I numeri che smontano Greta

Al di là delle intenzioni e della retorica, Greta Thunberg si fa portatrice di un’ideologia reazionaria e paternalistica: e dimentica che più del 60% delle emissioni proviene dalle economiche emergenti

"Al di là delle intenzioni e della retorica, Greta Thunberg si fa portatrice di un’ideologia reazionaria e paternalistica che trasforma prospettive universali come la solidarietà, l’equità o la giustizia in patenti che i migliori attribuiscono di volta in volta agli argomenti che ritengono degni". È il parere autorevole di Enrico Mariutti, ricercatore e analista in ambito economico ed energetico nonché founder della piattaforma di microconsulenza Getconsulting e vice presidente dell’Istituto Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG), pubblicato su Econopoly, blog online de IlSole24Ore.

Nella sua analisi Mariutti "smonta" il fenomeno Greta, evidenziando storture e ipocrisie del fenomeno globale del climaticamente corretto. "La giovane - osserva - non affronta mai il tema della giustizia sociale nei suoi interventi ma fa frequenti riferimenti alla distribuzione delle risorse su scala globale, rilanciando un tema caro agli intellettuali europei: il terzomondismo". Greta, spiega l'analista, ricorda che una piccola minoranza della popolazione mondiale consuma la larga maggioranza delle risorse, ma dimentica che oramai più del 60% delle emissioni di gas climalteranti proviene da economie emergent con la Cina che raggiungerà, probabilmente, il picco entro il 2030 di emissioni di Co2 e l’India, presumibilmente, durante il decennio successivo.

Di conseguemza, sottolinea Mariutti, anche "se le economie avanzate azzerassero le loro emissioni entro il 2030 – come auspica Greta, incurante o ignara delle ripercussioni sociali – i target per il contenimento dell’aumento della temperatura entro i 2° non sarebbero raggiunti". Tuttavia, "auspicare che le economie emergenti taglino le emissioni di gas climalteranti" significa "auspicare che si blocchi il meccanismo attraverso cui centinaia di milioni di persone stanno fuggendo dalla povertà. Con conseguenze umanitarie, sociali e politiche potenzialmente catastrofiche". Meglio allora fare finta di nulla e prendersela con la razza bianca occidentale, colpevole di tutte le disgtazie e le catastrofi del mondo. Facile no? Analizzando il fenomeno Greta, infatti, è evidente come esso rientri nella "visione religiosa del Capitalismo, descritta da Walter Benjamin (Il Capitalismo come religione, 1921) e profondamente radicata nella cultura protestante; si trasforma in una dottrina volta alla mera colpevolizzazione piuttosto che alla riparazione del danno e quindi all’espiazione della colpa".

Un sentimento "bigotto" e ipocrita che porterà la battaglia di Greta verso il fallimento. Perché come abbiamo spiegato in questo articolo, il movimento nato a supporto dell'attivista svedese assume tutti i connotati del peggior populismo. Come spiega il politologo Alessandro Campi, nel fenomeno Greta Thunberg gli stilemi tipici del populismo, sino a diventare qualcosa a metà tra una moda politico-mediatica che si fa forte della nostra cattiva coscienza e un movimento di massa che inclina verso il misticismo para-religioso, sono tutti facilmente riconoscibili. A partire dal più elementare e costitutivo d’ogni populismo: la divisione del mondo in buoni (i molti) e cattivi (i pochi). I primi sono gli abitanti del pianeta (il popolo inteso in questo caso come umanità), i secondo sono i capi di governo e gli esponenti dell’establishment finanziario e industriale mondiale. Un populismo demagogico che non risolverà il problema.

Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 01/10/2019 - 10:09

NANA telecomandata VATTENE sulla LUNA

nopolcorrect

Mar, 01/10/2019 - 10:13

" centinaia di milioni di persone stanno fuggendo dalla povertà." Magari fosse solo questo! In realtà vogliono tutti (Indiani, Cinesi e Africani) vivere alla grande come noi Europei e Nord-Americani: tutti vogliono avere un'automobile, tutti vogliono fare viaggi aerei...Temo che il problema climatico sia a queste condizioni impossibile da risolvere.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 01/10/2019 - 10:25

Addirittura ideologie reazionarie e paternalistiche ... Mi sembra tutto molto più semplice ... Greta Thumberg è solo un'adolescente incazzata per il fatto che vede il mondo andare verso un baratro e nessuno che faccia nulla per fermarlo. La sua condizione di Asperger fa si che la sua determinazione sia assoluta e non conosca minimamente nè l'ipocrisia nè alcuna forma di sudditanza psicologica che è poi il motivo per cui piace tanto. E' andata all'ONU a parlare a tutti, quindi lo ha fatto tanto agli USA quanto alla Cina, tanto alla Germania quanto all'India o al Brasile per cui non trova fondamento il tentato predicozzo di Mariutti il quale dimostra così tutta la sua poca autorevolezza. Nessuno, nemmeno Greta Thumberg vuole limitare lo sviluppo ma solo chiede che questo sviluppo sia fatto su paradigmi differenti che lo consentano senza ulteriore consumo del pianeta. Ed è una cosa che non solo si può fare ma che se fatta bene porta più ricchezza e più diffusa

killkoms

Mar, 01/10/2019 - 10:52

in india,paese con 1,3 miliardi di abitanti,il culto funerario prevede la cremazione a legna! e sempre per cultura (ma anche necessità),la maggior parte dei bisogni vengono espletati all'aperto!fate il conto per un 70/80% di 1,3 miliardi!

tiromancino

Mar, 01/10/2019 - 11:02

La ragazzina dovrebbe manifestare proprio in quelle nazioni,se la fanno entrare. Oppure vuole che gli occidentali paghino il loro inquinamento ambientale?

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 01/10/2019 - 11:18

Ma ancora non avete capito che il fanatismo vale MOLTO più dei numeri?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 01/10/2019 - 11:28

Fake!!! Il grafico che compare su quest'articolo di Vivaldelli non è stato estratto dal parere dell'analista citato (che tra l'altro non è uno scienziato climatologo). Inoltre di questo grafico non viene riferita la fonte. Dunque trattasi l'informazione fuorviante. Nonostante ciò mostra come un'escursione delle temperature contenute entro due gradi (dal valore più basso a quello più alto registrati) ha permesso lo sviluppo delle Grandi Civiltà (comparse proprio nell' 11.000 a.c.), fino ai nostri giorni. In precedenza, quando le escursioni termiche erano maggiori, questo non è stato possibile, nonostante l'Homo fosse ormai Sapiens Sapiens da 50 mila anni.

fabiotiziano

Mar, 01/10/2019 - 11:28

Vorrei capire perché avete tanta paura di questa ragazza al punto da scatenare una guerra mediatica talmente violenta e denigratoria che non ha avuto eguali verso nessuna organizzazione ambientalista. Temete per il vostro status quo, minacciato dalla nuova coscienza sociale che si sta formando tra i giovani grazie a lei? Beh, continuate a temere perché chiamarli gretini non serve a niente, il movimento non si fermerà, anzi, più li denigrate e più date loro forza e convinzione

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 01/10/2019 - 11:29

Cosa pensa la persona citata di Greta? Testuali parole: Greta è "un’adolescente fuori dal comune, con un senso di responsabilità e una determinazione sconosciuti a gran parte dei suoi coetanei, con una personalità in corso di sviluppo e dei valori ammirevoli per la sua età."

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mar, 01/10/2019 - 11:31

Un giorno magari provasse ad andare in Cina a manifestare?

Gio56

Mar, 01/10/2019 - 11:37

El Presidente,perchè allora non si fa un bel incontro tra la Greta(lei sola,senza foglietti in mano che deve leggere)e qualche esperto che la contraddice. Vediamo come se la cava da sola. Se e veramente cosi preparata come dicono alcuni,o è come sostengono altri che legge quello che altri pensano,ma non sarebbero mai ascoltati. Lei scrive "nemmeno Greta Thumberg vuole limitare lo sviluppo ma solo chiede che questo sviluppo sia fatto su paradigmi differenti che lo consentano senza ulteriore consumo del pianeta. ",ma non si è mai sentito nessuno che propone soluzioni.

