Nella Parigi che premia Carola scoppia la rivolta dei migranti

La Francia celebra la capitana tedesca, i "gilet neri" occupano il Pantheon: "Qui stranieri umiliati, sfruttati, deportati"

Parigi vuole premiare Carola Rackete in qualità di paladina dei diritti umani, ma i migranti presenti Oltralpe non sono per nulla soddisfatti di come la Francia stia gestendo i fenomeni migratori e tutto quello che ne consegue, compresa la situazione sociale interna. Il malcontento è così evidente da far sì che i cosiddetti gilet neri occupino il Pantheon parigino. Durante la giornata di ieri, insomma, è arrivata l'ennesima certificazione di questo assunto: esistono gli annunci sventolati dal presidente della Repubblica e dalle istituzioni politiche, ma ci sono anche i fatti, che raccontano tutt'altro.

Se i gilet gialli rappresentano il simbolo della lotta contro la diseguaglianza sociale, quelli neri incarnano la tutela, anche in maniera plateale, di quelli che ritengono essere diritti assoluti dei migranti, dei profughi e dei rifugiati. La narrativa proggresista vuole elevare la capitana della Sea Watch 3 a protettrice degli ultimi, ma come se la passano coloro che provengono dalle periferie economico-esistenziali in terra transalpina? Le Comité Soutien Migrant ha fatto parte di una sorta di rivolta, che ha avuto luogo in una delle più eloquenti rappresentazioni della storia tradizionale francese. Perché è stata organizzata? Perché i migranti dicono di essere "umiliati, sfruttati e deportati".

È quanto di meglio si possa offrire, per usare un eufemismo, per verificare l'esistenza di un certo doppiopesismo. Il fatto di legittimare Carola Rackete, peraltro mediante la concessione della cittadinanza onoraria, può essere interpretato come un posizionamento politico: l'Europa che piace ad Emmanuel Macron e ai suoi è quella dei "porti aperti". I nostri, per esempio, che dovrebbero sempre essere a disposizione di chi ha intenzione di sbarcare. Dalle parti dei comitati manifestati, invece, sottolineano proprio la rigidità di quanto espresso sino a questo momento, in materia di migranti e immigrazione, dal governo transalpino guidato da En Marche!: ""Siamo venuti a dire che il motto francese per gli stranieri è ‘umiliazione, sfruttamento e deportazione'", si legge su The Post Internazionale. La polizia francese? Non ha lasciato fare. Su EuroNews si parla pure di "scontri". A sottolineare come la "linea del rigore" non appartenga solo alle restrizioni sovraniste.

Marine Le Pen, dal canto suo, ha postato anche un video dell'iniziativa. Il vertice del Rassemblement National ha scritto su Facebook che è "inammissibile vedere clandestini rivendicazione occupare, impunemente, questo alto luogo della Repubblica che è il Pantheon". Il posto in cui declinare le rimostranze, insomma, non è stato selezionato a caso. Ma il tema è anche un altro: contestazioni di questo tipo avevano già avuto luogo nei mesi passati. La Repubblica francese, che da sempre sventola con fierezza la bandiera del multiculturalismo, sarà costretta ad assistere, con ogni probabilità, ad altri moti di questa tipologia. Poiché c'è un peso, forse i manifestati si aspettano che venga utilizzata anche un'unica misura, ma molto sembra suggerire come ne esistano almeno un paio.

Carola Rackete avrà la sua onoreficenza. I migranti potranno individuare un altro emblema da occupare per denunciare quanto subito. Così vanno le cose nella Francia di Emmanuel Macron.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 13/07/2019 - 13:40

questa eroina merita il premio nobel..

agosvac

Sab, 13/07/2019 - 14:09

Dubito che Macron durerà a lungo! Tra gilet gialli, gilet neri ed islamici cittadini francesi, è una polveriera destinata ad esplodere ed a fare un gran botto!!!

audace

Sab, 13/07/2019 - 14:09

La Francia è una barzelletta più comica della nostra.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 13/07/2019 - 14:10

Chi la FA l'ASPETTIIIII!!! jajajajajajaja.

savonarola.it

Sab, 13/07/2019 - 14:25

Ovunque arrivano queste orde illegali spariscono ordine, democrazia, convivenza civile e benessere. La francia cosiddetta multirazziale ne è un tragico esempio. Speriamo SALVINI riesca nel suo progetto, diversamente questo sarà anche il nostro destino.

unosolo

Sab, 13/07/2019 - 14:27

mi ripeterò sempre , oggi dobbiamo a non consumare prodotti Francesi e non importare nulla dalla Francia , ritirare il nostro ambasciatore e spedire quello Francese in Francia o in alternativa ritirare la cittadinanza alla karola e le scuse ufficiali dal presidente in mondovisione , accoglienza non vuol dire solo ITALIA ma tutta la EUROPA ,

