Orly, l'aggressore era un musulmano radicalizzato e già schedato dai servizi segreti

Prima lo scontro a fuoco a Stains, poi l'assalto all'aeroporto di Orly. Il terrorista era un musulmano radicalizzato. Ma nessuno lo aveva messo sotto sorveglianza

Il terrorismo islamico prova a ferire ancora la Francia. Un musulmano radicalizzato, già noto ai servizi di intelligence francese, ha rubato l'arma a una soldatessa dell'operazione "Sentinel" e si è diretto verso il McDonald's che si trova all'interno dell'aeroporto di Orly. Fortunatamente non è riuscito a mettere a segno l'ennesima strage nel cuore dell'Europa. È stato abbattutto prima dalle forze di sicurezza. Un'ora e mezza prima, però, aveva già aperto il fuoco durante un normale controllo della polizia a Stains, a nord della capitale, ferendo lievemente un agente.

Ziyed Ben Belgacem è un cittadino francese di 39 anni, originario della regione parigina della Val d'Oise. Era noto alle forze dell'ordine per reati legati al traffico di droga, ricettazione e rapina a mano armata e, soprattutto, era tenuto sotto controllo dai servizi segreti francesi perché sospettato di essere un musulmano radicalizzato in carcere. Eppure, sebbene fosse monitorato dalla direzione generale della sicurezza interna, non ne era stato messo sotto sorveglianza. Nel 2015 per questo motivo era stato oggetto di una perquisizione, che non aveva "portato a nulla", ha affermato una fonte di polizia.

Prima di arrivare allo scalo di Orly, dove ha aggredito una soldatessa alle spalle per sottrarle l'arma in dotazione, Ziyed Ben Belgacem aveva aperto il fuoco contro una pattuglia che lo aveva fermato per un controllo verso le 6.50, aveva poi sequestrato la macchina di un automobilista e abbandonato la sua. Con quest'altra auto, secondo quanto ricostruito dai ministri della Difesa Jean Yves le Drian e degli Interni Bruno Le Roux, ha quindi raggiunto l'aeroporto. "La soldatessa - raccontano dall'esercito francese - è stata attaccata in modo estremamente violento". Poi i due sono caduti a terra e hanno iniziato a combattere. "È stato allora che i colleghi hanno aperto il fuoco per proteggere lei e le persone intorno".

Commenti

paolonardi

Sab, 18/03/2017 - 12:49

Un terrorista islamoco? No un povero abitante delle balieux che non riuscendo ad integrarsi e'andago in depressione!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Svevus

Svevus

Sab, 18/03/2017 - 12:58

Vi è ncapacità totale dello Stato a controllare il fenomeno. Occorrono leggi umanitarie eccezionali nei riguardi dei radicalizzati : 1- associazione esterna in terrorismo per tutti i contatti & i familiari con blocco di qualsiasi assistenza economica, bancaria e sociale 2- trattamento umanitario di isolamento totale ed assoluto in carceri speciali ( no luce diurna, illuminazione notturna continua, segnale acustico 24h, cella isolata 4x2, no riscaldamento, no doccia, cambio vestito ogni 6 mesi ) con espulsione coatta di riguardo in arabia saudita dopo due anni.

Ritratto di pravda99

Anonimo (non verificato)

sesterzio

Sab, 18/03/2017 - 13:22

Uno in meno.Sai come soffrirò!! Ma come si fa a farsi derubare di un fucile d'assalto?

