In Siria i morti salgono a 86. Mosca difende Assad

Si è ulteriormente aggravato il bilancio dell'attacco effettuato ieri da presunti jet siriani con ordigni contenenti gas sul villaggio di Khan Sheikhun nella provincia siriana di Idlib

Si è ulteriormente aggravato il bilancio dell'attacco effettuato ieri da presunti jet siriani con ordigni contenenti gas sul villaggio di Khan Sheikhun nella provincia siriana di Idlib: le vittime accertate sono salite a 86, di cui 30 bambini e 20 donne. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani aggiungendo che il numero delle vittime potrebbe ulteriormente salire perché "mancano all'appello diverse persone". A New York è in corso una riunione del Consiglio di Sicurezza Onu - a livello pratico inutile - nel corso della quale la Russia ha già annunciato che, come ha sempre fatto dall'inizo del conflitto nel 2011, opporrà il veto alla bozza di risoluzione, presentata da Gran Bretagna e Francia, che condanna il regime siriano per l'azione.

La Russia difende a spada tratta il regime di Bashar Assad ed è scontro con le altre potenze mondiali al Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. All'indomani dell'attacco chimico avvenuto in Siria a Khan Sheikhoun, nella provincia nordoccidentale di Idlib, Mosca avanza la sua versione dei fatti: per il ministero della Difesa il responsabile non è il governo siriano, perché le armi chimiche erano dei ribelli; precisamente la contaminazione sarebbe stata la conseguenza di un raid aereo delle forze governative su un deposito di armi chimiche dei ribelli. Tesi ritenuta poco credibile dagli Stati Uniti e dalle altre potenze occidentali. L'attacco chimico ha superato "più di una linea rossa", ha affermato il presidente Usa, Donald Trump, aggiungendo che si tratta di "un affronto all'umanità" e assicurando che con questi fatti è cambiato il suo atteggiamento verso Assad. Oggi pomeriggio si è tenuta una riunione del Consiglio Onu, convocata proprio a seguito dell'attacco: prima dell'incontro, Usa, Regno Unito e Francia avevano stilato una bozza di risoluzione, che chiedeva la condanna dell'attacco chimico e un'indagine sull'accaduto. La Russia, per bocca della portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova, l'ha definita "inaccettabile", e la spaccatura nel corso della riunione è emersa in modo netto: da una parte Stati Uniti, Francia e Regno Unito; dall'altra la Russia e, in minor misura, la Cina, che in passato hanno sempre utilizzato il loro diritto di veto per bloccare in Consiglio di sicurezza delle risoluzioni di condanna relative alle violenze in Siria. A incontro finito, non è ancora stata calendarizzata un'eventuale votazione sul testo, e i diplomatici stanno proseguendo il confronto in via informale. E nel corso della riunione gli Stati Uniti, tramite l'ambasciatrice Nikki Haley, hanno ventilato l'ipotesi di un'azione fuori dal quadro Onu: quando le Nazioni unite non riescono ad agire collettivamente allora gli Stati sono "costretti a intraprendere azioni proprie", ha affermato.

Le potenze occidentali hanno puntato il dito sia contro il governo di Assad, sia contro Mosca che si ostina a difenderlo, con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov che ha affermato esplicitamente che la posizione su Assad resta invariata. Francia e Regno Unito hanno chiesto alla Russia di smettere di proteggere il regime siriano e di appoggiare la risoluzione di condanna dell'attacco chimico. "Non c'è alcuna alleanza politica che possa giustificare il fatto di chiudere gli occhi davanti a massicce atrocità, il fatto di temporeggiare, sviare l'attenzione del mondo su altre tragedie, negare l'evidenza", ha affermato l'ambasciatore della Francia all'Onu, François Delattre, sottolineando che il veto di Russia e Cina posto a gennaio scorso a un'altra risoluzione che provava a imporre sanzioni al regime siriano per l'uso di armi chimiche ha lanciato un messaggio di "impunità". Sulla stessa linea l'ambasciatore britannico all'Onu, Matthew Rycroft, secondo il quale ieri a Khan Sheikhoun si sono viste "le conseguenze di questi veti". Mosca, dal canto suo, chiede che qualunque decisione sul possibile uso di armi chimiche in Siria venga adottata dopo una indagine "completa" sui fatti recenti. Il vice ambasciatore russo presso l'Onu inoltre, Vladimir Safronkov, ha puntato il dito contro Obama, sostenendo che la sua minaccia di un intervento militare in Siria in caso di superamento della linea rossa dell'uso di armi chimiche abbia spinto i "terroristi" a "provare a screditare il regime di Damasco" per cercare un intervento Usa.

Commenti

CONDOR

Mer, 05/04/2017 - 22:06

Nessuna risoluzione per le migliaia di morti ammazzati in yemen, vero? O per le centinaia di morti di Mosul sotto le bombe americane? E la lista sarebbe lunghissima. Infami.