Nicolaennio

Mar, 01/10/2019 - 11:47

Un giorno postate Zichichi che dice che è tutta colpa dell'attività solare. Il giorno dopo postate il Sole 24 Ore che dice, testualmente , "le evidenze scientifiche sull’origine antropogenica del fenomeno appaiono oramai schiaccianti". Non potreste decidervi?

Ritratto di Joyforall

Joyforall

Mar, 01/10/2019 - 11:48

Non nulla contro di lei ma neanche seguo le mode. C'è molta strumentalizzazione dietro a questo personaggio "Asperger" ed è questo che non mi piace perchè in questo modo si manovra il gregge umano a secondo delle circostanze senza sviluppare una coscienza ambientale.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Mar, 01/10/2019 - 12:05

Ma non state a preoccuparvi troppo dell'inquinamento... scoprirete che i falsi ecologisti hanno scovato un sistema molto più rapido, efficiente e redditizio (per loro) per sconvolgere il clima... e farci stare più al caldo... frenando quegli sgradevoli, "rinnovabili" (dicono), "spifferi" freddi, che arrivano dal nord...

Franz Canadese

Mar, 01/10/2019 - 12:12

La Gretina fa terrorismo pseudo etico spicciolo e viziato lla base dalla sua ignoranza. Sara' responsabile di ulcere da stress (speriamo non cose peggiori) tra adolescnti nevrotici ed ignoranti come lei e sortita' l'effetto opposto a quanto desiderato. Insomma, una radical chic ignorantemente patetica. Ma si sa: pecunia non olet. VERGOGNA

Nicolaennio

Mar, 01/10/2019 - 12:12

E comunque non avete letto o capito bene l'articolo del Sole, che dice: "Rimanere lucidi di fronte a tanta ferocia, reprimere il desiderio di restituire al mittente l’odio riversato sull’adolescente è difficile ma necessario, per interrompere il circolo vizioso che alimenta la violenza e l’inconcludenza del dibattito pubblico."

Giorgio Colomba

Mar, 01/10/2019 - 12:13

Che questa mocciosa stia da tempo catalizzando l'attenzione generale è sintomatico della drammatica fase involutiva che attanaglia l'orbe terracqueo.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 01/10/2019 - 12:18

@Gio56 Ah, io l'avrei una soluzione, la carbon tax, cioè una tassa su ciascun oggetto venduto proporzionato all'efficienza energetica del paese che l'ha prodotto. Un "dazio ecologico". Ci lamentiamo che la Cina o l'India ci invadono di prodotti a buon mercato anche perché lì producono elettricità col carbone? Bene ed io ti applico un dazio che riduce le distanze dispetto allo stesso oggetto prodotto, ad esempio in Italia (siamo i più efficienti al mondo con la Germania). Risponderebbe ad un principio di giustizia, chi "inquina", in senso lato, paga per farlo ed io che ho investito risorse per farlo meno acquisisco un vantaggio competitivo. E' falso che non ci siano soluzioni, basterebbe rispettare i protocolli ma i principale "inquinatori" non hanno convenienza a farlo

killkoms

Mar, 01/10/2019 - 12:38

@elpresidente,la carbon tax dovrebbe pagarla chi produce energia col carbone!

Ritratto di Tora

Tora

Mar, 01/10/2019 - 12:44

...sembra la figlia della Fornero e ne utilizza la mimica da pazza isterica. Più che convincere spaventa. Le teorie poi lasciano il tempo che trovano. Chi ha studiato veramente sa che i cambiamenti climatici sono ciclici e poco hanno a che vedere con le azioni di noi piccoli umani. La dietrologia politica da piccola zecca rossa è il suo cacio sui suoi maccheroni.

