Israele, Trump ora tira dritto: "La capitale è Gerusalemme"

Il presidente Usa annuncia lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv alla "Città santa". E scoppia l'ira del mondo arabo

Donald Trump tira dritto. Dopo le polemiche di questi giorni, il presidente degli Stati Uniti ha annunciato dalla Casa Bianca il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e il relativo spsostamento dell'ambasciata americana da Tel Aviv alla "Città sacra". "I presidenti che mi hanno preceduto hanno promesso lo spostamento dell'ambasciata in campagna elettorale. Poi non hanno mantenuto quanto avevano detto. Io invece le promesse le mantengo. E dunque gli Stati Uniti riconoscono Gerusalemme come capitale dello Stato di Israele e spostano lì la propria ambasciata". Parole chiare che di fatto segnano un passaggio storico per gli equilibri (sempre fragili) in Medio Oriente. "Oggi riconosciamo l'ovvio. È qualcosa che doveva essere fatto tempo fa. Il passaggio dell'ambasciata inzierà immediatamente. Saranno chiamati architetti e ingegneri. Quando la nuova sede sarà completata ci sarà lo spostamento vero e proprio da Tel Aviv a Gerusalemme". Poi Trump ha anche parlato del processo di pace in Medio Oriente: "Questo annuncio non è uno stop al processo di pace. Gli Stati Uniti non abbandonano l'impegno per la pace. Questo è un nuovo inizio nel processo di pace israelo-palestinese e l’inizo di un nuovo approccio". Trump ha poi rilanciato l'ipotesi di un accordo che preveda l'istituzione di due Stati, uno israeliano e l'altro palestinese: "La tolleranza deve prevalere sull'odio. Gli estremismi vanno eliminati. È il momento per i giovani del Medio Oriente di rivendicare un futuro di pace e luminoso". Nel suo discorso Trump ha più volte citato la parola "pace" e ribadisce che la sua scelta va proprio in questa direzione: "È ora di riconoscere Gerusalemme come capitale dello Stato di Israele, è l'inizio di un nuovo approccio al conflitto israelo palestinese. Israele ha il diritto a scegliere la propria capitale".

La reazione del mondo arabo


La mossa di Trump di fatto ha creato i malumori del mondo arabo e di quei Paesi che da anni sono storici alleati dei palestinesi. Critiche sono arrivate dall'Iran dal presidente Hassan Rohani: "La Repubblica islamica dell'Iran non è mai stata d'accordo nel modificare i confini regionali e non tollererà la profanazione dei luoghi santi islamici". Anche da Hamas sono arrivate minacce: "Il processo di pace è interrotto. Trump ha aperto le porte dell'inferno". Durissima la posizione dell'ayatollah Ali Khamenei: "Il piano dei nemici per riconoscere Gerusalemme capitale di Israele è frutto della loro incompetenza e parzialità". Dura anche la reazione dell'Olp (l'Organizzazione per la liberazione della Palestina): "Riconoscendo Gerusalemme capitale di Israele e preannunciando lo spostamento dell’ambasciata americana da Tel Aviv, Donald Trump «ha distrutto ogni speranza di soluzione di pace sulla base del principio dei due Stati". Infine in questo quadro di tensione va registrato il gesto del sindaco di Gerusalemme vicino alla destra israeliana: dopo l'annuncio di Trump ha fatto proiettare sul Muro del Pianto l'immagine della bandiera Usa e di quella d'Israele.

Commenti

setfree

Mer, 06/12/2017 - 19:40

Ancora arroganza Usa. Una sola nazione non comanda il mondo. Purtroppo gli americani questo concetto semplice hanno molta difficoltà a comprenderlo. spero la Ue si tenga alla larga da simili prese di posizione, dettate dalla lobby ebraica e dal genero di Trump, l'ebreo Jared Kushner.

ESILIATO

Mer, 06/12/2017 - 19:44

B R A V O.....uomo che onora la parola data......lo aveva promesso durante la campagna elettorale e lo ha fatto. Inoltre messaggio chiaro ai palestinesi.....noi siamo qui e pronti a parlare, .........smettiamola di trovare scuse e sediamoci ad un tavolo a trattare.