DemyM

Mer, 05/04/2017 - 22:09

Mostrare i muscoli per delle fake news mi sembra ridicolo. Cosa vogliono fare gli Usa e associati, dichiarare guerra alla Siria per "salvare" i terroristi? Come potrebbe reagire la Federazione Russa, l'Iran, la Cina,l'Iraq, Hezbollah, Curdi e Peshmerga ?

Tobi

Mer, 05/04/2017 - 22:09

se è così, questo significa che anche Trump si è allineato alla volontà delle cricche che stanno insanguinando il mondo con le guerre?

Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Mer, 05/04/2017 - 22:43

scometiamo che a l'Onu per la risoluzione di condanna la Cina non sara dalla parte dei russi ?

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 05/04/2017 - 22:48

-----adesso che è caduta la maschera --invito tutti i commentatori destricoli e filo-repubblicani riguardo la politica statunitense ad indicarmi dove lo vedete -se lo vedete --il punto di rottura tra la politica estera di obama e quella di trump!!!-----semplicemente non esiste---si prosegue e si proseguirà sullo stesso solco imperialista ed egemonico----l'amicizia tra trump e putin vacilla paurosamente---swag ganja

salvatore40

Mer, 05/04/2017 - 23:17

Quel Diritto di Veto è semplicemente anti-democratico,anti-popolare, e anti-umano. Onu deve essere abolita qual Ente Inutile e Sperperante denaro pubblico ! Il diritto di veto riconosciuto alle potenze forti è legalizzare l'arbitrio ai danni dei deboli. Povera Siria in mano all'Onu !

T-800

Mer, 05/04/2017 - 23:26

Le armi chimiche esplose sono quelle dei ribelli jihadisti pagati dagli emiri sauditi e qatarioti... ovvero dagli alleati di quelli che accusano Assad e la Russia.

Algenor

Gio, 06/04/2017 - 00:52

La triade guerrafondaia costituita da USA, UK, Francia sta ripetendo lo stesso copione del 2014: sfruttare una strage provocata dalle armi chimiche in mano ai ribelli per tentare di giustificare un intervento militare contro la Siria senza prove contro il presidente siriano Assad, comportandosi come un tribunale del medioevo, mentre la Russia chiede un indagine imparziale prima di di una risoluzione del consiglio di sicurezza. Si vede chiaramente chi come la Russia rispetta la legge internazionale riguardo ai rapporti tra stati sovrani e ritiene che le condanne debbano essere basate su prove e le prove su indagini e chi come USA, UK, Francia se infischia emettendo condanne senza prove e senza precedenti indagini e nel caso degli USA, arrivando a minacciare di agire per conto proprio, violando per l'ennesima volta la legge internazionale e le regole della stessa organizzazione di cui fa parte e di cui ospita la sede.

Algenor

Gio, 06/04/2017 - 00:53

Trump aveva promesso la fine delle guerre pretestuose ed illegali contro altri stati sovrani ed una nuova stagione di isolazionismo e rasserenamento dei rapporti con la Russia, mentre invece si sta allineando alla politica estera aggressiva ed interventista dei suoi predecessori: una vera delusione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/04/2017 - 00:56

tutte balle occidentali

DemyM

Gio, 06/04/2017 - 00:59

Trump deve stare calmo e valutare i fatti e le relative prove. In caso contrario si fara male, molto male.

Algenor

Gio, 06/04/2017 - 01:08

Quale motivo avrebbe Assad per compiere una follia del genere? Sta vincendo la guerra, vuole essere rieletto dalla popolazione nel dopoguerra e vuole scongiurare un intervento occidentale che verrebbe giustificato alle opinioni pubbliche (alias Il Gregge) con l'utilizzo di armi chimiche contro i civili. Non ha nessuna ragione al mondo per utilizzare armi chimiche e tutto da perdere ad impiegarle mentre al contrario i guerriglieri finanziati dall'occidente hanno tutto da guadagnare a provocare un incidente del genere, per giustificare un intervento militare dei propri sponsor occidentali, dato che stanno arretrando di fronte all'avanzata delle forze governative di Assad.

Algenor

Gio, 06/04/2017 - 01:12

Qui rischiamo lo scoppio di un conflitto mondiale: proprio quello che l'elezione di Trump sembrava aver scongiurato.

