Iran cattura petroliera inglese. Si muovono le navi da guerra

Tensione alle stelle nel Golfo Persico. Londra: "Preoccupati, è inaccettabile". Trump attacca: "Escalation di violenza"

I guardiani della Rivoluzione iraniana hanno sequestrato una petroliera britannica nello stretto di Hormuz. L'imbarcazione, la Stena Impero, è attualmente diretta a nord, verso l'Iran. Per questo la Gran Bretagna sta inviando una nave da guerra nella zona.

La motivazione del fermo è ancora da chiarire, anche se le prime notizie parlano di una presunta violazione delle leggi internazionali. La Stena Bulk, proprietaria della nave, non riesce più a entrare in contatto con l'equipaggio, composto da 23 persone, fra cui tre cittadini russi. La società ha spiegato che la petroliera è stata catturata da piccole imbarcazioni e da un elicottero intorno alle 15 ora di Greenwich, cioè le 19:30 in Iran. Il governo britannico ha confermato l'accaduto e ha subito chiesto chiarimenti a Teheran. Gli iraniani hanno risposto che il mezzo è stato catturato su richiesta dell'autorità marittima della provincia di Hormozgan per non aver rispettato i regolamenti marittimi internazionali.

Sale la tensione nel Golfo Persico

La Stena Impero, costruita nel 2018, ha una stazza di quasi 30 mila tonnellate. L'ultimo avvistamento della petroliera è avvenuto nel porto di Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti, a circa 70 miglia nautiche dall'imbocco dello stretto di Hormuz, un'area incandescente che divide la Penisola Arabica dalle coste iraniane e il Golfo Persico dal Golfo dell'Oman. La nave era diretta verso l'Arabia Saudita quando improvvisamente ha lasciato le acque internazionali all'altezza del citato stretto di Hormuz. Adesso, stando a quanto riportano i radar, sarebbe diretta verso l'isola iraniana di Qeshm, dove tra l'altro i guardiani della Rivoluzione hanno una base.

Nei giorni scorsi la Marina reale britannica ha sequestrato al largo di Gibilterra una petroliera battente bandiera panamense, la Grace 1, sospettata di trasportare greggio iraniano verso la Siria, violando le sanzioni europee nei confronti di Damasco. C'è chi ipotizza che l'Iran abbia reagito a questo gesto. Si attendono adesso le reazioni delle potenze occidentali.

Come prima cosa, il presidente americano Donald Trump ha avuto uno scambio telefonico con l'omologo francese, Emmanuel Macron, per analizzare la situazione. E vista la crisi nelle acque, Trump ha annunciato che parlerà a breve con il governo britannico sulla questione della petroliera britannica sequestrata dai Guardiani della Rivoluzione iraniani. Il tycoon ha inoltre aggiunto che il sequestro conferma quello che dice da sempre sull'Iran, ovvero che Teheran crea problemi e ha ricordato di esser stato nel giusto nel ritirarsi dall'accordo sul nucleare del 2015.

Per questo le reazioni dagli Stati Uniti non tardano ad arrivare. "Siamo a conoscenza di rapporti secondo cui le forze iraniane hanno sequestrato una petroliera britannica". Lo ha detto in una nota il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Garrett Marquis. "Questa è la seconda volta in poco più di una settimana che il Regno Unito è obiettivo dell'escalation di violenze del regime iraniano", ha aggiunto Marquis, assicurando che gli Usa "continueranno a lavorare con alleati e partner per difendere la nostra sicurezza e interessi contro il comportamento dell'Iran".

In queste ore così concitate, anche il ministro degli Esteri britannico commenta cosa sta accadendo e si dice "estremamente preoccupato" per "l'inaccettabile" sequestro delle due petroliere. Ha poi sottolineato che "è essenziale che sia mantenuta libertà di navigazione e che tutte le navi possano muoversi in modo sicuro e libero nella regione".

Il giallo di un secondo sequestro

La tensione cresce di ora in ora. Mentre Washington denunciava l'escalation di violenza da parte dell'Iran, la Cnn dava notizia di una seconda petroliera catturata dai Pasdaran un'ora dopo il fermo della Stena Impero. Le guardie della Rivoluzione, confermavano le voci, avevano sequestrato la Mv Mesdar, un'imbarcazione battente bandiera liberiana ma sempre britannica, gestita dalla Norbluk, un'azienda marittima con sede a Glasgow. La nave aveva spento il suo localizzatore e ignorato gli avvertimenti delle autorità. Tuttavia, quello che inizialmente sembrava un secondo sequestro, si è rivelato in realtà soltanto un controllo: gli iraniani avrebbero rilasciato un avvertimento all'equipaggio per aver infranto dei regolamenti ambientali.

La Mesdar avrebbe infatti ripreso la sua rotta in allontanamento dalle coste iraniane, almeno stando a quanto risulterebbe dalle tracce riportate dai siti che monitorano il traffico marittimo. Nel frattempo, il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha detto che Trump è pronto a negoziare con il governo iraniano un nuovo accordo sul programma missilistico per porre fine all'escalation.