Santippe

Mer, 06/12/2017 - 19:48

Finalmente un Presidente americano che rende giustizia a Israele.Bravo Trump! Gerusalemme è la capitale d'Israele da 3000 anni e da 70 dello Stato ebraico.Gli arabi non c'entrano niente con Gerusalemme. Le loro città sante sono Medina e Mecca, quindi la smettano di rompere le scatole.Intanto promuoviamo una colletta per fornire di pannoloni politici e commentatori d'Europa che si stanno pisciando addosso dalla paura.

Massimo Bocci

Mer, 06/12/2017 - 19:48

Meglio sapere prima chi sono i tuoi nemici, e affrontarli a viso aperto,che trovarteli da finti amici in effetti traditori traditori (vedi ISIS) ha pugnalarti alle spalle,forza Tycoon.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 06/12/2017 - 19:49

Se gli altri presidenti l'hanno fatto prima un motivo ci sarà,

frabelli1

Mer, 06/12/2017 - 19:55

Trump mi piace sempre di più!

lorenzovan

Mer, 06/12/2017 - 19:57

e vende questa decisione completamente fuori tempo..fori luogo e terribilmente pericolosa...come n passo verso la pace ??? fracamente capisco avere la faccia di bronzo ma questo supera tutti i limiti !!!ne riparleremo quando i sionisti proveranno a ricostuire il tempio di salomone alposto della moschea di al aksa ..a quelpunto la guerra atomica sara'inevitabile il pakistan per chi non lo sa ..ha pure armi ncleari.. ed e'semoprein bilico tra il fondamentalismo e lo stato laico.....)

lorenzovan

Mer, 06/12/2017 - 19:59

questo passao favorira' in tutto ilmondo arabo il fondamntalismo e distruggera' quel poco che resta del mondo muslmano moderato..bravo Trump...passerai sicuramente alla storia ..come n pazzo e incapace...

Edith Frolla

Mer, 06/12/2017 - 20:12

L'Italia resta sulla stessa linea dell'ONU: Gerusalemme Est è Palestinese. Fiero della lezione di civiltà che la nostra Italia da al mondo.

Ritratto di max2006

max2006

Mer, 06/12/2017 - 20:25

Trump da di tutto per portare il mondo in guerra pensando che gli U.S.A. sono l' unica potenza globale del pianeta. Ma è dall' 11 settembre 2001 che non è più cosi. Gerusalemme è la città sacra di tre grandi religioni, perciò doveva essere dichiarata città aperta con uno status internazionale, dando modo a Israele di fare una figura eccezionale nei confronti degli stati vicini. invece ha buon gioco l'ayatollah Ali Khamenei nel dichiarare che l' Iran non tollera il cambio di status quo dei luoghi santi. Odio chiama odio, livore chiama livore. e' proprio vero che il buon senso su questa Terra ormai è finito, se mai c'è stato.

edo1969

Mer, 06/12/2017 - 20:30

bene Donald, ai cammellieri o si danno le legnate o non la capiscono

Egli

Mer, 06/12/2017 - 20:34

Il presidente Usa annuncia lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv alla "Città santa". E scoppia l'ira degli imbroglioni.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 06/12/2017 - 20:34

Ottima mossa di Trump.

glasnost

Mer, 06/12/2017 - 20:49

Finalmente uno che fa e non chiacchiera. Stiamo a vedere come andrà a finire, ma peggio di com'è andata fin'ora è impossibile. Per cui sono ottimista sul prevalere del buonsenso sul buonismo di facciata.

maricap

Mer, 06/12/2017 - 21:12

Ecco finalmente un presidente con le palle.