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 18/03/2017 - 13:43

Ahhhh, allora era un radicalizato. Meni male! Ora possiano stare tranquilli.

rossini

Sab, 18/03/2017 - 13:51

E ora? Continueranno a propinare alla gente la bufala che si trattava soltanto di un disturbato mentale?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 18/03/2017 - 14:05

Che caso eh? L'ennesimo !! sono sempre noti, sempre schedati.. ma sempre liberi di fare queste cose.... certo, sono le pedine, lasciate libere di agire secondo la strategia della tensione

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 18/03/2017 - 14:32

Come??? Non era un migrante??? Era nato in Francia??? Un altro??? Come tutti gli altri??? Le Pen, Salvini, Trump, Wilders!!!! Ma allora la vostra retorica sui rischi degli immigrati e` tutta una bufala!!! Sara` per questo che riuscite a convincere solo frange di utenti ammaestrati, dalla mente debole e facilmente influenzabile!!! Poveretti!!! Voi, e gli utenti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 18/03/2017 - 14:33

Avanti così, invece! Tutto carburante nel motore del Front national.

Malacappa

Sab, 18/03/2017 - 14:34

Si era radicalizzato in prigione,ma fatemi il piacere,fateli lavorare 15 ore al giorno e vedrete che quando ritorna in cella non ha voglia di radicalizzarsi,comunque uno meno.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 18/03/2017 - 14:35

Era solo un disturbato mentale. Ahhhh, bei tempi quelli in cui gli attentati venivano eseguiti da sani di mente!

Martinico

Sab, 18/03/2017 - 14:36

Un'altro super schedato, conosciuto dalle agenzie ma libero di attentare alla vita delle persone innocenti. Qualcosa non torna.

audace

Sab, 18/03/2017 - 15:13

La sorveglianza è stata tolta, deliberatamente, per favorire l'islamizzazione dell'Europa. Di quanto prove avete, ancora, di bisogno?

cgf

Sab, 18/03/2017 - 16:07

N.B. Cittadino FRANCESE 100% FRANCESE

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 18/03/2017 - 16:18

#pravda99 - 14:32 Come no? Un francese purosangue! Facente, magari, di nome: Abdullah, Aziz, o, rarità delle rarità, Mohammed.

Mannik

Sab, 18/03/2017 - 16:36

Rame, come al solito sta correndo troppo. La polizia francese sta indagando sulla possibile radicalizzazioen. In primo luogo era un semplice delinquente. Ma questo ovviamente non fa comodo a Rame e soci.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 18/03/2017 - 16:42

Dunque costui era noto alla polizia,sospettato di radicalizzazione e,per giunta, con precedenti penali. A piede libero ha ingaggiato un conflitto a fuoco con la polizia,rubato un'auto e poi una pistola ad una soldatessa,e per poco non ha compiuto una strage. QUESTA SI CHE È SICUREZZA.ALLA FRANCESE!!!!!

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 18/03/2017 - 16:53

pravda99 14:32 - - - Nome completo : Ziyed Ben Belgacem. Sicuramente un discendente della famiglia di Giovanna d'Arco nonché cattolico ultraortodosso ancorché di origine tunisina.

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Sab, 18/03/2017 - 16:56

ci vuole in test e chi adora l' islam e la connessa guerra santa, via a casa sua.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 18/03/2017 - 17:00

Mannik 16:36 " La polizia francese sta indagando sulla possibile radicalizzazione" - - - Si informi, con internet è facilissimo e rapidissimo. Era già stato identificato come radicalizzato, da cui una perquisizione amministrativa nel 2015.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Sab, 18/03/2017 - 17:07

Uno di meno sulla faccia della Terra e uno di più al cospetto di allah che si starà spupazzando le 72 vergini!

salvatore40

Sab, 18/03/2017 - 17:40

Siamo diventati la Fabbrica della Radicalizzazione ? Quelli diventano Radicali e noi più garantisti e imbecilli ? Riprenderemo finalmente la nostra intelligenza e cultura occidentale ?

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 18/03/2017 - 18:09

abj14, Memphis35. Concentratevi su quello che scrivo. Non ho detto che e` discendente di Carlo Magno, ho detto che non e` arrivato sui barconi, visto che il populismo peloso di questi tempi si accanisce con chi arriva da altri lidi. Allora? Cosa volete fare? Sciogliere nell'acido tutti quelli di ORIGINE diversa dal paese in cui sono nati e cresciuti? Non sapete esprimervi con parole vostre? Dite cosa occorre fare, o tacete per sempre, che fate solo pena.