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 01/10/2019 - 13:45

L'unica priorità che necessita il pianeta è migliorare la qualità dell'aria e ridurre l'inquinamento, salvaguardando l'ambiente perché è fondamentale per la salute umana, animale e vegetale. Il Global Warming antripico, che è diverso dal Global warming naturale, è a mia personale opinione, cui sono giunto dopo decadi di studi e sviluppo nello sfruttamento dell'eolico e del solare con le mie società, una isteria coribantica motivata da precisi fini economici. Il clima si sta scaldando? Vero. La causa è l'uomo? Io non lo credo. Di cosa è responsabile l'uomo? Del propio soffocamento urbano dovute alle emissioni di sostanze nocive alla salute. Cosa faccio, protesto e ricerco likes sui socials? No. Disegno e progetto nuovi sistemi environmentally friendly capaci di provvedere enegia pulita a basso impatto per la salute di tutti e a costi accessibili. Altrimenti cosa me ne faccio della laurea in ingegneria e delle mie fabbriche?!!!

carpa1

Mar, 01/10/2019 - 14:08

Sosteneva Archimede, l'inventore della "leva": datemi un punto di appoggio e vi solleverò il mondo! Ebbene, per quanto riguarda il clima, il punto di appoggio le zecche rosse l'hanno trovato nella gretina mentre per sollevare il mondo sono ancora lì con la "leva" in mano in attesa che un'altra icona dell'inutilità fatta persona mostri loro il punto di appoggio. Le zecche rosse, credono di poter cambiare il corso della natura planetaria e cosmica e, non sapendo come fare, pendono dalla bocca di una ragazzina plagiata in attesa che indichi loro dove sta il freezer in grado di raffreddare il pianeta. Ma quel freezer, se esistesse, si divorerebbe la maggior parte dell'energia planetaria, come la bufala sulle auto elettriche che non viaggiano "a fià d'oca" ma utilizzano energia che deve pur essere prodotta, dal momento che "nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma".

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 01/10/2019 - 14:12

@killkomms. Ma lei prova un masochistico piacere a dimostrare al mondo di essere ignorante? In inglese carbon significa carbonio non carbone!

obiettore

Mar, 01/10/2019 - 14:15

Sarebbe da interdirla, ma serve ai .......

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 01/10/2019 - 14:25

E' ovvio che nel caso di Greta siamo in presenza di abuso su minori dato che la ragazzina viene strumentalizzaza ed abusata dai suoi gemitori e dalla grandi lobbie finanziarie per motivi meramente criminali, di lucro ed abbietti. Chiunque manipola questa poveretta dovrebbe essere perseguito, denunciato, processato, arrestato ed condannato a molti anni di carcere.

Libertà75

Mar, 01/10/2019 - 14:53

@el presidente ore 12.18, perfetto, hai epsresso la soluzione che sarà adottata dall'Europa, ma va dato atto anche per onestà intellettuale, che si tradurrà in dazi! Dazi ossia la medesima cosa che fa Trump. In pratica la UE farà la stessa politica di Trump, ma anziché dire che sarà fatto per salvare le proprie aziende, dirà che si fa per salvare il pianeta. All'atto pratico, frega niente a nessuno del clima, ma molto di più dei soldi che si possono fare localmente. Quindi ad oggi, i "pseudo-democratici" nostrani sono favorevoli ai dazi! Sostanzialmente emulando Trump.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 01/10/2019 - 15:30

@Libertà75 Un dazio tout court è solo una misura protezionistica, miope e fuori dal tempo in un mercato interconnesso, i dazi di Trump non c'entrano assolutamente nulla con quello che ho detto. Un meccanismo che penalizza come produci è una cosa molto diversa perché chi è nella metà lavagna dei "cattivi" ha un ottimo motivo per investire al fine di passare in quella dei "buoni". Il progresso tecnologico avanza veloce quando c'è un'esigenza da soddisfare e quanto più pressante è tale esigenza. L'Europa andrà in questa direzione? Lo spero. Ha la forza economica di farlo.

Pinozzo

Mar, 01/10/2019 - 15:57

"A partire dal più elementare e costitutivo d’ogni populismo: la divisione del mondo in buoni (i molti) e cattivi (i pochi). I primi sono gli abitanti del pianeta (il popolo inteso in questo caso come umanità), i secondo sono i capi di governo e gli esponenti dell’establishment finanziario e industriale mondiale. Un populismo demagogico che non risolverà il problema." Ma dai? E' esattamente la stessa divisione che fa ogni giorno il capitone, e voi dietro a belare.