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 13/07/2019 - 14:32

Con tutte le grane che ha Macron avrebbe potuto risparmiarsi l'esaltazione della Carola!

timoty martin

Sab, 13/07/2019 - 14:37

Bene, nuova rivolta contro Macron!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 13/07/2019 - 14:40

Fossi in loro non starei a perdere tanto tempo in premi assurdi quando ho una bomba in casa che sta per scoppiare. Vedrete che presto i francesi faranno peggio di noi,molto peggio,allora avremo noi il sorriso beffardo alla Sarkozy. Come dice il proverbio? Ride bene chi ride ultimo? E ridiamo allora....

Ritratto di falso96

falso96

Sab, 13/07/2019 - 14:41

FARANNO A PEZZI LA NOSTRA CIVILTA. POI VEDREMO LA CAPITANA SULLE BARRICATE A DIFENDERE QUEL CHE NE RIMANE.E giù altre medaglie .... siamo alla pazzia non da manicomio ma da camicia di forza doppia.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/07/2019 - 14:41

Macron fa il bullo, premiano la criminale karola e intanto il paese gli sta scoppiando sotto. Dura minga....

Ritratto di tox-23

tox-23

Sab, 13/07/2019 - 14:45

In effetti qualsiasi cosa arrivi ultimamente dalla Francia provoca una grande ilarità.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 13/07/2019 - 14:49

Rivolta? No, stavano festeggiando il premio a Karola Rackete (carolina racchietta per gli intimi).

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Sab, 13/07/2019 - 14:50

Se hanno l'impudenza di okkupare il Pantheon, vuole proprio dire che la Francia è agli sgoccioli.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Sab, 13/07/2019 - 14:50

Il Pantheon è il monumento simbolo della laicità della Francia (nonostante la "pantheonizzazione" degli uomini illustri in questo luogo plasticoso e privo di anima credo che sia il peggiore destino che possa capitare da morto ad una persona). La Le Pen parla d'immigrati clandestini: si tratta invece di una manifestazione pacifica di gente di colore che vuole parità di trattamento e opportunità nella vita sociale. La Francia in questo è il paese che ha fatto di più tra tutti quelli europei, gli ospedali e le amministrazioni sono piene di gente di colore, chi ha vissuto a lungo in Francia sa cosa vuol dire integrazione. Occorre comunque continuare su questa via fino a quando il colore della pelle non sarà più una discriminante per il godimento dei diritti e l'accesso alle opportunità.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 13/07/2019 - 14:51

@franco-a-trier_DE: Un sigaro e un Nobel non si nega a nessuno! L'hanno dato pure al repubblichino Fo Dario, fascista fino al 24 aprile 1945 e antifascista dal 26 aprile stesso anno...E darla all'oca giuliva mi sembra il minimo.

silvano.donati@...

Sab, 13/07/2019 - 14:57

chi si riempie la bocca di belle parole ed è smentito dai fatti è un buffone...

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Sab, 13/07/2019 - 15:25

La Francia è come quei tossici che vogliono coinvolgere altri nel loro inferno per sentirsi meno sbagliati. Solo che nel tunnel loro ci si sono infilati da soli con un colonialismo criminale che ovunque sia arrivato ha fatto solo disastri (ultimo caso Libia, ma già dal Vietnam erano da interdire e mettere sotto TSO dall’ONU). E anche se da qualche anno stanno raccogliendo sulla propria pelle e in casa loro quello che hanno seminato (e continuano a seminare), i prezzi maggiori della loro politica estera idiota li pagano ancora altre nazioni.

patrizia52

Sab, 13/07/2019 - 15:36

Per STAMICCHIA soltanto che cominciamo a trovare da qualche anno a questa parte gente radicalizzata negli aeroporti, gli ospedali, la scuola e persino la polizia....Ha voglia a chiamarla integrazione.... PS: sono francese....

