Rouen, uno dei terroristi lavorava come addetto in aeroporto

Fino a tre mesi fa era un addetto ai bagagli. "Aveva superato i test della polizia"

Prima di entrare in azione in una chiesa di Saint-Etienne-de-Rouvray, prima di comparire in un video rilanciato dalla propaganda del sedicente Stato islamico, in cui invita a colpire la Francia, fino a che "la bandiera della religione e della parola di Allah" non sarà alzata sul Paese, Abdel Malik Petitjean lavorava in aeroporto.

Era questa l'occupazione del 19enne jihadista responsabile dello sgozzamento di padre Jacques Hamel. Fino a pochi mesi fa, il killer di Rouen era un interinale addetto al carico e scarico di bagagli all'aeroporto di Chambéry. E fonti citate dal Daily Mail sono chiare nel sostenere come questo abbia costituito, se non un rischio, almeno un grosso problema di valutazione.

"Petitjean non ha avuto problemi a superare le indagini della polizia e le valutazioni psicologiche", dicono le fonti del tabloid inglese. Poi ancora: "Era considerato un gran lavoratore, un giovane amichevole che non rappresentava un pericolo né per il personale né per i viaggiatori in transito dall'aeroporto".

Il 19enne Petitjean non dava dunque segnali di quel piano efferato a cui avrebbe partecipato da lì a poco, né di essersi legato, con un giuramento, al sedicente Stato islamico.

Ad aprile Abdel Malik, aveva poi lasciato il suo lavoro e a giugno l'intelligence in Turchia lo aveva scoperto mentre cercava di raggiungere la Siria e qui unirsi agli uomini del sedicente Stato islamico. Secondo fonti della sicurezza francese sentite dalla Reuters, una cartella su di lui era stata aperta un mese prima dell'attacco, quando aveva dato i primi segnali di radicalizzazione.

Commenti

sottovento

Ven, 29/07/2016 - 13:07

Con Rouen la Francia ha toccato il fondo (almeno lo spero) consentendo ad un soggetto attenzionato e dotato di braccialetto l'ora d'aria per fare l'attentato. Diciamo che i francesi se la vanno proprio a cercare.

Ritratto di acroby

acroby

Ven, 29/07/2016 - 13:14

I nordafricani sono sempre amichevoli inizialmente. Ma se possono tendono a fregarti appena giri le spalle. Infingardi e traditori.

ziobeppe1951

Ven, 29/07/2016 - 13:17

Il libretto malefico insegna che bisogna mentire sempre all'infedele, perciò non esiste islam moderato

MarcoE

Ven, 29/07/2016 - 13:23

Bene, se mettiamo le bestie anche negli aeroporti stiamo freschi!

Ernestinho

Ven, 29/07/2016 - 13:30

Meno male che non ha fatto un attentato su un aereo!

Italiano_medio

Ven, 29/07/2016 - 13:48

Superò i controlli ? con quella barba ?

hectorre

Ven, 29/07/2016 - 13:58

questa è un'aggravante!!!....significa che qualsiasi islamico puô radicalizzarsi in qualsiasi momento o piû semplicemente fingono per non attirare l'attenzione per poi colpire.....in entrambi i casi sono comunque un pericolo impossibile da individuare..........immaginate quanto sia semplice arruolare tra i disperati che arrivano senza documenti!!!

antipifferaio

Ven, 29/07/2016 - 14:13

Tranquilli, stanno già sfrattando gli italiani per dare le case agli immigrati (vedi in Puglia). Poi ci toglieranno il lavoro per darlo a loro ma con una clausola: se jihadisti è meglio.

Ritratto di ettocima

ettocima

Ven, 29/07/2016 - 14:23

Certo che con l'utilizzo dei migranti siamo proprio sicuri. Lavorano nelle nostre case, nei nostri ospedali, negli aeroporti e nelle ferrovie. Poi, quando gli girano ... Pensare che delle anime belle li difendono. Una domanda, ci saranno anche immigrati buoni ma, come riconoscerli? Gli chiediamo candidamente: scusi, se l'assumo, lei poi mi ammazza?

Ritratto di hermes29

hermes29

Ven, 29/07/2016 - 14:37

La foto rassomiglia TREMENDAMENTE a Salvini. Non è con la scusa contro gli immigrati si nasconde un provetto terrorista? Opportunista è sempre stato, voltagabbana lo hanno dimostrato contro Berlusconi, quando sono andati a governare con la sinistra nonostante aveva vinto il Centrodestra, poi le politiche contro "i terroni" ed oggi cerca voti anche nel Sud, da sempre denigrato dalla Lega. Che dire? Fidarsi è bene non fidarsi è meglio?

