nazionale di questa mattina. Il conflitto viene definito fra Israele e PALESTINESI, quindi, fra due popoli e/o entità giuridiche NON fra i TERRORISTI DI HAMAS e ISRAELE. Poi si coinvolge il solito sociologo che pontifica, su istigazione della giornalista, sull'odio instillato DALLE AZIONI DI ISRAELE sulle future GENERAZIONI PALESTINESI (attualmente bambini) ignorando completamente il loro PROGRAMMA SCOLASTICO dove Israele NON compare nemmeno nella mappa e che L'ODIO viene INSEGNATO LORO nei banchi scolastici direttamente da Hamas. Quindi si vuol veicolare l'idea dell'ODIO REATTIVO dei bambini palestinesi, non l'ODIO INDOTTRINATO CULTURALMENTE E CORANICAMENTE nell'educazione dei bambini palestinesi come fonte perpetua di conflitto. E' un agire da canaglie faziose da sbattere in tribunale come istigazione all'odio.

gcf48

Lun, 28/07/2014 - 13:38

non c'entra con gaza ma dimostra come sono i "poveri" mussulmani. http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/2014/notizia/pakistan-foto-blasfema-su-fb-arsi-vivi-una-donna-e-due-bambini_2059896.shtml secondo invio

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Lun, 28/07/2014 - 16:32

Israele : non si fidi dell'ONUe di quelli che dicono di volere la tregua per 'motivi umanitari'. . . e' una scusa per riarmare i terroristi di Hamas !

ESILIATO

Lun, 28/07/2014 - 16:59

Facciamo una bella tregua cosi diamo ad Hamas la possibilita di rifornirsi di missili e nasconderli negli ospedali e orfanotrofi.....basta e' ora che Israele termini l'opera di pulizia e che i palestinesi si sveglino ed isolino Hamas svelando la sua vera natura.

dadbabbel

Lun, 28/07/2014 - 17:18

notizia di poco fa, altri 10 bambini massacrati ed altre dieci gravemente feriti o in fin di vita, questo mentre giocavano sulla spiaggia in un giorno che per loro è un giorno di festa!! L'odio lo alimenta il comportamento dello stato d'israele, di generazione in generazione, lo accresce nei bambini israeliani crescendoli nella convinzione che sono i migliori e gli unici degni! lo inculca nei bambini palestinesi a forza di massacri perpetuinei confronti dei loro nonni prima, dei loro genitori ieri, e dei loro fratellini oggi e cosi via! non servono libri o programmi scolastici, bastano questi giorni di guerra, gli oltre 1000 morti e la distruzione di gaza dicono piu di qualsiasi programma scolastico! finché Israele usera solo la ragione della forza e non la forza della ragione, l'odio sara l'unico protagonista in quella terra!!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 28/07/2014 - 17:32

dadbabbel, vada qui e la smetta di raccontare balle sull'educazione dei bambini palestinesi. Chi alimenta l'odio è Hamas e i palestinesi. https://www.google.it/search?q=bambini+hamas&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=k2zWU6iJFsjZ0QXJxIDYCQ&ved=0CAYQ_AUoAQ&biw=2057&bih=1386#q=bambini+educazione+hamas&tbm=isch

gian paolo cardelli

Lun, 28/07/2014 - 17:37

dadbabbel: le "fonti palestinesi" fanno semplicemente ridere, visto che sono già state sputtanate decine di volte in passato. Pallywood non è un'invenzione del "sionismo": è la tragicomica realtà di un gruppo di parassiti consapevoli che, finchè esisterà il "problema palestinese", non avranno bisogno di lavorare per campare... e grazie ai boccaloni come lei!