Tarantasio

Mer, 06/12/2017 - 21:27

malumori, ostilità, minacce tremende a Israele e Usa... ma quando mai sono state rose e fiori ?

roberto zanella

Mer, 06/12/2017 - 22:06

adesso finiranno di ganassare tutti quelli che hanno speculato sui palestinesi...arabi in testa e tutti quelli che amavano lo status quo come il Papa che adesso sono in gramaglia , perchè risolvere il problema palestinese da fastidio a molti che hanno vissuto speculando sulla vicenda

Arch_Stanton

Mer, 06/12/2017 - 22:42

Gerusalemme è ebraica da 3.000 anni, questa è la realtà. I dittatori arabi che protestano si occupino di liberare i propri popoli, perché Israele è l'unico stato al mondo dove i cittadini arabi (20%) hanno libertà e diritti. Gli indignati europei sono gli stesi che votarono una risoluzione all'Unesco che stabilì che Gerusalemme non aveva nulla di storico con gli ebrei...nonostante 3000 anni di storia dicano il contrario. Questa è l'ennesima promessa elettorale mantenuta da Trump, è davvero incredibile dato che in genere una volta eletti, i presidenti stracciano il programma elettorale. Manca solo l'abolizione dell'obamacare (fermo al senato) e la nomina di un procuratore per indagare sulla corrotta Hilary Clinton.

salvatore40

Mer, 06/12/2017 - 23:37

Finalmente ! Ancora l'America di Trump mostra i denti, il coraggio che manca a quasi tutti, sfidando l' Islamonazismo, quello che intende liberare la Palestina prima, il mondo poi,dalla "anomalia ebraica ". E meno male che Gerusalemme viene ritenuta città santa, città delle tre religioni monoteiste. Ma possiamo continuare ad affidare il destino dell'Umanità alle Religioni ?

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 06/12/2017 - 23:59

Good ! : Tu sei buono e grande , Mr. Trump : God save You and USA . Yeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 07/12/2017 - 00:47

E tutti i grandi difensori del Popolo Ebreo... ma solo contro i Nazisti... adesso sono qui a criticare Trump. E i martiri diventano i "poveri" palestinesi, che non hanno mai avuto una terra loro, ma da quando ce l'hanno gli Ebrei pretendono di diventare quello stato che non è mai esistito in tutta la storia dell'umanità.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 07/12/2017 - 00:48

lorenzovan ma quale "moderato"? Ve lo volete mettere in testa che non esistono musulmani moderati?

Peterpopara

Gio, 07/12/2017 - 01:04

Trump è un fascista che incendierà il mondo.

ale76

Gio, 07/12/2017 - 01:10

Uno come trump non sa nemmeno dove sia Gerusalemme, che tristezza...

curatola

Gio, 07/12/2017 - 01:59

fossi Trup costruirei una megambasciata dove far soggiornare a turno migliaia dii giovani israeliani e palestinesi fina a creare un clima di reciproca tolleranza per soffocare gli estremismi,Una generazione di figli di coppie miste farà il resto.

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Gio, 07/12/2017 - 02:27

Grande Trump!!: una lezione per i precedenti presidenti mollicci di sx.

Dordolio

Gio, 07/12/2017 - 02:52

Trump fa bella figura perchè in piena coerenza attua una promessa fatta in campagna elettorale. Contemporaneamente sarà ricordato come quello che avrà (senza ragione alcuna se non elettorale) sfruculiato un nido di vespe. Dando piena legittimità all'unico Stato razzista e razziale attualmente esistente al mondo.

Dordolio

Gio, 07/12/2017 - 02:57

Arch_Stanton, non so che film abbia visto lei recentemente, ma la realtà palestinese è diversa. Nessuno pensa di togliere il diritto agli ebrei di stare lì come da qualsiasi altra parte, ma che COMANDINO E GOVERNINO solo loro dopo esserci tornati con armi e denari in forze nel 1948 è un altro discorso. Che ritornino tutti i palestinesi che sono stati costretti ad andarsene e si voti. Chi vince governa. No? E perchè mai?

TONI-GARATTI

Gio, 07/12/2017 - 03:16

Se vogliono la guerra meglio subito e fino in fondo, una buona nocasione per estirpare il cancro muslim

fabiod

Gio, 07/12/2017 - 04:47

grande Donald...