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Ven, 29/07/2016 - 14:41

Lui lavorava e si dilettava di terrorismo. E i nostri giovanii italiani a spasso...

bfesta

Ven, 29/07/2016 - 14:49

francia ,non ti riconosco

bfesta

Ven, 29/07/2016 - 14:51

ce la siamo cavata bene

bfesta

Ven, 29/07/2016 - 14:52

ce la siamo cavata bene

rodolfoc

Ven, 29/07/2016 - 15:10

Anche qualcuno dei bastardi assassini dell'aeroporto di Brussels ovviamente lavorava in aeroporto, aveva il badge e poteva intrufolarsi dove voleva. Bravissimi, continuate a farli entrare nelle infrastrutture critiche!

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 29/07/2016 - 17:32

Fa rabbrividire vedere questo giovane così tranquillo innanzi al computer che sembra fare una conversazione seriosa e che, invece, dopo pochi giorni ha deciso di andare incontro a sicura morte per un'ideale assurdo !

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 29/07/2016 - 17:33

Fa rabbrividire perchè mi convince sempre più dell'inaffidabilità di tutti coloro che professano l'islam e non per colpa del principio religioso ma per colpa della struttura religiosa che, contrariamente alla religione cristiana, non ha indirizzo univoco e consente al primo autoproclamato imam di prendere il corano e farne una lettura devastante, libero e legittimato a poterlo fare. Vi è in più l'aggravante che questa religione propugna, come principio religioso pari ai nostri comandamenti, di prendere il potere dello stato e obbligare il popolo a seguire i dettami religiosi, come il "democratico" Erdogan sta gradualmente facendo, complici i governi economici d'occidente (non sono rappresentanti del popolo ma delle lobbies econonomiche). Questa è la cosa più agghiacciante. Il tuo vicino islamico in pochi giorni può diventare così. E non vale il discorso della mancata integrazione, vista la casa dove abitava costui e il fatto che sia nato in Francia e di seconda generazione !

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 29/07/2016 - 17:34

Vi è in più l'aggravante che questa religione propugna, come principio religioso pari ai nostri comandamenti, di prendere il potere dello stato e obbligare il popolo a seguire i dettami religiosi, come il "democratico" Erdogan sta gradualmente facendo, complici i governi economici d'occidente (non sono rappresentanti del popolo ma delle lobbies econonomiche).

mariod6

Ven, 29/07/2016 - 22:00

Laddove è dimostrato che questi bugiardi, falsi, ipocriti, parassiti, non devono aver accesso a lavori in strutture a rischio come aeroporti, stazioni e metropolitane; non devono essere ammessi a condurre mezzi pubblici ecc., perché sono un pericolo pubblico. La menzogna è il loro comportamento normale.

Tuthankamon

Ven, 29/07/2016 - 22:17

Questi che entrano nelle stive dei voli di linea ... mi chiedo da anni quali controlli vengono fatti IN ITALIA (in taluni casi sono evidentemente impossibili). Inoltre questa gente, anche nei casi in cui fosse onesta, può subire ricatti sulla famiglia e sui parenti in Italia, ma soprattutto nei luoghi di provenienza! Per cui quando mi dicono che i controlli sono stati fatti ... il governo/ministero degli Interni mi/ci sta prendendo in giro!!!!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 29/07/2016 - 23:53

Chissà quanti di questi farabutti assassini islamici stanno lavorando in Europa e forniscono precisi dettagli sugli obbiettivi da colpire ai maiali islamici che progettano gli attentati. OGGI ANCHE IL PIÙ IxxxxxxxE DEL MONDO È IN GRADO DI FORNIRE CON UN SEMPLICE TELEFONINO L'ESATTA MAPPATURA DI UN BERSAGLIO DA COLPIRE.

umberto nordio

Sab, 30/07/2016 - 07:09

L'imbecillità si è ormai estesa a tutta l'Europa.

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 30/07/2016 - 07:41

fanno lavorare negli aereoporti gli islamici, senza tener presente che sono tutti esaltati dal loro libro sacro, compreso quelli che non ammazzano. MURI ALTI 10 METRI PER DIVIDERE IL NOSTRO MONDO DAL LORO,L'INTEGRAZIONE DI CHI VIVE ANCORA CON MODI E REGOLE DA MEDIOEVO NON è COMPATIBILE CON LA NOSTRA CIVILTà....,TRA 1000 ANNI FORSE SE NE PUO' RIPARLARE.