Intanto, proprio dove l'Iran ha sequestrato la Stena Impero, alcuni Jet militari Usa stanno scortando una nave mercantile statunitense lungo lo stretto di Hormuz. Washington vuole evitare che i Pasdaran catturino una seconda imbarcazione, anche perché gli Stati Uniti, in tal caso, potrebbero davvero dichiarare guerra a Teheran. Secondo fonti americane, Trump avrebbe adottato in privato toni durissimi contro Teheran, veri e propri atteggiamenti da "Falco" pronto a un conflitto. Il ministro degli Esteri britannico, Jeremy Hunt, non ha usato mezzi termini e si è unito al coro americano, dichiarando che ci saranno gravi conseguenze qualora l'Iran non libererà la petroliera Stena Impero.

Commenti

Reip

Ven, 19/07/2019 - 22:13

Forse l’Iran non ha capito che le navi inglesi, non sono come quelle italiane... Chi tocca il Regno Unito e gli USA rischia di restare scottato!

AngeloErice

Ven, 19/07/2019 - 22:19

Questi non hanno capito che se fanno arrabbiare sia gli americani che gli inglesi o entrambi, a quelli basta inserire le coordinate da colpire e fare "clic" sui bottoni. E loro che faranno, una spedizione punitiva verso USA o Ingliterra? Poveri arretrati presuntuosi.

Jon

Ven, 19/07/2019 - 22:36

I diritti sono solo quelli della G.B...!! Loro possono sequestrsre qualunque nave..! Gli Iraniani NO..!! Come si sbagliano...!!Chi ha inizito per primo?? Chi ha creato i problemi?? GLI USA NON HANNO RISPETTATO GLI ACCORDI PRESI, CON GRANZIE DELLA UE..!!

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Ven, 19/07/2019 - 22:49

Onefirsttwo(alias Tutankhamon da Hokkaido(JAPAN)) : Hi !!! STOP Da Hokkaido Onefirsttwo segue minuto per minuto l'evolversi della situation !!! STOP In costante contatto con le forze decisionali USA , britanniche e francesi , oltrechè Japanese , Onefirsttwo si opera per la moderazione !!! STOP Sconsigliato l'intervento britannico , Onefirsttwo confida nel moderato Macron !!! STOP Ha consigliato Macron di inviare alcuni sommergibili nucleari in zona a solo fine di ispezione preventiva !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh .

killkoms

Ven, 19/07/2019 - 22:50

dai tempi del sequestro dell'ambasciata statunitense a teheran,la specialità iraniana è la violazione delle norme internazionali!

GGuerrieri

Sab, 20/07/2019 - 00:13

Ma gli inglesi cosa pensano? Di essere gli unici storicamente a poter praticare la pirateria impunemente?

HappyFuture

Sab, 20/07/2019 - 01:26

State attenti a come vi schierate in questa faccenda! L'Iran non è il cattivo del film con la regia di DJ45 Trump!

seccatissimo

Sab, 20/07/2019 - 03:25

La situazione mi sembra piuttosto confusa ! Come al solito non si capisce bene dove stia la ragione e chi ce l'ha !

EchiroloR.

Sab, 20/07/2019 - 05:10

Non capisco come facciano a inventare un potere a cui mancano gli inglesi e i nordamericani ... quando hanno preso gli Stati Uniti e i loro alleati 9 mesi di bombardamenti per distruggere la piccola Libia.

Popi46

Sab, 20/07/2019 - 06:04

@GGuerrieri:è possibile che gli inglesi pensino ed agiscano come da lei indicato,tuttavia credo che, a partire dalla rivoluzione di Khomeini, gli iraniani non si siano distinti particolarmente per il desiderio di pace. Mi riferisco alle classi dirigenti,perché so che molta parte del popolo iraniano vorrebbe una vita diversa. Tuttavia, a torto o a ragione, io sto con gli americani, se non altro per come i pasdaran considerano le donne...

brob67

Sab, 20/07/2019 - 06:35

La legge non è uguale per tutti. Ciò detto, agli anglo americani converrebbe trattare con diplomazia....a meno che il loro reale interesse sia la guerra

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 20/07/2019 - 06:52

Gli iraniani, già che ci sono, sequestrino un po' di barchette delle ONG.

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Sab, 20/07/2019 - 07:01

mi pare ci sia una petroliera iraniana abbordata a gibilterra, quella va bene perchè lo hanno fatto gli inglesi. che, pare dai commenti, sono la razza padrona. e gli altri schiavi. per fortuna qualcuno con le p.. c'è ancora. vediamo se distruggono tutto il golfo persico a cominciare dalle raffinerie, oleodotti ecc cosìa avremo immigrati a milioni.