Libertà75

Mar, 01/10/2019 - 16:11

@el p., ovviamente posta come l'hai posta tu sembra una bella disquisizione, la reltà è abbastanza diversa. Anche in Cina esiste una pressante, burocratica ed elefantiaca macchina per la tutela dell'ambiente. Siamo noi scimpanzé che pensiamo che loro siano un popolo di trogloditi. Anzi, la ricollocazione industriale USA è avvenuta proprio a seguito dell'accresciuta attenzione ambientale cinese. Il punto è che la Cina è piena di industrie, ed è la sommatoria di esse a divenire un problema, non la loro singola produzione di inquinanti. Compreso questo passaggio, il nesso che ne consegue è che i dazi non si potranno porre sulla produzione (oltre ad un certo limite), ma saranno posti sul livello di inquinamento generale nel bacino di produzione. Per questo motivo, dire "difendiamo l'ambiente" o dire "difendiamo le industrie" sarà la medesima cosa. Saluti

VittorioMar

Mar, 01/10/2019 - 16:35

..la NATURA non ha la COGNIZIONE di "TEMPO"....l'UOMO SI !!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 01/10/2019 - 16:53

@Libertà75 In realtà comprendere "l'impronta ecologica" di un singolo prodotto non è impossibile. E' fisiologico che se un paese produce 100 e l'altro 1000, quello da 1000 inquinerà di più di quello da 100 ecco perchè il driver dovrebbe essere l'inquinamento per unità di prodotto realizzata e consegnata. Se si fa questo, come dici tu, difendere l'ambiente viene a coincidere con difendere le industrie. So perfettamente che la Cina è tutto fuorché un popolo di trogloditi e che hanno una capacità di reazione e una velocità di adattamento sconosciuti all'occidente.

ROUTE66

Mar, 01/10/2019 - 16:55

ASPETTIAMO CON ANSIA CHE CI FACCIA SAPERE CON QUALE MEZZO(NON INQUINANTE) AL SUO PAESE.

Pinozzo

Mar, 01/10/2019 - 17:30

ROUTE66 si rende conto che la sua frase e' totalmente priva di senso logico? Ma che scuola ha fatto? Povera Italia..

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 01/10/2019 - 20:38

Pinozzo 17:30 - Esimio farmacista del cozzo : "che scuola ha fatto". - La scuola non si fa, si frequenta. - Povera Italia.

killkoms

Mar, 01/10/2019 - 21:39

@elpirlesente,aspettavo uno scienziato come te!qualsiasi combustione emette carbonio,ma bruciare il carbone è quanto di più inquinante si possa fare in assoluto!ed è il carbone che fa andare le economie di cina ed india!mi raccomando,vai a dirlo pure a quegli intelligentoni,che fatto chiudere il cantiere della centrale nucleare di montalto di castro, pensarono bene di convertirla a carbone!informati su quanto è costata quella sparata eco-illogica! e già che ci sei,chiedi al tuo assistente vocale come si dice "un gatto nel carbone" in tedesco!

timoty martin

Mar, 01/10/2019 - 23:10

Torni a scuola la ragazzina e non si monti più la tessta. L'organizzazione che l'ha "lanciata" si sgonfierà altrettanto rapidamente. Lasci fare i VERI scientifici. Lei ha combinato abbastanza casini e disordini.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 02/10/2019 - 05:26

@killkomms É ufficiale. Sei un masochista che gode nel mostrare la propria ignoranza. Solo una capra puó dire che ogni combustione emette carbonio. Magari lo facesse. Purtroppo i combustibili fossili emettono anidride carbonica che é un gas, non mine di matite!

Libertà75

Mer, 02/10/2019 - 11:02

@el p., l'anidride carbonica è il cibo della vegetazione, il pianeta è più che sufficientemente pronto a convertirla in biodiversità, il punto (semmai) sono le polveri sottili in sospensione e in ricaduta tramite pioggia. Bisognerebbe andare a verificare se i qualunquismi corrispondo a verità o meno. Comunque hai preso atto anche te che a sinistra si dicono le stesse cose di Trump, ma ci vogliono 50 parole invece che 5. Saluti

killkoms

Gio, 03/10/2019 - 21:26

@elpresidente,vatti a visitare i "villaggi cancro" cinesi!