Londra, 49 arrestati in 3 attacchi terroristici: tutti rilasciati

Tutti i sospettati dei tre attacchi terroristici tra Londra e Manchester sono stati rilasciati senza alcuna imputazione

Westminster Bridge, Manchester e London Bridge. L'Inghilterra nell'ultimo anno è stata colpita da diversi attacchi terroristici. In seguito a questi tre eventi, la polizia ha effettuato nel complesso 49 arresti, ma dopo pochi giorni di reclusione, tutti i sospettati sono stati rilasciati senza alcuna imputazione.

Il 22 marzo un uomo si è gettato con la sua auto sul marciapiede travolgendo la folla sul ponte di Westminster e ha ucciso poi a coltellate un agente di guardia davanti ai cancelli del Parlamento. L'uomo, identificato come Kahlid Masoon, è stato abbattuto dalle forze dell'ordine. 12 le persone arrestate perché sospettate di complicità nell'organizzazione dell'attentato. Tutte rilasciate.

Il 22 maggio un kamikaze si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena. Nell'attacco hanno perso la vita oltre 20 giovani e la polizia ha arrestato 22 persone nella convinzione che tra di loro ci fosse l'artificiere. L'attentatore, il 21enne Salam Ramadan Abedi, parte abbia agito da solo dato che sono stati tutti rilasciati.

Il 3 giugno un furgone ha investito alcuni pedoni sul London Bridge, nel centro di Londra. In seguito gli attentatori hanno sferrato diverse coltellate a chiunque si trovasse davanti a loro. Gli uomini sono stati uccisi dalla polizia che nei giorni seguenti all'attentato ha compiuto 15 arresti. Anche in questo caso tutti i sospettati sono stati rilasciati.

L'attentato nella stazione di Parsons Green

L'ultimo attacco nel cuore di Londra, alla stazione della metropolitana di Parsons Green, ha causato 30 feriti. La polizia britannica ha arrestato 6 persone, sospettate di essere collegate all'attacco terroristico. "Ora abbiamo sei uomini in custodia e le ricerche continuano presso altri cinque indirizzi. I detective stanno effettuando indagini approfondite per determinare i fatti completi relativi all’attacco", ha dichiarato alla Reuters il comandante Dean Haydon, capo del Comando anti-terrorismo della polizia Metropolitana di Londra.

Le indagini delle autorità continuano senza sosta per stabilire quanti siano realmente gli uomini coinvolti nell’attacco. Fino a ora le operazioni delle forze dell'ordine sono state svolte con tempestività, portando all'arresto di numerosi sospettati. Ma il loro rilascio dopo poco tempo invita, come riporta Repubblica, a essere prudenti sul futuro dei 6 arrestati per l'attacco a Parsons Green.

Commenti

Demy

Gio, 21/09/2017 - 16:59

Buonismo che non porterà a nulla di buono.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Gio, 21/09/2017 - 17:28

Visto che a Londra c'e' un sindaco islamico, la cosa non mi meraviglia piu' di tanto.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 21/09/2017 - 19:28

Son orisorse, vanno rilasciate subito.

mariod6

Gio, 21/09/2017 - 19:36

Il sindaco ha garantito per loro che sono tutti bravi fedeli e che non hanno fatto nulla di contrario agli insegnamenti dell'Islam e di Allah.

Reip

Gio, 21/09/2017 - 20:19

Mi sa che questi inglesi, a parte i film di james Bond, stanno messi peggio di noi....

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 21/09/2017 - 23:27

Londra non è l’unica città inglese ad avere un sindaco islamico, ci sono anche Birmingham, Luton, Blackburn, Sheffield, Oxford, Oldham, Rochdale e Leeds. in UK ci sono più di 3000 moschee e più di 130 tribunali della sharia. Il 78% delle donne musulmane non lavora e vive con l’assistenza pubblica e la casa del comune, per gli uomini la percentuale scende al 63% che è comunque una percentuale altissima. Come fanno ad andare avanti lo sanno solo loro.

Ritratto di Zohan

Zohan

Ven, 22/09/2017 - 14:58

I giudci inglesi hanno fatto l'erasmus in Italia evidentemente