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 13/07/2019 - 15:50

Da come si vede sui Telegiornali Stranieri, il comportamento dei presidenti Africani, vanno a fare contratti con il PUTIN e Con la Cina, questo è solo l'inizio. Lo dicono apertamente, sono stanchi di essere sfruttai da centinaia di anni dagli Europei, ed ora cercano la vendetta. Auguri Europa, date il nobel alla SCHWOBE, per il trasporto a pagamento dei migranti, che un giorno non lontano, saranno i PADRONI del SOTTOSUOLO EUROPEO. Poverini, siete i BENVENUTI.

routier

Sab, 13/07/2019 - 16:28

La Francia paga e pagherà ancora il suo vecchio ed improvvido tentativo di "anschluss" con l'Algeria (vedi O.A.S. organisation armée secrète). In geopolitica gli errori madornali hanno un prezzo molto alto.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Sab, 13/07/2019 - 16:37

Una parte dei francesi di origine magrebina nutre un odio viscerale nei confronti dello Stato che li ha accolti e, spesso, mantenuti. Sulle ragioni storiche dell'odio degli algerini verso i francesi non ci sono dubbi. A questo punto, però, si deve ammettere che l'integrazione é solo a parole, ma non nei fatti. I francesi pagheranno cara la loro politica colonialista del passato e quella neocolonialista del presente.

Malacappa

Sab, 13/07/2019 - 17:07

E'quello che si meritano

venco

Sab, 13/07/2019 - 17:11

Gli stranieri non sono mai umiliati, sfruttati e deportati, sono liberissimi di tornare a casa loro, nessuno li trattiene.

wrights

Sab, 13/07/2019 - 18:15

Volevo istituire un traffico di clandestini tra Italia e Francia (logicamente facendomi pagare, o quantomeno con un contributo statale, regionale, comunale, una colletta condominiale), questo per diminuire il numero delle presenze illegali in Italia. Ma poi mi hanno detto che ne Roma, ne Milano, nemmeno Napoli e Palermo mi avrebbero dato onorificenze, allora ho desistito. P.S. scordavo il "motivo umanitario" di questo traffico, per giustificare l'immunità, "in Italia la maggior parte di queste persone è lasciata allo sbando e spinta dalla criminalità a delinquere" oppure "per liberare dal regime dittatoriale fascista italico, persone di colore sfruttate e schiavizzate. E qui, posso aspirare anche al Nobel!

roseg

Sab, 13/07/2019 - 18:35

tomari hai ragione il Nobel ormai è di facile appannaggio, pensa che lo daranno anche a. Francuzzo o krucco...Per l’idiozia.

Jesse_James

Sab, 13/07/2019 - 18:56

@franco-a-trier_DE - Sei un grande! Adesso mi porto dietro un migrante desideroso di raggiungere la Germania. E quando arrivo con lui al confine, se mi si para davanti un poliziotto tedesco gli do un calcio tra le gambe. Vediamo se poi tu ed i tuoi compatrioti mi date il nobel! Facile fare il generoso con la pelle ed il portafoglio altrui, eh?

istituto

Sab, 13/07/2019 - 19:58

È solo questione di tempo, prima o poi la bomba esploderà in mano " all'accogliente Macron.." Bene. È questo farà riflettere tanti francesi..

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Sab, 13/07/2019 - 20:01

Se andiamo avanti di questo passo, l'Europa, con le sue tradizioni, la sua lingua, la sua cultura, la sua democrazia, le sue genti, la sua libertà, non esisterà più. Ci sarà tutt'altro, verremo sopraffatti da gente straniera che ci soverchierà con la prepotenza……...e noi zitti, subiremo.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Sab, 13/07/2019 - 21:45

hei franco a trier come sta la Merdkel?

Marcolux

Sab, 13/07/2019 - 21:52

Forza integralisti islamici, fate vedere al mondo che ormai in Francia comandate voi, e presto imporrete la Sharia!

Una-mattina-mi-...

Sab, 13/07/2019 - 22:10

FORSE GLI IMMIGRATI NON HANNO CAPITO CHE LA FRANCIA VUOLE PROPRIO IMMIGRATI DEPORTATI E SFRUTTATI: ALTRIMENTI CHE LI VORREBBE A FARE?

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Sab, 13/07/2019 - 22:36

Il famoso Balilla, fu un ragazzino che ne aveva pieni gli zebedei dei soldati stranieri d'occupazione e senza aspettare finanziamenti o avvocati alle spalle, tirò la prima pietra a viso scoperto contro questi occupanti e subito il popolo si sollevò dietro a lui e fu la rivolta generale che riuscì. I giovani italiani possono pur sempre agire contro chi ci opprime e impone, MA se non li seguirà il popolo, vuole dire che l'Italia "l'è morta". Magari ci vorranno più Balilla, ma bisogna che i giovani ci provino...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 13/07/2019 - 22:56

@franco-a-trier_DE - rinnegato tu meiti solo ceffoni. Bell oparlare male dell' Italia quando si è scappati come conigli, è tedesco bxxxxxxo?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 13/07/2019 - 22:58

@Sta mxxxxxa - buffone comunista, ora hai superato ogni limite. Cerchi guai?