Il Premio Nobel malato terminale di cancro scarcerato in Cina

Condannato a 11 anni, è stato rilasciato per le sue condizioni di salute

Arrestato nel 2009, insignito del Premio Nobel per la pace l'anno successivo, ora Liu Xiaobo è di nuovo in libertà, dopo la decisione delle autorità in Cina di lasciarlo andare per ragioni sanitarie.

Liu Xiaobo soffre per un tumore al fegato e secondo il suo avvocato si trova ora in un ospedale di Shenyang, nella provincia di Liaoning. 61enne professore e attivista, era stato condannato a 11 anni di carcere e aveva ottenuto il prestigioso riconoscimento internazionale per "la sua lunga e non violenta battaglia per i diritti fondamentali in Cina".

"Le autorità cinesi dovrebbero immediatamente garantire che Lui Xiaobo riceva cure mediche adeguate, e che lui e tutti gli altri che sono detenuti perché hanno esercitato i loro diritti umani siano rilasciato in modo immediato e senza condizioni", ha dichiarato Amnesty International.

Xiaobo è stato il primo a firmare il documento Charta 08, con cui 330 intellettuali cinesi chiedevano riforme e una trasformazione democratica per il Paese.

Commenti

alox

Lun, 26/06/2017 - 14:09

La Cina, nonostante ci provi, rimane un Paese Balordo...questi sono i motivi per cui il Nord Coreano fa' il gradasso!

manente

Lun, 26/06/2017 - 16:30

Il Nobel per il tradimento della Patria, come quello dato a Dario Fo, Bob Dylan e Barak Hussein Obama !

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 26/06/2017 - 16:45

La politica internazionale dell'ipocrisia: Cuba e la Cina. Stati entrambi (molto) poco democratici ma trattati in modo assai diverso dai cosiddetti paesi democratici.

Martinico

Lun, 26/06/2017 - 16:57

La cina non si smentisce mai, in quanto a diritti civili.