Koch

Sab, 18/03/2017 - 18:17

pravda99,lo sei o lo fai? Secondo te, uno che si chiama Ziyed, già noto ai servizi di intelligence francese per essere un musulmano radicalizzato, era francese solo per essere nato in Francia? A parte il fatto, molto probabile, che, se non era immigrato lui, lo sia stato suo padre o suo nonno, il problema non è questo e tu non hai capito una cosa fondamentale: quella che tu chiami "retorica sui rischi degli immigrati" non deriva dall'immigrazione in quanto tale, ma dall'immigrazione massiva e incontrollata, che fa si che in Europa possano circolare liberamente persone fanatiche e pericolose. In ogni caso non ti preoccupare per le "frange di utenti ammaestrati, dalla mente debole e facilmente influenzabile", pensa alla tua di menti e non affaticarla troppo a leggere i commenti dei "poveretti", che certamente non hanno bisogno dei tuoi illuminati consigli!

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 18/03/2017 - 19:10

Koch - Chiede: "Secondo te, uno che si chiama Ziyed, già noto ai servizi di intelligence francese per essere un musulmano radicalizzato, era francese solo per essere nato in Francia?". La risposta e` ""SI`"", cara signora. Non so se si rende conto della castroneria abissale che sostiene. Lei puo` negare l'evidenza quanto le pare se l'aiuta a passare la giornata, ma piu` si accanisce, piu` dimostra quello che sostengo io. La stragrande maggioranza degli attentati degli ultimi anni sono stati compiuti da gente nata e cresciuta in Europa, quindi l'immigrazione clandestina c'entra come i cavoli a merenda. Poi si puo` discutere sicuramente del problema della radicalizzazione, ma certamente non con gente ottusa come lei.

Koch

Dom, 19/03/2017 - 00:48

pravda99, prendo atto innanzitutto della sua perseveranza a dialogare con noi lettori ed estimatori del "Giornale": ciò significa che, in fondo, se ne sente attratto, ci apprezza e le fa piacere dialogare con noi. Come prevedevo, però, non ha capito il mio ragionamento: il problema dell'immigrazione massiva e incontrollata è che prima o poi dà origine al terrorismo, poiché lo Stato non è più in grado di gestirla e di controllare il territorio. A parte questo concetto, che probabilmente non capirà mai, continui pure a "passare la giornata" divertendosi a dare dell'"ottuso" a chi non la pensa come lei, se le fa piacere, ma sappia che, per sostenere le proprie ragioni, non basta dire che sono "castronerie", bisogna anche argomentare le proprie affermazioni. Le consiglio quindi maggiore modestia e minore presunzione: prenda esempio da quei lettori del Giornale", ai quali lei dedica tante premurose attenzioni!

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 19/03/2017 - 05:50

pravda99 18:09 "ho detto che non e` arrivato sui barconi" – Esimio, lei dice che "la vostra retorica sui rischi degli immigrati e` tutta una bufala!". Quand'anche l'individuo non sia un immigrato fresco-fresco prelevato a 12 miglia dalla Libia, è evidente che esiste un problema legato alla cultura/etica di certe persone. Cosa occorre fare ? Non è così complicato e non occorre sciogliere nell'acido chicchessia. Basterebbe smetterla di lasciare in circolazione delinquenti "già noti alle forze dell'ordine, recidivi, etc" siano essi discendenti o no di Carlo Magno (il "francese" odierno: son casier judiciaire comporte "neuf mentions" pour des faits de droit commun, dont des vols à main armée et du trafic de stupéfiants. Détecté comme radicalisé, il avait fait l'objet en 2015 d'une perquisition administrative) e, smetterla di (r)accogliere centinaia di miglia di fanca22isti alla rinfusa. Quanto al far pena, si rivolga serenamente al suo "entourage".