Ritratto di pippo48

pippo48

Gio, 06/04/2017 - 01:16

Ma quei bimbi li avete uccisi voi, giornalisti falsi ed ipocriti. Assad ha bombardato un sito che era una covo di terroristi dove questi delinquenti tenevano un magazzino si armi chimiche assieme a dei civili e bambini come scudo umano. Ma chi ha fornito queste armi chimiche ai terroristi? Ve lo dico io, quei bantardi come voi che difendono qull' associazione a delinquere che si chiama ONU , capeggiata dagli Usa, Francia, Inghilterra ecc. ecc.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/04/2017 - 04:36

Il Grande Satana alla ricerca dell'ennesima guerra. 223 anni in guerra su 240 di ignominiosa storia. Una storia partita col genocidio dei Pellerossa e passata per gli orrori in Vietnam, Iraq e ora in Siria.

lento

Gio, 06/04/2017 - 07:05

La Siria di Assad e' nostra Amica ! Il gas non e' stato lanciato .Questa e' solo propaganda del nemico di Assad !

swiller

Gio, 06/04/2017 - 07:08

Anche qui c'è lo zampino dei criminali provocatori USA nessuno può convincermi del contrario.

m.nanni

Gio, 06/04/2017 - 07:49

sugli agenti chimici ci siamo cascati in molti un'altra volta. ora siamo più avveduti ed in grado di capire che a certo occidente interessa più isis che assad. fa schifo sentire francesi e inglesi chiedere imperterriti la discontinuità di assad. non vi basta il disastro che avete creato in Libia e non solo? non c'è una corte di giustizia internazionale per mandarvi in galera?

DemyM

Gio, 06/04/2017 - 08:54

Senza una risoluzione dell'ONU Trump non puo fare nulla perche non puo violare la sovranita territoriale della Siria. E se gli abbattono qualche aereo cosa fara, guerra totale?

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Gio, 06/04/2017 - 08:57

Mosca ha fatto bene. Francia, Inghilterra e L'america ancora fedele ad Obama, avevano confezionato una bella bomba per Assad. Tra l'altro c'è da chiedersi quale convenienza politica, soprattutto internazionale, avrebbe avuto Assad perpretando stragi con i gas?

Tobi

Gio, 06/04/2017 - 09:10

lo scorso 4 aprile è successo un episodio simile. Venero mostrati corpi di bambini asfissiati. Un rapporto di Isteams (stranamente non trasmesso dai media) cita che molti di quei bambini (vittime dell'attacco chimico di Ghouta) furono riconosciuti da familiari e parenti. Si trattava di un gruppo di circa 250 persone rapite pochi giorni prima dai "ribelli" in provincia di latakia. Questi bambini si ritrovarono ognuno affianco all'altro a Goutha dopo l'attacco chimico (perpetrato dai "ribelli") ad uso e consumo delle telecamere per addossare (con la menzogna) la colpa ad Assad che "uccide il suo popolo" con le armi di distruzione di massa e suscitare più decisamente la riprovazione della comunità internazionale. Capito chi è da il gas alla popolazione civile? I "ribelli" sponsorizzati anche dall'occidente. Quelli a cui viene anche dato l'Oscar.

chebarba

Gio, 06/04/2017 - 09:15

E' una vergogna, non importa chi abbia usato le armi chimiche, Hassad, i ribelli, gli islamisti, chiunque sia stato la popolazione va difesa e vanno impedite simili nefandezze, la condanna di Israele è senza se e senza ma, al grido del non accaDA MAI PIù, IN MEMORIA DELL'OLOCAUSTO LORO NON FANNO DISTNZIONI DI ETNIA O RELIGIONE, E' UNA VERGOGNA dell'umanità come è vergognoso l'atteggiamento ONU e dell'europoa, se dobbiamo dare un esempio di civiltà è ra che si gioca la partita anche contro il terrorismo. I civili e i bambini non si toccano e soprattutto non si usano armi chimiche.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/04/2017 - 09:46

elkid - lei è ben disattento o pieno di pregiudizi. Su Trump non ci si è fatti illusioni. Non perché si è contro la sua persona bensì perché i presidenti US son solo fantocci. Il potere è altrove.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/04/2017 - 09:53

Il regime mondialista coi loro schiavi in USA e in Europa non riesce a resistere alla tentazione di aggredire la Russia e presto anche la Cina. Non intendono rinunciare al loro delirante piano di dominio globale.

Montesi

Gio, 06/04/2017 - 11:45

Se avessero veramente bombardato con bombe al gas Nervino i morti sarebbero stati molti ma molti di più !!!!!!! ......non parliamo poi del vero interesse per una falsificazione dei FATTI !!!!.....chi sta perdendo la guerra non è ASSAD !!!!!!! ....invece chi sta perdendo i suoi bravi Ribelli sul terreno sono gli USA, ISRAELE, Waabiti & Company di Assassini !!!!!!!!.....non è difficile da CAPIRE !!! ......all'ORRORE dei fatti si è aggiunto l'ORRORE di una INFORMAZIONE ALLUCINANTE e di PARTE JHIADISTA felicemente accolta, CONDIVISA da tutti i pagliacci che governano in Occidente e diffusa ai quattro punti cardinali !!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/04/2017 - 12:29

Fortunatamente fuori dell'occidente nessuno crede ai media occidentali che sono credibili e imparziali tanto quanto quelli della Corea del Nord.

swiller

Gio, 06/04/2017 - 20:45

Ma voi pensate veramente che sia stato Assad per me sono stati gli USA senza ombra di dubbio.