Ritratto di veronika

veronika

Sab, 20/07/2019 - 08:30

Ma... perché Trump ha sentito “Come prima cosa” l’omologo FRANCESE Macron? Che ci azzecca? Al netto che Ms Le President è come il prezzemolo, che ci azzecca in questo caso?

maggie65

Sab, 20/07/2019 - 08:52

Gli iraniani si accorgeranno presto cosa significa sfidare il Regno Unito L'Argentina ci ha provato e si sta ancora leccando le ferite

Pitocco

Sab, 20/07/2019 - 09:13

Finalmente anche la gran bretagna sente il fastidioso senso di vuoto quando ti toccano le tue cose. Sono proprio curioso cosa pensa di fare con la "nave da guerra" dopo che per almeno 200 anni ha seminato morte distruzione e disastri in giro per il mondo. Come dice il detto: chi semina vento raccoglie tempesta. E tempesta sia!

Pitocco

Sab, 20/07/2019 - 09:14

@killkoms si studi attentamente la storia di questi ultimi 300 anni in quella zona e poi riformuli quanto ha detto.

pardinant

Sab, 20/07/2019 - 09:34

Il brutto di questa faccenda è avere l'ennesima conferma che non sempre la libertà paga. Nell'occidente lo schierarsi a favore dell'Iran come di qualunque altro Paese contro la sua stessa Nazione è permesso, facile e pure considerabile di tendenza ma mi chiedo come possa essere trattato chi esprime uguale e opposto parere dall'altra parte ovvero in Iran o in uno di questi paesi per alcuni, secondo i loro presumibili parametri, altamente democratici. Agli stessi chiederei infine di tentare di presupporre, e capisco che la cosa resterà piuttosto ostica, ribaltando i rapporti di forza militare , come si comporterebbero questi esempi di democrazia e libertà contro l'Occidente inteso come Popoli cultura e religione.

georgi

Sab, 20/07/2019 - 10:46

alcuni commenti sono patetici.... come sono patetici gli inglesi a livello militare senza gli usa, questa è l'iran non l'iraq, l'iran se lo puo permettere, gli inglesi possono inviare anche le portaerei, siamo nel 2019 non nel 1970, affondano rapidamente, gli inglesi lo sanno anche.. ecco perche non vogliono fare un figuraccia.

fisis

Sab, 20/07/2019 - 11:35

Ma cosa aspettano americani e inglesi a regire duramente. Anche loro si stanno infiacchendo. E' un problema ormai di tutto il mondo occidentale.

Tobi

Sab, 20/07/2019 - 12:04

Popi46, tu dici: "io sto con gli americani, se non altro per come i pasdaran considerano le donne...". Invece non hai nulla da dire invece su come il mondo anglosassone sta distruggendo il sesso maschile e femminile ed il concetto stesso di famiglia naturale con l'ideologia del gender che stanno imponendo in modo forzato in tutto il mondo?

killkoms

Sab, 20/07/2019 - 12:06

@pitocco,senza arrivare agli ultimi 300 anni sequestrare del personale diplomatico è una cosa gravissima! Se gli Usa avessero fatto altrettanto a suo tempo avrebbero avuto centinaia di ostaggi a loro volta!

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Sab, 20/07/2019 - 12:21

"Trump avrebbe adottato in privato toni durissimi contro Teheran, veri e propri atteggiamenti da "Falco" pronto a un conflitto". E ci mancherebbe. Gli USA guerrafondai per mantenere vitale una delle industrie più floride, quella degli armamenti, non sprecano occasione. Cercando preresti o inventandosi balle vere e proprie come quelle servite per le guerre in Irak e in Libia con massacri di centinaia di migliaia di civili innocenti. Saddam Hussein, secondo l'intelligence USA, era in possesso di armi di distruzione di massa e aveva legami con al-Qaeda: tutto falso, come fu accertato successivamente. Mentre la notizia (falsa) che Gheddafi aveva l'intenzione di massacrare i civili a Bengasi fu il pretesto per l'invasione congiunta con Inghilterra e Francia. Per non parlare della fine miserabile che hanno fatto Gheddafi e Saddam Hussein. Adesso chi correrà il rischio di finire appeso alla forca americana?

lorenzovan

Sab, 20/07/2019 - 13:51

cni e' stato abituato ad essere servo sciocco...anche se poi ha cambiato partiti politici..resta sempre un servo sciocco degli angloamericani

alox

Sab, 20/07/2019 - 23:21

Gli Iraniani e Putin sono stufi marci: vogliono un cambio di regime in UK, USA, AU, Germany, Canada, Fr...l'Italia invece va bene cosi' perche' ci mettiamo i veli!

GGuerrieri

Sab, 20/07/2019 - 23:41

Popi46: Io non penso che la Repubblica islamica dell'Iran sia un tipo ideale di regime. Ma lei si ricorda di Mossadeq,premier iraniano laico nazionalista ai tempi dello Scià, fatto fuori con un golpe ispirato dagli angloamericani, perché riteneva ingiusta la ripartizione dei proventi petroliferi? E poi ci siamo ritrovati Khomeini... E soprattutto come giustifica allora l'alleanza di ferro degli USA con il criminale regine saudita, ed anche con gli altri petrolbeduini del Golfo, che tra l'altro non mi sembra trattino le donne con gran rispetto?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 21/07/2019 - 07:49

Con l'atomica il fanatico Khamenei chissà cos'altro combinerebbe.