Il primo ministro giapponese Abe vuole incontrare Kim Jong Un

"Sono disposto a incontrare Kim Jong Un, ma dobbiamo affrontare il discorso sul problema dei rapimenti", ha dichiarato il primo ministro giapponese Shinzo Abe durante il suo intervento al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York

Segnali d’apertura ufficiali tra Tokyo e Pyongyang. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha dichiarato ieri, all’assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, di essere pronto a incontrare il suo omologo nordcoreano Kim Jong Un.

La decisione del premier nipponico ha preso forma dopo aver costatato l’esito positivo dello storico summit di Singapore dello scorso giugno tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader della Corea del Nord Kim Jong Un.

Il vertice tra i due leader asiatici ruoterà principalmente attorno all’annosa questione riguardante i rapimenti di cittadini giapponesi da parte di Pyongyang negli anni ’70 e ’80.

“Per risolvere il problema dei rapimenti, sono anche pronto a porre fine alla reciproca sfiducia con la Corea del Nord, a ricominciare (il dialogo con Pyongyang) e incontrare il presidente Kim Jong Un”, ha affermato Shinzo Abe durante il suo intervento al Palazzo di Vetro dell’Onu. “Ma se questo incontro avrà luogo, allora sono determinato a contribuire a risolvere il problema dei rapimenti”. “La Corea del Nord è ora a un bivio in cui potrà cogliere o meno l'opportunità storica che le è stata offerta”, ha aggiunto l’uomo forte di Tokyo.

Il regime di Pyongyang è, infatti, accusato di essere il mandante di diversi rapimenti di cittadini giapponesi circa 40 anni fa. L’obiettivo di questi sequestri era quello di aiutare gli 007 nordcoreani nel comprendere e studiare in profondità la lingua giapponese e tutti gli aspetti della cultura nipponica.

L’incontro annunciato da Shinzo Abe con la Corea del Nord sul tema dei rapimenti non è nuovo. Infatti, il primo ministro giapponese Junichiro Koizumi si era già recato a Pyongyang due volte, una nel 2002 e un'altra nel 2004, per incontrare Kim Jong Il, padre di Kim Jong Un.