Oraculus

Gio, 07/12/2017 - 04:59

Omaggi e sentiti apprezzamenti per queste righe espresse con la dignita' dell'onesto giornalista , complimenti!!...e poi a chi soffre per quanto e' accaduto con questa dichiarazione su Gerusalemme , per cui mi auguro per costoro altre e peggiori sofferenze che per noi cristiani significheranno solo un impulso per una vera pace...o una vera guerra!!...ma questo dipendera' solo dagli islamici...odio o rispetto...per guerra o pace. Nostradamus lo predisse...con un dopo di 500 anni di pace...

Popi46

Gio, 07/12/2017 - 06:11

Sto con Trump,alla faccia di tutti i carrozzoni internazionali bolsi ed inutili,tipo ONU,che propagandano il politicamente corretto,perché millenni di Storia hanno un peso: la fuga dall'Egitto,Mose',la terra promessa,Gerusalemme sono da sempre patrimonio del popolo ebraico,fin da quando nel mondo conosciuto esistevano solo pagani.Maometto non stava neppure nei sogni. E la cosiddetta real politic odierna non ha il diritto di cancellare questa storia. Tra parentesi,io sono cristiana.

lento

Gio, 07/12/2017 - 07:03

Sono un simpatizzante del Presidente Trump Ma questa volta ha fatto una porcata mondiale ! "Come quando due famiglie si contendono un palazzo a suon di bastonate da 100 anni e il sindaco di buon mattino ,il palazzo l'assegna a una sola famiglia ,con prepotenza .."Una porcata madornale....

gian paolo cardelli

Gio, 07/12/2017 - 07:18

Mi chiedo se valga la pena ricordare, anche a quelli che si sentono "orgogliosi della linea IPOCRITA, VIGLIACCA E DOPPIOGIOCHISTA" da sempre seguita dall'Italia quando a guidarla sono i cattocomunisti, che l'unico appiglio per i mussulmani di considerare Gerusalemme una città santa è il volo notturno su un cavallo alato compiuto da Maometto e citato nel Corano, "casualmente" scritto ovvero dettato da Maometto stesso... ma la cosa veramente esilarante è che i sostenitori della causa mussulmana accusano gli ebraici di appigliarsi ad un libro "ridicolo" (secondo loro) come la Bibbia, come se invece la favoletta suddetta andasse invece presa per un fatto realmente accaduto!

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Gio, 07/12/2017 - 08:11

bravo trump ... purtroppo ora francesi ed italiani si dissoceranno al grido di "hamas è pace".

elalca

Gio, 07/12/2017 - 08:20

lorenzovan: in considerazione della sua lungimiranza e delle sue abilità politiche e diplomatiche si candidi lei quale prossimo presidente degli USA.

Mr Blonde

Gio, 07/12/2017 - 08:35

tutte belle parole, vero, però un politico dovrebbe capire che gettare benzina sul fuoco farà morire ancora innocenti, bambini compresi, sia negli attentati che direttamente in luogo; ma perchè? per dire guardate come sono forte e fiero? al pari di kim, il signore ci liberi dei pazzi

wintek3

Gio, 07/12/2017 - 08:50

Ha riconosciuto a Cesare quel che è di Cesare. E' un bene che si incominci a far chiarezza sulle posizioni in campo.

Dordolio

Gio, 07/12/2017 - 11:10

Mi è ben chiaro che Israele piaccia a tanti qui. Lì si possono permettere cose che qui ci sogniamo: stanno per cacciare MIGLIAIA di "migranti" che creano da loro gli stessi problemi che da noi. Un Battisti (esempio) se lo sarebbero ripreso (o assassinato) senza storie. Hanno mano libera. Ma una volta che ci siamo gasati come dopo aver visto un film con Schwarzenegger, scendiamo nella realtà. E vediamo come gli ebrei trattano chi ebreo - lì - non è. E scopriremo che non c'è peggior persecutore di chi - a sua volta - fu in passato perseguitato. Se piace.... (e detto tutto questo non amando affatto gli arabi, ma l'onestà intellettuale ci vuole....)