La "coppia omo" di eterosessuali che fa infuriare i gay

Due ragazzi neozelandesi si sono sposati, ma solo per vedere una partita di rugby

Cosa sareste disposti a fare per vincere un biglietto della finale di coppa del mondo di calcio? Qualunque sia la vostra risposta, difficilmente riuscireste a eguagliare la trovata di Travis McIntosh e Matt McCormick. I due ventenni neozelandesi volevano vincere a tutti i costi i biglietti messi in palio dalla radio di Auckland The Edge per la finale della Rugby World Cup del 2015 in Inghilterra.

L'unica condizione per partecipare al concorso era essere una coppia omosessuale maschile regolarmente sposata, cosa che in Nuova Zelanda è permesso per legge da poco meno di un anno. I mondiali si avvicinano e i due amici dall'età di sei anni decidono di organizzare in fretta le nozze con doversoso contorno di parenti e amici festanti e cerimonia nel parco.

Il matrimonio si è svolto lo scorso venerdì suggellando il loro eterno amore per il rugby. Infatti i due buontemponi sono dichiaratamente eterosessuali e ammettono di essersi sposati solo per poter vincere l'ambito premio. Confortano però i conoscenti dicendosi certi di far durare il sodalizio almeno un paio di anni. Periodo di tutto rispetto vista la durata media delle coppie oggigiorno.

La trovata non è andata molto a genio al mondo Lgbt neozelandese che tramite il suo portavoce Neil Ballantyne si indigna:"Il matrimonio di Matt e Davis è un insulto, perché la battaglia per le nozze omosessuali è stata fatta perché solo agli omosessuali veri fossero riservate. Il concorso offende il matrimonio tra due uomini, dipingendolo come qualcosa di negativo, come qualcosa di oltraggioso, da non tenere in nessuna considerazione".

Sembra comunque doveroso fare i migliori auguri alla neo coppia di sposini per una felice convivenza. Almeno fino alla finale di Londra.

Commenti

albertzanna

Mar, 16/09/2014 - 11:00

Questi GHEI, quanto sono pallosi e permalosi, invece di mostrare apprezzamento per la goliardata dei due ragazzi, che per passione per il rugby hanno "osato" sfidare le eterofobie dei GHEI, ed accettare, come persone quasi normali, di commentarla con un sana risata, se ne escono con uno dei loro pallosissimi commenti tutta indignazione isterica stile difesa dei sacri diritti, la chiesa blasfema dell'ortodossia degli amanti del terzo sesso (vale la pena di ricordare, non esistente in natura se non per evidenti errori genetici). Ed io mi ripeto: viva la gnocca, la vera gnocca femminile, e tutto ciò che di bello e sacro hanno le donne effettive, non i transformers, tutti fasulli silicone e bisturi. REDAZIONE, PUBBLICARE PER FARE SAPERE A QUEI FIGURI CHE SONO UNA MINORANZA ASSOLUTA. Albertzanna

michele lascaro

Mar, 16/09/2014 - 11:09

I diversamente conformati l'hanno proprio presa in quel posto! (Non è una novità).

Ritratto di echowindy

echowindy

Mar, 16/09/2014 - 12:03

FATTI E COMPORTAMENTI CHE SUSCITANO MOLTO DISGUSTO...SORRY!

ambrogione

Mar, 16/09/2014 - 12:18

Grandi !! Tanto di cappello !!

Ritratto di federalhst

federalhst

Mar, 16/09/2014 - 12:39

Notiziona!

The_Dark_Inside

Mar, 16/09/2014 - 12:54

Ma quanto rompono i marroni sti LGBT. Il matrimonio tra uomo e donna non è mica vietato alle persone omosessuali, basta che siano di sesso diverso ed è valido a tutti gli effetti, anche se i due non si piacciono. E allora perchè dovrebbe essere vietato alle persone normali il matrimonio tra persone dello stesso sesso?

cgf

Mer, 17/09/2014 - 11:08

quindi una donna può fingersi uomo o viceversa ma un uomo non può fingersi donna o viceversa.... più che diritto mi sembra.. rovescio.